Ernia spinale

Cause, sintomi e metodi di trattamento dell'ernia intervertebrale della colonna vertebrale lombosacrale

La colonna vertebrale umana ha 32-34 vertebre, che sono separate da dischi intervertebrali. Sono formati dall'anello esterno (fibroso) e dal nucleo pulpare. Quest'ultimo è localizzato nel centro del disco e ha una consistenza gelatinosa. L'ernia lombare si forma sotto l'azione del carico, in violazione dell'integrità dell'anello fibroso. Il nucleo polposo si estende oltre l'anello esterno, schiaccia le fibre nervose e interrompe la circolazione del sangue nel midollo spinale.

Perché può apparire un'ernia nella parte bassa della schiena? Questa condizione si verifica per diversi motivi:

  • patologia metabolica,
  • curvatura spinale, scoliosi, cambiamenti displastici nell'articolazione dell'anca,
  • lesioni spinali in un incidente, cadendo sulla schiena, colpendo,
  • pesante sforzo fisico, sollevamento pesi, flessione,
  • sovrappeso
  • malattie della colonna vertebrale: sifilide, tubercolosi, neoplasie.

Il rischio di formazione di ernie della colonna vertebrale lombare aumenta con le seguenti condizioni:

  • genere maschile: è più incline alla formazione di ernia,
  • stile di vita sedentario
  • predisposizione genetica
  • età 30-50 anni
  • il fumo,
  • lavoro sedentario
  • lesioni spinali minori.

Sotto l'influenza di questi fattori, la cartilagine e il tessuto osseo sono soggetti ad usura, il che contribuisce alla rapida comparsa dell'ernia intervertebrale.

Quali sono i segni di un'ernia nella regione lombare?

I sintomi di ernia nella regione lombare comprendono:

  • il dolore
  • mobilità limitata
  • debolezza dei muscoli delle gambe,
  • compromissione della sensibilità
  • cambiamenti della pelle nella zona interessata,
  • disfunzione degli organi pelvici,
  • cambiamenti esterni.

La localizzazione del dolore durante l'ernia può essere variata, dipende da quale radice viene bloccata. Spesso, la sindrome del dolore colpisce il lato interno della coscia all'articolazione del ginocchio, la parte interna della caviglia o della parte inferiore della gamba. Il dolore può irradiarsi nella zona delle natiche, i piedi. Spesso il dolore si avverte solo a un certo punto.

Nel corso del tempo, il dolore cambia la sua posizione, diffondendosi più in basso verso il tallone, il piede posteriore, il pollice.

All'inizio dello sviluppo della patologia, il paziente può descrivere il dolore come "mal di schiena". Nei casi più gravi, il dolore diventa immediatamente doloroso in natura. La sua intensità aumenta con la tensione prolungata degli arti e della parte bassa della schiena (lunga camminata o in piedi, esercizi sui muscoli lombari, su una strada accidentata).

La sindrome del dolore scompare in posizione supina. Mentre il processo progredisce, il dolore può essere ridotto solo piegando l'arto dolorante in tutte le articolazioni.

Sensibilità compromessa

L'ernia lombare contribuisce alla violazione della sensibilità. Il paziente non sente più il caldo e il freddo nella zona interessata, si sente insensibile, bruciore, formicolio o congelamento. Nella patologia del cuore non c'è sensazione di dolore.

Tali cambiamenti possono essere localizzati nel cavallo, nella vita, nella parte esterna e interna delle cosce, nella parte inferiore della gamba.

Disfunzione degli organi pelvici

Questi sintomi di un'ernia lombare si verificano solo quando viene schiacciato un midollo spinale.

Da parte dell'intestino, il paziente ha la diarrea e in alcuni casi la stitichezza. In questo caso, nessun dolore all'addome, o il suo gonfiore non è osservato.

Da parte della vescica - la frequente voglia di urinare. È indolore, con poco sangue, nessuna urina è separata. L'incontinenza a volte si forma.

Da parte del sistema riproduttivo - disfunzione erettile e prostatite negli uomini e patologia ginecologica nelle donne.

Cambiamenti esterni

Le persone dal lato possono notare che l'andatura del paziente, la sua postura è cambiata, gobba, slouching, accorciamento dell'arto apparso.

Un'ernia nella parte bassa della schiena è accompagnata dall'aspetto di un filo muscolare su un lato della colonna vertebrale, che è determinato dalla palpazione. Viene visualizzata la morbidezza delle pieghe dei glutei.

Quale medico tratta un'ernia lombosacrale?

Se ci sono segni di un'ernia della colonna vertebrale lombosacrale, è necessario riceverla da un traumatologo-ortopedico o vertebrologo. In presenza di manifestazioni neurologiche, sarà richiesto un consulto con un neurologo.

Un neurochirurgo tratterà prontamente una patologia. In caso di ernia intervertebrale lombare, se necessario, viene assegnato un appuntamento a un chiropratico, un medico di terapia fisica o un osteopata.

diagnostica

Come diagnosticare l'ernia vertebrale? Per fare questo, durante il ricevimento del medico del paziente:

  • conduce una prova con l'ascesa dell'arto inferiore,
  • esamina la temperatura, il dolore, la sensibilità alla vibrazione nell'area delle possibili lesioni,
  • determina i riflessi tendinei sulle gambe.

Per la diagnosi strumentale mediante TC o RM del lombosacrale. In presenza di lesioni del midollo spinale, può essere indicata la mielografia.

Come trattare l'ernia lombare? Questo può essere fatto in due modi: conservativo e chirurgico. Quale metodo verrà scelto dipende dai sintomi, dallo stadio della patologia, dalle malattie associate e dalla presenza di controindicazioni.

Per il trattamento dell'ernia della vita è importante che il paziente visiti uno specialista in tempo. Ciò consentirà una terapia conservativa, per evitare complicazioni e fermare la progressione della patologia.

Senza operazione

Il trattamento dell'ernia della colonna lombare senza chirurgia consiste in:

  • terapia farmacologica,
  • terapia manuale
  • Esercitare la terapia,
  • fisioterapia,
  • effettuando un massaggio terapeutico.

Il trattamento dell'ernia lombare nel periodo acuto è finalizzato all'eliminazione del dolore. Per fare questo, prescrivi i seguenti farmaci:

  • FANS - Diclofenac, Ibuprofen, Movalis, Meloxicam. In primo luogo, i farmaci vengono iniettati per via intramuscolare, quindi trasferiti in compresse,
  • rilassanti muscolari - Mydocalm, Sirdalud. Allevia gli spasmi muscolari, riducendo il dolore,
  • vitamine B1, B6, B12 (Milgamma, Neurobak, Neurovitan). Contribuiscono al ripristino delle fibre nervose e migliorano la conduttività dell'impulso.

Durante il periodo acuto è necessario osservare il riposo a letto. È vietato muovere bruscamente, sollevare oggetti pesanti.

Dopo aver interrotto la riacutizzazione, è possibile passare alla terapia manuale, al massaggio terapeutico, all'esercizio fisico e alla fisioterapia.

Intervento chirurgico

Il trattamento chirurgico per l'ernia della colonna vertebrale lombosacrale può essere utilizzato solo se la terapia non invasiva non ha portato risultati entro 1-2 mesi.

Per il trattamento chirurgico dell'ernia della colonna lombare vengono utilizzati i seguenti metodi:

  • laminectomia - questo intervento comporta la rimozione dei processi ossei che esercitano pressione sul disco intervertebrale nella zona interessata,
  • microdiscectomia: cancella parte del disco. Frequenti ricadute
  • installazione di protesi al titanio nello spazio intervertebrale.

Il trattamento dei dischi intervertebrali erniati della colonna lombare con l'aiuto di un'operazione aiuta ad eliminare la causa della patologia. L'intervento chirurgico è indicato in presenza di sintomi neurologici o compromissione della sensibilità dell'arto.

complicazioni

Complicazioni di un'ernia nella parte bassa della schiena sono:

  • scoliosi,
  • lombodinia (mal di schiena) al minimo movimento. Dura fino a diverse settimane
  • perdita di sensibilità nell'alluce o nella caviglia,
  • paralisi delle gambe.

Ernia lombare - una patologia che si sviluppa sotto l'influenza del carico a causa di processi degenerativi dell'anello fibroso. I sintomi di questa malattia sono dolore, perdita di sensibilità, limitazione della mobilità e cambiamenti nella pelle della zona interessata.

È possibile curare un'ernia in modo conservativo se è opportuno chiedere aiuto. Nei casi più gravi, eseguire l'operazione. Ritardare con l'eliminazione di questo processo patologico è impossibile, perché può portare a serie complicazioni.

Cause di patologia

La ragione dello sviluppo dell'ernia intervertebrale della colonna vertebrale nel lombosacrale può essere:

  1. Esercizio eccessivo Questo vale soprattutto per il sollevamento pesi senza l'uso di una fascia di supporto speciale.
  2. Lo sviluppo dell'osteocondrosi, che porta al fatto che il rilascio di nutrienti alla colonna vertebrale è compromesso.
  3. Lesione spinale, a seguito della quale è stata la regione lombosacrale che ha sofferto. Molto spesso, questo si verifica a seguito di un incidente.
  4. La presenza di scoliosi lombare.

  1. La presenza di un tumore o di altre neoplasie nella colonna vertebrale.
  2. Malattie della colonna vertebrale (spondilite anchilosante, tubercolosi, ecc.).
  3. Violazione dei processi metabolici, a seguito della quale viene disturbata la nutrizione dei tessuti spinali.
  4. Lungo giro in macchina. Durante il viaggio, la persona si trova in una posizione in cui la colonna vertebrale è piegata innaturalmente, il che contribuisce a un carico elevato sulla regione lombosacrale.

Il rischio di sviluppare un'ernia L5 S1 tra la parte bassa della schiena e l'osso sacro include persone con le seguenti malattie, così come altri fattori:

  • Displasia delle articolazioni dell'anca
  • Patologia dell'apparato muscolo-legamentoso di natura ereditaria.
  • Debolezza spinale
  • Età oltre 30 anni.
  • La presenza di eccesso di peso.

  • Disturbo nella struttura delle vertebre di natura innata.
  • Spostamento del bacino al lato.
  • Chirurgia spinale.
  • Stile di vita sedentario
  • La presenza di cattive abitudini che contribuiscono a cattiva circolazione e nutrizione dei tessuti spinali.

Sintomi di patologia

Lo sviluppo dell'ernia lombosacrale si verifica gradualmente. Ci sono 3 fasi del processo, ognuna delle quali ha le sue caratteristiche. Nella fase iniziale, il paziente è preoccupato per:

  • Un dolore di carattere noioso che può intensificarsi durante i momenti di movimento, starnuti o tosse.
  • L'indebolimento dei muscoli in uno degli arti inferiori e una diminuzione del loro volume.
  • La sensazione di bruciore e dolore lancinante su una gamba.
  • La temperatura della pelle su entrambe le gambe è diversa.

Se in questa fase non inizi il trattamento di un'ernia che si sviluppa nella colonna vertebrale lombosacrale, il dolore aumenta e la mobilità della parte bassa della schiena è disturbata.

Nella seconda fase dello sviluppo dell'ernia lombosacrale, il paziente è preoccupato per:

  • Dolore costante
  • Il dolore si estende alla zona della coscia, della gamba e del gluteo.
  • Mentre si cammina o si prova a piegarsi, il dolore diventa molto forte.

  • Pelle d'oca sulla pelle delle gambe.
  • Violazione della sensibilità della pelle degli arti inferiori (non sono in grado di rispondere a stimoli e variazioni di temperatura).
  • L'emergere di ulcere trofiche.

La mancanza di trattamento dell'ernia lombosacrale nella seconda fase porterà alla transizione dalla malattia allo stadio avanzato, che è caratterizzato dai seguenti sintomi:

  1. Ritardo o, al contrario, incontinenza urinaria.
  2. Diminuzione della libido
  3. Disfunzione erettile negli uomini
  4. Defecazione spontanea.
  5. Paralisi degli arti inferiori.

Trattamento farmacologico

Per il trattamento dell'ernia intervertebrale, originata nella regione lombosacrale, farmaci comunemente usati. Per salvare il paziente dal dolore ed eliminare l'infiammazione, vengono prescritti farmaci antinfiammatori non steroidei:

  1. Movalis è un farmaco a base di acido enolico adatto per un uso prolungato. Disponibile sotto forma di compresse e soluzione iniettabile.
  2. "Diclofenac" - il principio attivo dell'acido fenilacetico del farmaco. Disponibile sotto forma di compresse, iniezioni e farmaci per uso locale. "Diclofenk" aiuta ad arrestare rapidamente il dolore, alleviare gonfiore e infiammazione.

  1. "Ibuprofen" è una preparazione a base di acido propionico. Ha proprietà analgesiche, antinfiammatorie e antipiretiche. Può essere assegnato nella fase iniziale della patologia, in quanto ha un effetto debole.
  2. "Ketoprofen" - il principio attivo acido propionico. Il farmaco ha un potente effetto anti-infiammatorio ed è usato per alleviare il dolore.
  3. "Aspirina" - può essere somministrato come mezzo indipendente o come parte di altri medicinali. È caratterizzato da proprietà anti-infiammatorie e antipiretiche. Consente di salvare rapidamente il paziente dal dolore.

Inoltre, ai pazienti viene prescritto un trattamento con farmaci condroprotettivi. Devono essere presi per un lungo periodo di tempo. Solo con questa condizione si può ottenere l'effetto previsto. Di solito per il trattamento prescritto:

  1. "Alflutop" - un farmaco fatto sulla base di organismi marini. Grazie al suo utilizzo, i tessuti danneggiati vengono ripristinati, l'attività motoria migliora e il recupero avviene più velocemente. Inoltre, il farmaco ha proprietà antinfiammatorie e analgesiche.
  2. "Artra" è una combinazione di farmaci a base di glucosamina e condroitina. Dopo aver usato il farmaco, il gonfiore e l'infiammazione nei tessuti si riducono.
  3. "Teraflex" - fornisce la rigenerazione dei tessuti e accelera il processo di trattamento. Puoi usarlo non più di 3 settimane.
  4. "Struktum" è una monopreparazione con effetti riducenti e anti-infiammatori. Lo strumento deve essere usato con cautela per coloro che hanno la tendenza a sanguinare.

Il corso del trattamento dell'ernia intervertebrale prevede l'uso di miorilassanti, che allevia il dolore, a causa della rimozione dello spasmo muscolare. Per fare questo, nomina:

  1. "Mydocalm" - un farmaco anestetico che è in grado di alleviare i crampi e dilatare i vasi sanguigni. In caso di ernia intervertebrale, è prescritto sotto forma di iniezioni.
  2. "Baclofen" - il farmaco ripristina rapidamente la mobilità nel lombosacrale e accelera il recupero.
  3. "Tizanidina" - un farmaco anestetico che può alleviare l'infiammazione.

Medicina popolare

Il trattamento domiciliare può essere integrato con rimedi popolari. Tuttavia, devono essere usati insieme ai farmaci prescritti dal medico, poiché non possono curare da soli l'ernia intervertebrale. Le revisioni dei pazienti dimostrano l'efficacia di tali fondi:

  1. Comprimi con olio di cavallo.
  2. Comprime basato sull'argilla rossa.
  3. Massaggio della miscela di miele naturale, mummia e olio di abete.

  1. Comprimi usando la foglia di Kalanchoe fresca.
  2. Comprimere con tintura alcolica d'aglio.

Nonostante il fatto che la composizione di tali fondi includa solo ingredienti naturali, prima che il loro uso sia consultato con il medico, sono possibili controindicazioni.

Trattamenti aggiuntivi

Per migliorare l'efficacia del trattamento farmacologico e accelerare il recupero, al paziente viene prescritto un massaggio. Grazie a lui, riesce a scaldare i muscoli e ridurre la pressione sull'ernia delle radici nervose bloccate dall'intervertebrale. Per evitare complicazioni, è importante che il massaggio sia eseguito da un tecnico qualificato.

Cari lettori, nel video qui sotto vedrete una serie di esercizi per il trattamento e la riabilitazione della malattia:

La colonna vertebrale curativa senza chirurgia aiuta gli esercizi terapeutici. Scegli una serie di esercizi aiuterà il medico. Questo viene fatto a seconda del luogo di formazione di un'ernia intervertebrale. Lo yoga ha un buon effetto. Non esercitare durante un'esacerbazione della malattia.

Cause di ernia intervertebrale

Lo sviluppo della patologia si verifica raramente su una colonna vertebrale completamente sana - questo sarà ostacolato dalla flessibilità e dall'elasticità dei dischi cartilaginei. Normalmente, la loro forza è sufficiente per sopportare anche la caduta di una persona da un'altezza. C'è solo una ragione che indebolisce le loro proprietà protettive: l'osteocondrosi. Solo contro il suo background può svilupparsi un'ernia, poiché viola la stabilità della colonna vertebrale dall'interno.

Molti pazienti pensano che la malattia si verifichi improvvisamente - questo è causato dalla comparsa improvvisa dei sintomi. Ma la patologia può durare per diversi anni, causando solo un disagio periodico nella parte bassa della schiena. "Sfondare" i sintomi provoca l'attività fisica - serve come fattore scatenante per lo sviluppo del dolore.

Cause interne

Un'ernia della colonna vertebrale lombosacrale è sempre il risultato di un lungo ciclo di osteocondrosi. Ha sintomi simili (sono meno pronunciati), ma i pazienti possono vivere a lungo con loro. Ciò è dovuto alla limitazione minima dell'attività: il disagio nella parte posteriore è facilmente eliminato dopo un riscaldamento o un cambiamento di postura. Con l'ernia, la situazione è diversa: i dolori acuti limitano anche l'attività minima, costringendo una persona a vedere un medico. Tra questi stati, alcuni cambiamenti si verificano nel disco intervertebrale:

  • L'osteocondrosi causa danni alle parti esterne del disco cartilagineo, causandone la chiusura. Normalmente, l'anello esterno è denso ed elastico, che gli consente di allungarsi durante lo spostamento.
  • La compattazione del disco lo rende meno resistente agli urti, che è accompagnato dall'aspetto di piccole fessure sul bordo esterno.
  • Aumentano gradualmente raggiungendo le parti centrali del disco. Poiché l'interno ha una consistenza gelatinosa, può facilmente penetrare in questi difetti.
  • Quando la fessura raggiunge una dimensione critica, un carico eccessivo provoca la caduta di un nucleo morbido del disco.
  • Quindi si forma un'ernia - inizialmente ha una piccola dimensione, ma con la conservazione dell'attività, il suo aumento è sempre osservato.

Di solito, le ernie si formano nelle parti posterolaterali del disco intervertebrale - in questo luogo l'articolazione non è quasi rinforzata dai legamenti longitudinali.

Cause esterne

Il debutto della malattia è sempre associato a uno sforzo fisico eccessivo. Inoltre, non è il peso che viene sollevato, ma la nitidezza e le prestazioni scorrette del movimento. Con l'attività quotidiana, l'ernia non può verificarsi - anche con grave osteocondrosi, la colonna vertebrale continua a svolgere una funzione di supporto. I primi sintomi possono verificarsi come risultato delle seguenti azioni:

  • L'evento più comune di dolore durante il sollevamento con una schiena piegata e gambe dritte. Questa situazione è dannosa per la colonna vertebrale, poiché causa un carico eccessivo sulle sezioni anteriori dei dischi cartilaginei.
  • Il prossimo motivo è una brusca svolta del corpo con le gambe fisse. Questo movimento porta ad un aumento delle dimensioni delle crepe nel disco, che fungono da sito per l'introduzione di un'ernia.
  • Un salto anche da una piccola altezza a gambe dritte provoca un forte scuotimento della colonna vertebrale. A volte i pazienti saltano fuori solo un passaggio, che è sufficiente per l'introduzione di un'ernia.

Pertanto, anche con un leggero disagio nella regione lombare, tali carichi dovrebbero essere evitati, e il trattamento profilattico dell'osteocondrosi deve essere iniziato.

La protrusione in quasi l'80% dei casi è localizzata sul bordo della quinta vertebra lombare e il sacro, il che rende possibile chiamarla ernia della parte sacrale. A differenza dell'osteocondrosi, sarà sempre accompagnato dai sintomi "in lontananza". Sono chiamate sindromi radicolari causate dalla pressione dell'ernia sui nervi intervertebrali. Hanno abbastanza diversità, che determina le caratteristiche della clinica nei singoli pazienti:

  1. Lo sviluppo di complicazioni è sempre accompagnato da un aumento del dolore nella parte bassa della schiena. Se prima aveva un carattere fastidioso ed era associato a una postura scomoda, poi con un'ernia c'è un forte mal di schiena dal lato della colonna vertebrale all'altezza del carico.
  2. Poiché c'è una pressione sui nervi intervertebrali, prima di tutto, ci sono disturbi della sensibilità nelle gambe. Immediatamente ci sono disagi che si diffondono lungo il gluteo e la parte posteriore del piede.
  3. La debolezza dei muscoli delle gambe da parte della lesione si sviluppa, che è associata al loro riflesso "spento". Il dolore sovraccarica troppo il midollo spinale e in questo modo cerca di proteggersi dagli impulsi eccessivi. Anche se non c'è zoppia, può essere identificata attivamente - il paziente in posizione prona non può sollevare una gamba raddrizzata.
  4. I disturbi sensoriali si manifestano con bruciore e formicolio sulla pelle del lato colpito. Può essere osservato nei glutei e nelle dita dei piedi.
  5. Di conseguenza, tutti i disturbi provocano una postura forzata - il paziente è leggermente inclinato in avanti e sostiene la parte bassa della schiena con la mano, la schiena è mezza piegata. C'è una "guardia" della schiena - respiro attento e superficiale, passi lenti.

La formazione di un'ernia "acuta" della colonna vertebrale funge da motivo per l'accesso immediato a un medico - nell'ospedale essi saranno in grado di eseguire ulteriori esami e prescriveranno un trattamento.

I metodi di trattamento dell'ernia intervertebrale sono complessi e messi in scena, il che consente di creare una continuità di gestione di ciascun paziente. Ogni periodo include una certa quantità di assistenza, che accelera il ritorno della persona alla solita attività. Assegnare la seguente procedura nell'assistenza ai pazienti con ernia intervertebrale:

  • Inizia sempre con metodi conservativi: lo scarico della colonna vertebrale e la creazione del suo riposo, l'uso di antidolorifici e farmaci rilassanti.
  • A poco a poco, vengono aggiunti metodi di fisioterapia che hanno un effetto tonico. Se queste misure sono inefficaci per 3 mesi, quindi decidere sulla necessità di un intervento chirurgico.
  • Il trattamento chirurgico è attualmente rappresentato da piccole operazioni che consentono di recuperare da esse entro una settimana.
  • Completa tutto il restauro del paziente con l'aiuto della terapia fisica. Permette alla colonna vertebrale di restituire una forte struttura di muscoli e legamenti, che è un supporto importante.

In media, queste attività richiedono circa un anno - ma anche dopo il loro completamento il paziente è obbligato a continuare a rafforzare la schiena per scopi preventivi.

Trattamento conservativo

Include metodi di assistenza medica, che consentono di eliminare i principali sintomi: dolore e rigidità durante i movimenti. Per fare questo, utilizzare diversi percorsi di somministrazione di farmaci:

  1. A differenza dell'osteocondrosi con un'ernia, vengono utilizzate grandi dosi di antinfiammatori e antidolorifici, che vengono iniettati sotto forma di iniezioni. Ciò raggiunge il loro massimo effetto quando entrano immediatamente nel sangue.
  2. Applicare elettroforesi alla regione lombare con antidolorifici o enzimi. Questo metodo consente di consegnare la medicina direttamente alla fonte del dolore.
  3. Inoltre, al paziente vengono prescritti rilassanti muscolari per rilassare i muscoli - eliminano la rigidità durante il movimento.
  4. Una corretta alimentazione e vitamine sono necessarie per accelerare il processo di riparazione della cartilagine.
  5. Già dal primo giorno iniziano la terapia fisica, che migliorerà la circolazione del sangue nei tessuti molli. Un buon tono muscolare restituirà la normale posizione della colonna vertebrale, curvata sotto l'influenza del dolore.

Rimedi locali (pomate o gel) per l'ernia sono inefficaci, dal momento che il loro dosaggio non è sufficiente per eliminare una sindrome da dolore forte.

Trattamento chirurgico

La chirurgia dell'ernia è praticata solo quando i metodi conservativi falliscono e quando c'è il rischio di danneggiare i nervi o il midollo spinale. Ora l'elenco degli interventi differisce di una considerevole varietà:

  • La nucleoplastica consente di utilizzare il laser o l'azoto liquido per "evaporare" il volume interno del sacco erniario. Quindi collassa e viene sostituito dal tessuto connettivo, la cicatrice.
  • La rimozione microscopica di un'ernia consente l'inserimento di apparecchiature nell'area del difetto attraverso incisioni di punti e la rimozione della protrusione. Il difetto risultante viene quindi suturato, che impedisce ulteriori perdite del nucleo del disco.
  • Le protesi del disco sono utilizzate in rari casi quando l'intera cartilagine viene alterata in modo irreversibile. Allo stesso tempo, un vecchio disco intervertebrale viene rimosso attraverso una grande incisione e al suo posto viene installata una protesi sintetica.

La scelta del metodo si basa sull'età e sulle condizioni del paziente, nonché sui risultati della risonanza magnetica, che consente di creare un'immagine tridimensionale dell'area interessata. La preparazione alla chirurgia include anche l'eliminazione dei principali sintomi - dolore e rigidità, per prevenire complicazioni dopo l'intervento. Il trattamento dopo aver rimosso un'ernia comprende ginnastica medica, che viene eseguita per un anno. Quindi tutti i pazienti sono invitati a indossare un corsetto per tutta la vita per sostenere la schiena.

Anatomia della connessione della colonna lombare e sacrale

La colonna lombare è composta da 5 vertebre, la parte inferiore delle quali è collegata alla vertebra superiore del sacro. Il dispositivo della divisione sacrale è dovuto alla funzione di supporto nella composizione della cintura pelvica: tutte e 5 le vertebre sono cambiate, unendosi in un'unica struttura piramidale.

Le vertebre lombari in anatomia sono chiamate "vere" perché possedere il dispositivo di elementi di connessione mobile:

  • il corpo è una capsula massiccia con un'ampia superficie di zone di contatto e pareti spesse. All'interno è presente una struttura ossea cellulare riempita di midollo osseo rosso, tessuto adiposo, vasi sanguigni e terminazioni nervose,
  • arco - formazione semicircolare ossea, collegata al corpo da due ponti,
  • germogli situati sull'arco, nella quantità di 7 unità: articolazione inferiore abbinata, articolazione superiore accoppiata, trasversale trasversale (lungo laterale), spinoso (situato al centro dell'arco).

L'arco e il corpo formano l'apertura spinale, che contiene il midollo spinale.

Processi articolari (altri nomi. "Sfaccettature"), che si collegano con i processi accoppiati delle vertebre adiacenti, creano "faccette articolari". Grazie ai legamenti flessibili, le articolazioni non impediscono il piegamento in avanti, ma quando si piegano all'indietro creano ulteriore supporto rigido al palo principale.

La vertebra superiore del sacro ha la stessa area dell'area di contatto dell'ultima vertebra lombare, ma differisce nella struttura: i processi trasversali sono notevolmente aumentati, l'articolare ridotto, lasciando solo le due fossi articolari superiori, il processo spinoso è diminuito in modo significativo. I luoghi di fusione delle vertebre danno "cuciture" appena visibili.

La giunzione vertebrale L5-S1 è l'ultimo vero disco intervertebrale nel post. Ciò impone determinati obblighi: un potente tessuto cartilagineo sopporta l'intero peso della parte superiore del corpo. Il dispositivo del disco corrisponde allo scopo:

  • al centro c'è una formazione lenticolare "nucleo gelatinoso" (un altro nome è "corpo pulpare"). Il nucleo di gel è costituito da una miscela di collagene e acqua (fino al 98%). Il fluido incomprimibile funge da ammortizzatore ideale per carichi verticali.
  • il nucleo si trova all'interno della capsula cartilagine - "anello fibroso". Uno spesso strato di tessuto fibroso contiene collagene (fino al 20%), proteoglicani (sostanze che trattengono l'acqua) e acqua stessa (fino al 75%). La nutrizione costante viene fornita attraverso lo strato ialino che ricopre la cartilagine. Acqua, amminoacidi e minerali provengono direttamente dai tessuti circostanti.

Cause di ernia

MRI ernia lombosacrale comune L5-S1

L'ernia intervertebrale è un risultato naturale dell'azione distruttiva della più comune malattia dell'apparato muscolo-scheletrico: l'osteocondrosi. Il graduale degrado del tessuto cartilagineo degli anelli fibrosi, causato da carichi costanti e scarsa alimentazione, porta a rotture microscopiche, moltiplicate per ogni inclinazione e sollevamento della gravità.

La connessione L5-S1 si distingue per la sua posizione inclinata rispetto alla verticale della colonna vertebrale. Le due articolazioni della faccetta inferiore compensano parzialmente il carico sul corpo vertebrale, ma ancora questo è l'anello fibroso più caricato dell'intera colonna vertebrale.

La tensione principale nel disco intervertebrale cade sul lato esterno, ed è qui che si forma la protrusione - il diradamento dell'anello fibroso con fessure radialmente dal centro. È nel letto di protrusione che il nucleo liquido esce dalla regione centrale del disco. Si forma un "canale erniario" e il contenuto fluente del nucleo crea una vescicola al di fuori del disco, il "sacco erniario".
al contenuto ↑

I sintomi dell'ernia intervertebrale sono determinati dal luogo di formazione: se il sacco erniario si trova centralmente o è spostato a destra oa sinistra. A seconda dell'entità del gonfiore, i sintomi appariranno con una certa intensità.

Il primo e necessariamente presente sintomo è il dolore alla colonna lombare con rinculo nelle gambe (lati esterni dei muscoli glutea e femorale). La dimensione dell'ernia determina la sindrome del dolore: più violazioni dell'integrità del disco intervertebrale si sono già verificate, più intenso è il dolore nella parte bassa della schiena. Dolori opachi, rottura (lombalgia) dopo essere stati seduti per lungo tempo o in piedi con un busto leggermente inclinato rilasciano lo stadio iniziale di sviluppo. Un'ernia più matura causa attacchi acuti e strattoni dolorosi (lombalgia).

Il secondo sintomo indica la posizione del sacco erniario. Le radici nervose passano attraverso le aperture foraminali sotto l'articolazione della faccetta, collegando il midollo spinale con i muscoli delle gambe. Una bolla gonfia di un'ernia preme sui nervi, impedendo il passaggio degli impulsi. Di primaria importanza per ulteriori trattamenti è il tipo di gamba visitata dal dolore e dall'intorpidimento delle parti del gluteo e del femore, il lato esterno della gamba e la caviglia. L'intorpidimento periodicamente va e viene, ma rimane una sensazione di debolezza, letargia.

La pressione sulle navi che passano lungo la colonna vertebrale e vicino alle radici nervose porta all'anemia della regione pelvica, che è la causa della debolezza e dei disturbi funzionali degli organi del sistema genito-urinario.
al contenuto ↑

Trattamento dell'ernia intervertebrale dell'articolazione lombosacrale L5-S1

L'ernia intervertebrale non è la causa della completa immobilizzazione, ma in casi molto trascurati può trasformare il paziente in invalido. I neuropatologi e gli osteopatiologi affrontano il trattamento delle ernie dal punto di vista di un'attenta combinazione di farmaci, fisioterapia e terapia fisica. Questo è il motivo per cui il trattamento conservativo è considerato fondamentale - non è in grado di fraintendere per danneggiare l'innervazione dei muscoli delle gambe e immobilizzare una persona per sempre.

I farmaci usati per trattare le ernie intervertebrali sono finalizzati ad alleviare il dolore, l'infiammazione dei vasi e dei nervi bloccati e il ripristino del tessuto cartilagineo. Gli NVPV (farmaci antinfiammatori non steroidei) con il supporto dei rilassanti muscolari si adattano meglio ai primi due compiti. Per il dolore grave, vengono prescritti analgesici. Per aumentare la forza dei tessuti cartilaginei dell'anello fibroso, vengono usati condroprotettori - sostanze biologicamente attive che promuovono la formazione attiva delle fibre di collagene. La chiusura del canale erniario contribuirà a ridurre il sacco erniario con le procedure associate.

La terapia sportiva per l'ernia della colonna vertebrale lombosacrale è considerata una procedura medica attiva. La tecnica è semplice: quando un'articolazione viene stirata, si verifica una regione di pressione ridotta nello spazio tra le vertebre. Il contenuto del sacco erniario, collegato da un canale con un'area rarefatta, viene aspirato nella cavità, riducendo la pressione sulle radici e sui vasi nervosi.Dall'efficacia delle misure dipende dalla capacità del nucleo di tornare al "posto giusto". Un video tutorial dimostra esercizi che aiutano a ridurre l'ernia.

La procedura di fisioterapia "terapia di trazione" funziona nella stessa direzione. Lo stiramento della colonna vertebrale con l'aiuto di dispositivi meccanici è considerato un metodo efficace per il trattamento di ernie piuttosto grandi.

La medicina orientale ha anche fatto progressi nell'alleviare il dolore e l'infiammazione locale. L'agopuntura e la terapia manuale possono portare un notevole sollievo ai pazienti per l'uso di trattamenti più efficaci.

I forum che informano le persone sui metodi di trattamento, efficacia e risultati descrivono vari casi: per alcuni con un'ernia abbastanza grande, la capacità di muoversi attivamente rimane, per altri, un leggero gonfiore causa dolori dolorosi dai quali sono in grado di sbarazzarsi in qualsiasi modo. Il più delle volte con l'aiuto di interventi chirurgici.

Per il trattamento di piccole ernie, si raccomanda la chirurgia laser per la vaporizzazione (evaporazione) e la decompressione del disco. Ampia ernia sporgente asportata con parziale sostituzione del disco (per evitare il ripetersi di "perdite").

Video con una descrizione dettagliata dell'occorrenza di ernia e metodi di trattamento

Il metodo di trattamento di ernia LFK prof. Bubnovsky

Tipi di ernia lombare

L'ernia spinale in ogni reparto può apparire relativamente alla sua circonferenza in molte aree diverse. La localizzazione gioca un ruolo enorme. La sporgenza del disco intervertebrale può avere 4 forme:

  1. Side. Un sacco erniario si forma in uno dei lati della colonna vertebrale. Di solito, se è piccolo, non causa alcun inconveniente speciale e non è troppo pericoloso per la salute.
  2. Lato posteriore L'ernia di questa forma è la più pericolosa. Ciò è dovuto al fatto che la sporgenza del disco è in grado di trasmettere il midollo spinale, se è diretto in profondità nel canale spinale. Nel caso in cui si gonfia verso le radici spinali, può minacciare di compressione, infiammazione o irritazione, che causa complicazioni meno gravi.
  3. Ventrale (anteriore). In realtà, non si manifesta in alcun modo e non porta conseguenze patologiche. Inoltre, questo tipo di ernia viene solitamente rilevato per caso.
  4. Classica. Forma particolarmente pericolosa, perché il disco si gonfia in un cerchio e minaccia la compressione. Questo tipo è suddiviso in 2 sottospecie:
    • diffuso, cioè quando in una delle aree viene spremuto di più,
    • circolare - il disco si estende oltre i limiti normali in modo uniforme, senza alcuna proiezione speciale.

I sintomi di erniazione della regione lombosacrale dipendono da quanto sono grandi. distinti:

  • piccolo (fino a 5 mm),
  • medio (fino a 8 mm),
  • grande (fino a 12 mm),
  • gigante (oltre 12 mm).

Sintomi di ernia della colonna vertebrale sacrale

L'ernia del rachide sacrale presenta sintomi che appaiono abbastanza intensamente nella fase in cui non era completamente formata. Il dolore persegue inizialmente solo dopo un intenso lavoro, lunghe camminate. Oltre a questo fenomeno sono aggiunti segni come:

  • estremità fredda
  • sentirsi rigido, difficile fare movimenti abituali,
  • pelle d'oca, intorpidimento,
  • sensazione di bruciore

Quando si verifica la sindrome radicolare, i sintomi progrediscono e ad essi può essere aggiunto un fenomeno così grave come l'atrofia muscolare.

Quale dolore nell'ernia sacrale ricorda

I sintomi di questa malattia sono descritti sopra, ma il principale, ovviamente, è il dolore. Inoltre, un'ernia della colonna sacrale può manifestarsi in modi diversi. Quindi, è consuetudine distinguere 3 tipi di sensazioni di dolore di diversa natura e grado di intensità:

  1. Lumbodynia. In modo simile si chiama dolore, che si sente costantemente, senza esacerbazioni. In alcuni casi, le sensazioni di dolore si attenuano e compaiono solo dopo aver sovraccaricato la parte lombare.
  2. ischialgia lombare. In questo caso, ci sono esattamente gli stessi fenomeni della lombodinia, solo il dolore si diffonde anche sulla superficie delle cosce e dei glutei. Irradiare una tale sindrome può immediatamente in entrambe le gambe o solo una.
  3. Lombalgia. Allo stesso modo, è anche chiamato il mal di schiena. Questo è un attacco acuto che si verifica all'improvviso. La sua intensità è così forte che per qualche tempo una persona non è nemmeno in grado di cambiare la sua posizione. Di solito, la lombalgia passa rapidamente e il dolore si attenua un po ', diventando simile nel carattere alla lombodinia.

Cause e fattori di rischio

La colonna lombare è caratterizzata da varie lesioni e una generale suscettibilità a varie malattie dell'apparato muscolo-scheletrico. Questa esposizione è direttamente correlata alle caratteristiche strutturali dello scheletro stesso, quindi è molto importante non consentire fattori di rischio che possono causare un'ernia intervertebrale in questa zona della schiena. Questi sono:

  • condizioni di lavoro avverse
  • eccesso di peso
  • problemi emergenti con la postura,
  • anomalie di natura congenita,
  • praticare sport associati a stress severi
  • osteocondrosi,
  • bassa mobilità e, di conseguenza, indebolimento del sistema muscolare.

L'apparizione di un'ernia nella regione sacrale comporterà inevitabilmente problemi di circolazione sanguigna di quest'area, e questo già minaccia di compromettere le funzioni degli organi pelvici.

Metodi per diagnosticare l'ernia lombosacrale

L'ernia sacrale richiede un'attenta diagnosi, perché deve essere differenziata da altre malattie che hanno un quadro clinico simile. La selezione del trattamento corretto da parte di un medico avverrà sulla base dei risultati di diversi studi contemporaneamente. Il maggior valore nella diagnosi in questa situazione sono metodi come:

  • mielografia (invasiva o non invasiva),
  • Scansione TC
  • MRI
  • radiografia.

Inoltre, il paziente viene inviato per test di laboratorio, nonché una consulenza con un neurologo al fine di identificare possibili violazioni che potrebbero svilupparsi a seguito di un'ernia.

Terapia farmacologica

Il trattamento dell'ernia lombosacrale erniaria con i farmaci è alla base di tutta la terapia spinale. Il trattamento prevede l'assunzione di farmaci in diversi gruppi:

  1. Rilassanti muscolari (Mydocalm, Xeomin).
  2. Angioprotectors che hanno un effetto positivo sulla circolazione del sangue (Actovegin, vitamina C, rutina).
  3. Farmaci anti-infiammatori (Ibuprofen, Meloxicam, Diclofenac).
  4. Anticonvulsivi (Neuralgin, Testi). Sono selezionati se c'è una violazione del nervo periferico.
  5. Antidolorifici.
  6. Condroprotettore (Hondroksid, Teraflex).

Fisioterapia per l'ernia lombare

Le misure fisioterapeutiche hanno anche un effetto curativo sull'ernia. Di solito selezionare diversi tipi di fisioterapia. Grazie a lei, è in grado di migliorare i processi locali di circolazione del sangue, che ridurranno l'infiammazione e contribuiranno al rafforzamento dell'immunità locale. Procedure complesse aiuteranno a raggiungere e ridurre il dolore.

Ecco una serie standard di procedure fisioterapiche utilizzate per l'ernia:

  • applicazione di paraffina, fango,
  • corrente galvanica
  • balneoterapia,
  • fonoforesi,
  • EHF,
  • elettroforesi con l'uso di droghe
  • agopuntura,
  • terapia magnetica.

Anche la terapia manuale e le sessioni di massaggio ordinarie possono avere un grande effetto terapeutico, tuttavia, con un'ernia sono necessariamente prescritte solo individualmente. Inoltre, la procedura dovrebbe essere eseguita da uno specialista altamente qualificato.

Allenamento fisico terapeutico - terapia fisica

La colonna vertebrale sacrale è molto suscettibile alle lesioni, quindi con una piccola ernia, una persona deve essere inviata alla terapia fisica. Esercizi costanti rafforzeranno il corsetto muscolare in quest'area, e questo, a sua volta, ridurrà la probabilità di spremere ulteriormente il disco dalla colonna vertebrale.

Gli esercizi per l'erniazione della colonna lombare nella fase iniziale vengono eseguiti con l'obiettivo di un leggero stiramento dei muscoli e dello stiramento della colonna vertebrale, in quanto ciò consentirà di rimuovere lo spasmo e il dolore. In futuro, assicurati di continuare lo stretching, ma completa questi esercizi ed esercizi volti a rafforzare le fibre muscolari.

Il complesso è selezionato solo da un medico, in quanto deve includere un carico comprovato che non sarà eccessivo con un'ernia della colonna vertebrale.

Rimedi popolari

Per il trattamento dell'ernia intervertebrale non si possono usare solo rimedi popolari. È consentito utilizzare decotti di erbe che rafforzano l'immunità generale o contribuiscono alla rimozione del processo infiammatorio, ma solo dopo aver consultato un medico. È auspicabile rifiutare i rimedi popolari, poiché il rischio di complicazioni con una malattia così grave aumenta più volte.

Metodi di prevenzione

Lo sviluppo dell'ernia vertebrale della colonna sacro-lombare è fortemente influenzato dallo stile di vita. Per la prevenzione è molto importante seguire una serie di suggerimenti:

  1. Sbarazzati di un cuscino scomodo, prendi un materasso ortopedico.
  2. Guarda la tua postura.
  3. Non consentire l'aumento di peso.
  4. Evita sforzi fisici eccessivi.
  5. Esercitare regolarmente ed eseguire esercizi mirati al rafforzamento del sistema muscolare.
  6. Prendi un multivitaminico e mangia completamente.

Prova a cambiare il tuo stile di vita in uno più favorevole. Seguire i suggerimenti di cui sopra e questo aiuterà a prevenire danni al disco intervertebrale e rallentare in modo significativo la progressione della malattia.

Come appare un'ernia nella regione lombosacrale?

Per iniziare immediatamente il trattamento non chirurgico dell'ernia intervertebrale, è necessario differenziare la protrusione da altre malattie simili della colonna vertebrale.

Sintomi di ernia lombare sacrale:

  • I dolori doloranti nella colonna lombare, aggravati durante il movimento e durante la riacutizzazione,
  • Pesantezza e rigidità durante lo spostamento
  • Disagio e dolore quando si piega e si gira il corpo,
  • Mal di schiena: improvviso dolore alla colonna vertebrale, che scappa da solo,
  • Sintomi a lungo termine negli arti inferiori: intorpidimento, dolore lungo il nervo sciatico, sensazione di formicolio.
  • L'ernia complicata dà sintomi di rottura della vescica e dell'intestino: dispepsia, minzione involontaria.

La terapia di protrusione della colonna vertebrale con la comparsa di sintomi simili è obbligatoria, in quanto ciò può comportare una ridotta circolazione del sangue negli organi pelvici, atrofia muscolare, mobilità limitata e ridotta sensibilità cutanea nell'area della colonna vertebrale interessata.

La scelta del trattamento

È possibile eliminare i sintomi e migliorare la qualità della vita di un paziente con patologia spinale mediante metodi conservativi: farmaci, fisioterapia, trazione spinale, metodi hardware, inclusa la rimozione laser. L'obiettivo principale del trattamento non chirurgico è l'eliminazione della compressione delle radici spinali e il rilascio dello spazio intervertebrale.

Fasi del trattamento dell'ernia nella colonna vertebrale lombosacrale:

  • Corso sintomatico di droga: la nomina di FANS e analgesici. I sintomi devono essere rimossi prima di tutto al fine di continuare un trattamento di ernia confortevole. Al paziente vengono prescritti farmaci per l'anestesia, alleviare l'infiammazione, eliminare l'edema. È anche importante utilizzare vitamine e agenti fortificanti che aiuteranno a prevenire complicazioni frequenti, eliminare le lesioni infettive. Lo svantaggio di questo approccio può essere identificato effetti negativi sugli organi del tratto gastrointestinale, in quanto i farmaci antinfiammatori non steroidei con uso prolungato possono portare a gastrite, reflusso e persino ulcera peptica. Un altro svantaggio degli antidolorifici è un falso sollievo quando il paziente si sente bene e continua a caricare la colonna vertebrale, che termina con un processo acuto e la necessità di effettuare un trattamento chirurgico,
  • Il trattamento di fisioterapia è più efficace e importante per il paziente, poiché l'effetto inizia direttamente sulla colonna vertebrale interessata. Le principali attività per la colonna vertebrale del paziente: massaggio, elettroforesi, terapia corrente, bagni terapeutici e terapia manuale,
  • La rimozione chirurgica viene eseguita dopo 8 settimane di trattamento conservativo senza risultati. Il paziente può essere sottoposto a discectomia, rimozione endoscopica, microdiscectomia, laminectomia, trattamento laser.

Il trattamento di fisioterapia dell'ernia è abbastanza efficace. Questa potrebbe essere una terapia manuale.

La scelta del metodo di trattamento dipende dalle condizioni del paziente, dalla durata del processo patologico e dalla presenza di controindicazioni alle singole opzioni per l'eliminazione dell'ernia.

Terapia non chirurgica

Il trattamento conservativo o non chirurgico viene effettuato immediatamente dopo la diagnosi di protrusione intervertebrale nella colonna vertebrale lombosacrale.

Al paziente vengono mostrati massaggi ed esercizi terapeutici, che possono essere eseguiti a casa.

I farmaci prescritti al paziente possono combinarsi con i metodi tradizionali di trattamento che migliorano la salute, rafforzano il sistema immunitario, alleviano i sintomi del dolore e dell'infiammazione.

Indicazioni per il trattamento conservativo dell'ernia del disco:

• piccolo difetto erniario,
• mancanza di atrofia muscolare e malattie associate della schiena,
• efficace eliminazione del dolore con farmaci e fisioterapia,
• controindicazioni per il trattamento chirurgico dell'ernia del disco.

La ginnastica aiuta a combattere il dolore e la rigidità nell'ernia.

Ginnastica e massaggio più efficacemente combattono il dolore e la rigidità del movimento, quindi questi metodi sono sempre utilizzati, sia prima dell'operazione che durante il periodo di riabilitazione.

Indicazioni per la chirurgia

La rimozione radicale di un'ernia del disco è effettuata rigorosamente secondo indizi in reparti neurochirurgici. L'ernia intervertebrale richiede un intervento chirurgico in questi casi:

  • Ernia spinale sequestrata,
  • Paralisi e paresi sullo sfondo delle lesioni atrofiche,
  • Sintomi permanenti di dolore e movimento limitato,
  • La presenza di gravi sintomi neurologici.

Un metodo popolare di rimozione del disco è la microdiscectomia, che consente di rimuovere un difetto erniario in qualsiasi posizione con lesioni tissutali minime. Il paziente è in ospedale una settimana dopo l'intervento, dopo una settimana e mezza può tornare al lavoro non fisico e in un mese al lavoro fisico.

La struttura della colonna vertebrale

Il suo scopo è quello di eseguire una funzione di supporto, fornire supporto agli organi interni e proteggerli da danni esterni e contenere anche il midollo spinale. Per fare questo, la colonna vertebrale deve avere la forza e la mobilità.

Le vertebre, cioè i componenti della colonna vertebrale, hanno caratteristiche comuni ad eccezione di alcune. Ogni vertebra ha un corpo, da cui partono le braccia con i processi, formando un forame vertebrale. Processi 7: spinoso, 2 trasversale, superiore e inferiore associati. I corpi vertebrali, saldamente collegati l'un l'altro con l'aiuto di legamenti e articolazioni, proteggono il midollo spinale, che si trova nel canale spinale. È formato da processi della vertebra e dell'apparato del legamento, che è rappresentato da legamenti lunghi e corti, fibre. Tra le vertebre c'è un disco cartilagineo, che fornisce mobilità spinale in tutte le direzioni.

La colonna vertebrale è composta da diversi dipartimenti, le loro parti costitutive hanno le loro caratteristiche.

  1. La regione cervicale è rappresentata da 7 vertebre, fornisce la mobilità del collo. Allo stesso tempo, 1 e 2 vertebre hanno le loro caratteristiche: la prima (atlante) consiste di 2 archi, non ha corpo.Ai lati, le braccia passano nelle masse laterali, il cranio e la seconda vertebra cervicale sono attaccati a loro. La particolarità della seconda vertebra è che c'è una protrusione sul corpo, che è il corpo del primo, modificato nel processo di sviluppo, è chiamato dente. Atlanta ruota attorno ad esso. Nei processi trasversi di tutte le vertebre cervicali ci sono dei fori nei quali passa l'arteria vertebrale. Tra le vertebre ci sono dei fori attraverso i quali escono le radici spinali.
  2. La colonna vertebrale toracica ha 12 componenti, adiacenti a loro 12 coppie di costole. Per questo, ci sono fossa articolare sui corpi e processi trasversali.
  3. La regione lombare è composta da 5 vertebre, che sono le più massicce. Il loro corpo assomiglia a un bob, e i processi sono enormi, questo è dovuto al fatto che questa parte della schiena rappresenta la maggior parte del corpo. Aiuta la colonna vertebrale in questa zona pelvica.
  4. Le vertebre sacre, di cui 5, insieme al coccige, con 3-5 componenti, sono giuntate insieme, il che è dovuto alla posizione eretta della persona. Il sacro esegue una funzione ausiliaria di supporto, alleviando la regione lombare.

Spesso, nelle fonti mediche, le ultime 2 sezioni spinali sono combinate, unendosi insieme nella parte lombo-sacrale.

La sezione cervicale e lombare sono piegate in avanti, che si chiama lordosi, e le parti toracica e sacrale sono piegate all'indietro (cifosi).

Il concetto di ernia e le ragioni del suo verificarsi

Durante la vita di una persona, le vertebre stanno invecchiando.indossare dischi. Il disco ha un anello,all'interno del quale si trova il nucleo. Sotto carico pesante, l'anello è indebolito o strappato, inDi conseguenza, il nucleo potrebbe cadere dentro o fuori rispetto al corpo vertebrale. Questa situazione porta alla compressione delle radici nervose, che si trovano nella colonna vertebrale, provocando la comparsa di segni di patologia.

Le ernie si verificano più spesso nella parte bassa della schiena (tra l'ultima vertebra lombare e l'articolazione sacrale) e sono chiamate ernia intervertebrale della colonna vertebrale lombosacrale.

Le ragioni della violazione possono riguardare non solo i cambiamenti legati all'età, ma anche altri fattori:

  • esercizio di una tantum significativo,
  • la natura del lavoro associata a carichi costanti, sollevamento pesi,
  • lesioni (incidente, impatto, caduta da un'altezza),
  • danno alla copula e al sistema muscolare,
  • obesità e sovrappeso,
  • la presenza di disordini metabolici e malattie endocrine,
  • con uno stile di vita sedentario, si verifica atrofia del sistema muscolare,
  • displasia dell'anca nell'infanzia, specialmente se trattata in modo improprio,
  • osteocondrosi.

Più fattori di questo elenco sono presenti in una persona, maggiore è la probabilità di patologia.

Il meccanismo di violazione è il seguente: sotto l'influenza di un fattore dannoso o di una pressione eccessiva, la membrana fibrosa del disco è tesa o strappata e il nucleo sporge nello spazio risultante.

Forme e stadi di formazione

I sintomi e il trattamento della patologia formata in qualsiasi parte della colonna vertebrale dipende dalla sua forma e dalla sua estensione.

Poiché il prolasso del disco può verificarsi in diverse direzioni, esistono diversi tipi di ernia intervertebrale.

  1. La formazione che si gonfia all'interno del canale spinale si chiama posteriore. Allo stesso tempo, il midollo spinale può essere schiacciato, che si manifesta con gravi disturbi, fino allo sviluppo di paresi o paralisi, disturbi degli organi pelvici. Se allo stesso tempo l'ernia è diretta verso le radici nervose, allora la loro compressione e infiammazione si sviluppa in quella zona. L'ernia o la protrusione è chiamata laterale posteriore.
  2. La posizione dell'ernia è laterale, cioè laterale. In questa forma, le manifestazioni sono generalmente assenti, si osservano solo con una grande quantità di protrusione.
  3. Parlano di un'ernia ventrale se si trova di fronte alla colonna vertebrale. I sintomi possono anche essere assenti e farsi sentire con una grande ernia.
  4. Con un processo comune, il rigonfiamento di un disco avviene in tutte le direzioni e ciò può avvenire in modo uguale da tutti i lati o in modo non uniforme (da qualche parte di più, da qualche parte in meno). In questo caso, l'intero complesso dei sintomi è pronunciato, potrebbero esserci segni di compressione del midollo spinale.

L'emergenza della protrusione non si verifica in un grande volume in una volta, ci sono diverse fasi della sua formazione:

  • protrusione, quando non c'è ancora alcuna rottura della membrana fibrosa, ma il disco sta già sporgendo di circa 3 mm oltre i limiti del corpo vertebrale,
  • l'ernia è accompagnata dalla rottura dell'anulus,
  • il processo di sequestro, quando si verifica già la separazione della parte sporgente, la sua perdita. In questa fase, il paziente avverte forti dolori, i sintomi si sviluppano.

L'educazione può variare da piccolo a gigante, parametri definiti nella letteratura medica.

I sintomi di un'ernia della spina dorsale lombosacrale dipendono dalla forma della patologia: la protoplusione posterolaterale e diffusa è la più pericolosa, la più chiaramente manifestata, ha una prognosi meno favorevole. Le forme laterali e ventrale della patologia non hanno quasi sintomi, possono essere rilevate da un esame casuale.

L'ernia può essere le seguenti manifestazioni:

  1. Dolore di natura diversa. Può essere acuto o fastidioso, manifestarsi localmente o abbandonare il bacino.
  2. Intorpidimento degli arti inferiori fino a una completa perdita di sensibilità.
  3. Ridurre la temperatura delle dita dei piedi.
  4. Restrizione del movimento, rafforzamento dei segni quando la posizione del corpo cambia.
  5. La comparsa di movimenti intestinali involontari e minzione.
  6. Ridotta attività funzionale dei muscoli.

Il primo e più importante sintomo della patologia è il dolore, che può essere di natura diversa. La sua amplificazione o cambiamento di manifestazione indica la diffusione del processo.

Quando l'ernia lombosacrale, ci sono diversi tipi di disagio:

  1. Lumbodynia, in cui il dolore è doloroso permanente dopo lo sforzo fisico.
  2. La lombalgia è un acuto dolore al tiro, dopo la sua comparsa una persona spesso rimane nella stessa posizione in cui è originata.
  3. Lumboischialgia combina i segni di dolore doloroso, che dà lungo il nervo.

Conseguenze, ulteriore periodo di vita

L'esito del trattamento è generalmente favorevole, specialmente nella fase iniziale della malattia. L'operazione può anche portare un effetto positivo, soprattutto se l'ernia è singola. Successivamente, una persona deve aderire a determinate regole e osservare uno stile di vita sano. È importante controllare il peso, che eliminerà il carico aumentato, rinforzare costantemente la schiena con l'aiuto della ginnastica.

In alcune situazioni, il medico può raccomandare di indossare un corsetto, che consente di scaricare la lombare. È utile, soprattutto dopo l'operazione di fare il nuoto, sotto la supervisione di un istruttore di ginnastica per eseguire ginnastica. Sono esclusi i carichi fisici pesanti, se sono legati al lavoro, quindi è necessario cambiare il tipo di attività professionale. Se segui tutti i consigli del medico, l'ernia non si preoccupa, e dopo l'operazione puoi dimenticartene completamente.

Cos'è un

L'ernia intervertebrale della colonna vertebrale lombosacrale è una malattia del sistema muscoloscheletrico umano, caratterizzata dallo spostamento del nucleo pulpare del disco intervertebrale attraverso la rottura dell'anello fibroso.

La colonna vertebrale lombosacrale consiste di 5 vertebre, tra i corpi dei quali ci sono dischi che funzionano come ammortizzatori e assicurano la distribuzione di un carico uniforme sulle vertebre. Quando un carico significativo sulla regione lombare si verifica spremitura irregolare del disco, che porta alla sua sporgenza.

L'ernia intervertebrale è una grave patologia della colonna vertebrale lombosacrale, che richiede la nomina della terapia più appropriata. Le tattiche terapeutiche vengono selezionate in base alla posizione esatta della protrusione, alle sue dimensioni, alla gravità della clinica e alle malattie associate.

L'ernia intervertebrale nella regione sacrale è classificata come segue:

  • il tipo più pericoloso di patologia è l'uscita del nucleo nella regione del canale spinale, che porta al pizzicamento dei nervi e allo sviluppo di dolore marcato, tali ernie sono chiamate posterolaterali,
  • l'ernia laterale intervertebrale si forma a sinistra o a destra della colonna vertebrale, provoca l'apparizione di un complesso sintomatico solo a seguito della progressione della malattia,
  • l'avanzata del nucleo pulpare in avanti è considerata la varietà meno pericolosa, tali protuberanze sono raramente inclini alla progressione,
  • il nucleo viene rilasciato da tutti i lati della colonna vertebrale.

La malattia è classificata in base alla dimensione dell'ernia:

  • fino a 6 mm - non rappresentano una minaccia per il paziente, viene eseguito un trattamento non chirurgico completo,
  • 7-9 mm - è prescritto un trattamento ospedaliero, non è richiesto un intervento chirurgico,
  • 11-13 mm - viene effettuata una terapia conservativa (farmaci, metodi di fisioterapia, dieta prescritta), con dolori marcati che limitano significativamente il movimento e non sono suscettibili di completa eliminazione, la terapia farmacologica è prescritto un intervento chirurgico,
  • oltre 13 mm - intervento chirurgico e terapia farmacologica.

L'ernia della colonna vertebrale è più spesso causata da osteocondrosi, che è un complesso di cambiamenti distrofici nella cartilagine articolare. Altri motivi includono:

  • lesioni lombari
  • esercizio regolare (principalmente relativo alle attività professionali),
  • portare pesi,
  • disordine metabolico,
  • curvatura della colonna vertebrale
  • eccesso di peso
  • anomalie congenite della colonna vertebrale,
  • processi tumorali.

I fattori che influenzano negativamente lo sviluppo della malattia includono processi infettivi nel corpo, consumo di alcool, fumo, debolezza muscolare, vecchiaia e uno stile di vita sedentario.

Come si manifesta la malattia

La gravità dei sintomi dell'ernia lombosacrale dipende dalle dimensioni della protrusione e dalla durata della malattia. Il sintomo principale è lo sviluppo di dolore di diversa natura nell'area colpita.

All'inizio della formazione della patologia, i sintomi di un'ernia appaiono come segue:

  • periodicamente c'è dolore nella regione lombosacrale,
  • la sensazione di dolore aumenta con l'attività motoria, brusca flessione, sollevamento pesi, dolore intenso si verifica anche quando si cambia la posizione del corpo dopo una lunga seduta in un unico luogo,
  • dolore localizzato (solo nella colonna vertebrale interessata).

I sintomi di un'ernia nella colonna sacrale sono aggravati da un aumento della patologia in termini di dimensioni:

  • ci sono improvvisi dolori acuti sotto forma di lombalgia nella parte posteriore,
  • il dolore dà agli arti inferiori, alla regione pelvica e ad altre parti del corpo, situate nelle vicinanze dell'area colpita,
  • i movimenti sono difficili, c'è zoppia,
  • dolore quando starnutire e tossire
  • si verifica la curvatura spinale,
  • nel corso del tempo, si verifica un leggero gonfiore nella colonna vertebrale lombosacrale,
  • i muscoli della schiena e dell'addome diventano tesi,
  • l'attività motoria è significativamente limitata.

È possibile diagnosticare l'ernia intervertebrale da manifestazioni cliniche. Per determinare la posizione esatta della patologia, per identificare la dimensione della protrusione, vengono eseguiti l'esame radiografico e la risonanza magnetica.

Metodi di trattamento

Il trattamento di un'ernia discale della regione lombosacrale viene effettuato da diversi specialisti - un neurologo e un vertebrologo. Il quadro clinico suggerisce la presenza di un'ernia, un'immagine a raggi X e la risonanza magnetica mostrerà cambiamenti nella colonna vertebrale. La diagnostica differenziale con altre condizioni patologiche con sintomi simili (miosite, ematoma, spondiloartro e processo tumorale) viene eseguita.

Dopo l'esame, vengono scelte le tattiche delle misure terapeutiche: terapia conservativa o intervento chirurgico. La maggior parte dei medici è incline a credere che con una piccola quantità di patologia, la nomina di una terapia complessa, inclusi farmaci, fisioterapia, medicina tradizionale e adattamento dello stile di vita, possa fare a meno della chirurgia.

Prima di tutto, quando diagnostichi un'ernia della colonna vertebrale lombosacrale, i movimenti bruschi dovrebbero essere evitati. Durante il periodo di manifestazione di dolore severo, sono prescritti un rigoroso riposo a letto e antidolorifici e farmaci antinfiammatori. Durante la remissione, vengono utilizzati massaggi terapeutici, ginnastica, effetti termici sotto forma di applicazioni di fango e impacchi con unguenti (solo secondo la testimonianza di un medico).

Massaggio classico

La procedura viene eseguita utilizzando crema per massaggi o olio per bambini. Tutti i movimenti sono lisci con una pressione moderata. All'inizio, l'accarezzamento è fatto, quindi sfregamento leggero e impatto sui punti. Per una maggiore performance dopo un massaggio classico si consiglia di eseguire semplici esercizi, alleviando la pressione dalla parte bassa della schiena.

Idromassaggio

L'essenza della tecnica è di effettuare un massaggio con un getto d'acqua fornito sotto pressione. Il regime di temperatura è selezionato temperatura calda, la più comoda per una persona.

La procedura prevede l'esecuzione di massaggi con speciali lattine di silicone o vetro per migliorare la circolazione sanguigna e il flusso linfatico. Dopo l'uso del massaggio in scatola migliora la potenza dei dischi intervertebrali.

Per il massaggio terapeutico viene usato miele caldo, in cui vengono aggiunte poche gocce di abete o olio d'oliva. All'inizio della procedura, il corpo viene riscaldato con un massaggio classico, quindi una miscela di miele e olio viene applicata sulla parte interessata della schiena con movimenti di sfregamento. Dopo un accurato sfregamento nella miscela di miele, lo specialista applica i palmi al punto sfregato e li strappa bruscamente. La procedura continua fino alla formazione della placca bianca sulle sue mani.

fisioterapia

Per il trattamento dell'ernia vengono utilizzati vari metodi di fisioterapia che possono alleviare il paziente da forti dolori, migliorare la circolazione sanguigna e ridurre la manifestazione di gonfiore. Inoltre, queste procedure accelerano i processi rigenerativi nei tessuti cartilaginei, stimolano il metabolismo.
I principali tipi di fisioterapia includono:

  • elettroforesi (uso di correnti a bassa frequenza in combinazione con l'introduzione attraverso la pelle di varie sostanze medicinali),
  • La terapia EHF (estremamente alta frequenza) - la radiazione di onde millimetriche, mirata a punti specifici, stimola la rigenerazione e i processi metabolici, influenza positivamente il corpo nel suo insieme, aumentandone le proprietà protettive,
  • terapia ad ultrasuoni - le onde degli ultrasuoni possono penetrare in profondità nel corpo umano (fino a 6 cm), riscaldando così l'area interessata, aiutando a ripristinare e nutrire il tessuto cartilagineo,
  • agopuntura - la procedura è l'impatto sul punto di aghi sottili e l'introduzione congiunta di soluzioni medicinali,
  • trattamento alla paraffina - i bagni di paraffina sono usati come agente riscaldante per eliminare l'infiammazione e il dolore, viene utilizzata anche la paraffina bianca, precedentemente riscaldata a 60 gradi.

Esercizio ed esercizio fisico

La terapia fisica viene applicata quotidianamente e consiste in una serie di semplici esercizi volti a rafforzare i muscoli spinali, scaricare e allungare la colonna vertebrale.Un'eccezione è il periodo di esacerbazione, quindi in caso di forma acuta, è necessario evitare qualsiasi movimento e osservare il riposo a letto per non peggiorare la situazione.

Trattamento di ernia intervertebrale a casa con l'aiuto di esercizio:

  • il paziente assume una posizione supina: la gamba destra deve essere piegata al ginocchio, quella sinistra deve essere sollevata dal pavimento più in alto possibile, tenerla con le mani e tirare verso il corpo, rimanere in questa posizione per 10 secondi, quindi tornare alla posizione di partenza, quindi piegare e la sinistra attirare il corpo, durante il giorno si consiglia di eseguire da 3 a 5 volte,
  • la posizione iniziale è sull'addome: le braccia sono diritte sopra la testa, le gambe sono diritte, quindi il paziente è tenuto ad alzare la testa e le gambe contemporaneamente, piegandosi bene, ripetere 5-10 volte,
  • stando a quattro zampe dovresti piegare la schiena, poi arcuarsi verso l'alto, ripetere fino a 15 volte.

Terapia manuale

La procedura prevede la correzione della posizione patologica di ossa, muscoli e legamenti. Il trattamento viene eseguito da uno specialista qualificato - terapista manuale. L'impatto sulla zona interessata è fatto usando le mani del manuale. Quando si estendono i legamenti, i muscoli e gli effetti sulle ossa, le vertebre assumono la posizione più corretta, che consente di ridurre il carico eccessivo e distribuito in modo non corretto dalla regione lombosacrale. Maggiori informazioni sulla terapia manuale.

agopuntura

L'agopuntura è un metodo di medicina cinese, che consiste nell'agire su punti biologicamente attivi con l'aiuto di aghi. L'agopuntura attiva molti processi fisiologici nel corpo, contribuisce alla nutrizione dei tessuti, migliora la circolazione sanguigna.

Dopo il corso delle procedure (10 sessioni), si nota una significativa riduzione del gonfiore, le sensazioni del dolore appaiono meno frequentemente e con minore intensità dopo la prima sessione. Lo scopo principale del trattamento con gli aghi durante la protrusione del disco intervertebrale è rilassare i muscoli della schiena e ridurre la pressione sulla parte interessata del corpo.

Malattie della colonna vertebrale - è sempre un grande cambiamento nel suo normale funzionamento, che di conseguenza porta allo sviluppo di dolore forte e insopportabile e rigidità dei movimenti. Solo un trattamento tempestivo in un istituto medico e la nomina di una terapia adeguata aiuteranno ad evitare complicazioni pericolose e interventi chirurgici in caso di ernia spinale.