Osteocondrosi

Ernia del rachide cervicale: sintomi, diagnosi e trattamento

CPhI India - 10 ° Salone internazionale degli ingredienti e delle materie prime per l'industria farmaceutica (India, Mumbai).

CPhI India - 10 ° Salone internazionale degli ingredienti e delle materie prime per l'industria farmaceutica (India, Mumbai).

Pharmtech Ingredients - La 18esima esposizione internazionale di attrezzature, materie prime e tecnologie per la produzione farmaceutica (Mosca, Russia).

CPhI India - 10 ° Salone internazionale degli ingredienti e delle materie prime per l'industria farmaceutica (India, Mumbai).

Pharmtech Ingredients - La 18esima esposizione internazionale di attrezzature, materie prime e tecnologie per la produzione farmaceutica (Mosca, Russia).

Pharmtech Ingredients - La 18esima esposizione internazionale di attrezzature, materie prime e tecnologie per la produzione farmaceutica (Mosca, Russia).

Pharmtech Ingredients - La 18esima esposizione internazionale di attrezzature, materie prime e tecnologie per la produzione farmaceutica (Mosca, Russia).

Ernia al collo


Un disco intervertebrale erniato del rachide cervicale è chiamato protrusione o prolasso di frammenti di dischi intervertebrali nel canale spinale, con conseguente spremitura delle fibre nervose.
Sinonimi di questa patologia:
Sindrome del disco intervertebrale.
Nucleo di ernia polposo.
Prolasso del disco intervertebrale

Secondo le statistiche, 50 persone da 100.000 persone soffrono di questa malattia, il sesso predominante è di sesso maschile.
Una causa comune di ernia dei dischi intervertebrali nella colonna cervicale sono le sue varie lesioni (la malattia può svilupparsi dopo diversi anni) e le patologie degenerative-distrofiche (osteocondrosi, spondilosi). Molto spesso, la malattia colpisce giovani di età inferiore ai 45 anni e costituisce l'1% di tutte le ernie del disco intervertebrale.
L'ernia del rachide cervicale è localizzata più spesso nei segmenti C5 - C6 o C6 - C7. La lettera C in questa abbreviazione significa cervicale, è un'abbreviazione della parola latina cervicem - collo, e i numeri indicano il numero della vertebra.
I fattori di rischio per lo sviluppo di un'ernia del disco nella regione cervicale sono microtraumi permanenti del disco causati da flessioni e estensioni gravi e frequenti della testa, meno frequenti lesioni spinali acute. L'ernia porta alla compressione delle radici nervose, causa la loro ischemia (interruzione della fornitura di ossigeno e nutrienti) e limita la conduttività dell'impulso nervoso, che porta allo sviluppo di un determinato quadro clinico.
Un sintomo precoce di un ernia del disco è un dolore non permanente e doloroso alla nuca, accompagnato da tensione muscolare e raddrizzamento della curvatura spinale (lordosi cervicale). Il dolore si intensifica quando si gira la testa, si piega in avanti (i sintomi di Neri e Lasegue), così come starnutire e tossire. L'ernia intervertebrale del rachide cervicale porta spesso a un alterato flusso sanguigno cerebrale, in conseguenza del quale le regioni del cervello responsabili del coordinamento dei movimenti del corpo umano smettono di ricevere la quantità di sangue di cui hanno bisogno, il che porta allo sviluppo di attacchi di vertigini, mal di testa, scarsa deambulazione e diminuzione della memoria.
Nelle fasi successive della malattia, la sindrome radicolare si sviluppa a causa della violazione delle fibre nervose. Quando l'ernia è localizzata lateralmente, il dolore inizia a dare al braccio situato sul lato della lesione, i pazienti si lamentano di intorpidimento e formicolio della pelle.
Una grave complicanza di un'ernia del disco che richiede immediata attenzione medica è la violazione del contenuto erniario (midollo spinale) fino allo sviluppo della sindrome mielopatica, il cui quadro clinico dipende dal livello della lesione. La violazione del midollo spinale al di sopra del livello C4 porta allo sviluppo della paralisi respiratoria, a livello C4-C5, vi è paralisi flaccida nelle mani e paralisi spastica nelle gambe. C6 - C7 porta alla paralisi degli arti inferiori e degli avambracci, ma allo stesso tempo vengono mantenuti i movimenti nell'articolazione del gomito.
Per la diagnosi della malattia utilizzata radiografia spinale. Per chiarire la diagnosi utilizzando la risonanza e la risonanza magnetica. Al fine di distinguere la clinica di compressione delle radici del midollo spinale con l'ernia intervertebrale da neuropatia periferica, viene utilizzata l'elettromiografia.
I pazienti con sintomi di ernia dei dischi intervertebrali della colonna cervicale devono essere attentamente esaminati per escludere un numero di malattie con sintomi simili:
Tumori del cervello e del midollo spinale
Metastasi spinali per cancro di varia localizzazione
Polineuropatia diabetica

Il trattamento delle ernie dei dischi intervertebrali del rachide cervicale può essere conservativo e chirurgico.
In molti casi, è possibile ottenere un effetto terapeutico persistente con un trattamento conservativo. Si consiglia ai pazienti di limitare i movimenti bruschi della testa, evitare pose scomode. È auspicabile che i pazienti indossino un corsetto cervicale morbido. Il trattamento farmacologico comprende la nomina di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), che hanno forti proprietà antinfiammatorie e antinfiammatorie e un'azione muscolare rilassante, cioè allevia la tensione muscolare. Utilizzare vari tipi di fisioterapia, trazione cervicale. Grande importanza è attribuita al massaggio, alla terapia manuale e agli esercizi di fisioterapia. Questi metodi contribuiscono alla formazione del sistema muscolare e quindi riducono il numero di reclami.
Con l'inefficacia della terapia conservativa, la chirurgia è indicata e, con lo sviluppo della sindrome mielopatica, l'operazione deve essere eseguita immediatamente, per motivi di salute. L'essenza del trattamento chirurgico è di eliminare la compressione del midollo spinale, normalizzare la circolazione del sangue e rimuovere i fattori che portano alla sua compressione (osteofiti, divisioni centrali del disco).
I dischi intervertebrali erniati del rachide cervicale hanno una prognosi relativamente favorevole, ma sono alquanto peggiori di quando le ernie sono localizzate in altre parti della colonna vertebrale, poiché sono più spesso compromesse e portano all'ischemia del midollo spinale.
Il trattamento precoce e la prevenzione completa aiutano ad evitare le gravi conseguenze della malattia ea mantenere la normale attività motoria.

Sintomi di ernia cervicale

Il quadro clinico di un'ernia della regione cervicale è caratterizzato da un significativo polimorfismo ed è ampiamente determinato dalla dimensione e dalla localizzazione della protrusione erniaria. Di norma, tra le manifestazioni cliniche, sono presenti la sindrome del dolore e i sintomi radicolari, e l'aderenza dei sintomi neurologici può verificarsi a causa di una violazione dell'afflusso di sangue al cervello nel pool di arterie vertebrali. Spesso si unisce al mal di testa a causa dell'irritazione dei rami dei nervi occipitali, che hanno origine nel midollo spinale cervicale.

Il fattore che determina quali sintomi di un'ernia della regione cervicale domineranno nel quadro clinico è principalmente la localizzazione dell'ernia. Con la localizzazione mediana del frammento erniario, la sindrome del dolore causata dall'irritazione delle fibre del nervo sinuvertebrale dalla protrusione erniaria sarà dominante. Il paziente lamenta dolore locale al collo, aggravato dall'attività fisica.

Quando l'ernia è foraminale (nella regione del forame intervertebrale attraverso cui passano i nervi spinali e le arterie), i sintomi radicolari compaiono nel quadro clinico, così come i sintomi neurologici: vertigini, andatura instabile, tinnito, mal di testa, mosche tremolanti prima degli occhi e così via. n.

Per la sindrome radicolare, che è accompagnata da un'ernia nella colonna cervicale, è caratterizzata dalla presenza di dolore riflesso nell'articolazione della spalla e degli arti superiori:

  • Quando l'ernia è localizzata nel segmento C4-C5, il paziente lamenta dolore ai muscoli deltoidi e articolazione della spalla, debolezza muscolare nella regione anatomica, formicolio, intorpidimento della pelle e altri disturbi sensoriali.
  • L'ernia con localizzazione nel segmento C5-C6 si manifesta con dolori al bicipite della spalla, dolori e sintomi radicolari nella zona del pollice, la parte interna dell'avambraccio.
  • Con la localizzazione del frammento erniario nel segmento C6-C7, il paziente lamenta dolore nei tricipiti della spalla (tricipiti), nella superficie esterna dell'avambraccio e nel mignolo.

Dovrebbe essere notato che poiché la protrusione erniaria è nella regione di destra o nella zona del sinottico sinistro, i sintomi sopra elencati sono unilaterali e indicano direttamente la localizzazione del frammento erniario.

A differenza dei sintomi radicolari, causati dal nervo schiacciato, i sintomi neurologici possono essere causati da rami pizzicati dei nervi occipitali e dal restringimento del lume dell'arteria vertebrale dovuto alla sua compressione con un frammento erniario. In quest'ultimo caso, abbiamo a che fare con la sindrome delle arterie vertebrali, che può manifestare non solo un mal di testa, ma anche vertigini e altri disturbi vestibolari (instabilità dell'andatura).

diagnostica

Il principio base della diagnosi della patologia spinale è la visualizzazione dei cambiamenti morfologici utilizzando metodi diagnostici avanzati, cioè la TC e la risonanza magnetica. Nelle fotografie, il medico vede il frammento erniario e stabilisce la sua esatta localizzazione (ernia mediana, paramediana, intraforaminale o extraforaminale). Utilizzando questi metodi, vengono determinate anche le dimensioni del frammento erniario e la sua influenza sulle strutture adiacenti (midollo spinale, vasi e fasci nervosi).

Il trattamento dell'ernia spinale ha lo scopo di alleviare il dolore e i sintomi radicolari, nonché a rallentare la progressione della malattia.

Con trattamento tempestivo per cure mediche trattamento efficacemente conservativo. I metodi di esposizione non farmacologici, come la terapia manuale, il massaggio, la fisioterapia, la riflessologia, ecc., Vengono alla ribalta. È importante capire che i metodi non farmacologici del trattamento terapeutico non eliminano l'ernia, ma aiutano ad alleviare il dolore, a rimuovere lo squilibrio muscolo-tonico nel punto focale patologico ea prevenire un ulteriore sviluppo della malattia.

La terapia farmacologica è prescritta principalmente nella fase di esacerbazione al fine di alleviare il dolore e ridurre l'edema dei tessuti molli, il che aggrava il decorso della malattia. I farmaci antinfiammatori sono ampiamente usati, gli antispastici e i rilassanti muscolari sono efficaci, in alcuni casi viene usato il blocco paravertebrale.

Il trattamento chirurgico dell'ernia è indicato con l'inefficacia della terapia conservativa per un lungo periodo di tempo. In questo caso si sta valutando la possibilità di utilizzare metodi minimamente invasivi innovativi per la rimozione di un'ernia intervertebrale (nucleotomia laser endoscopica, decompressione endoscopica del disco, ecc.).

Con lo sviluppo di complicanze (sequestro dell'ernia), così come la presenza di segni di stenosi del canale spinale, viene mostrata un'operazione radicale mirata alla rimozione del disco intervertebrale interessato con successiva ricostruzione del PDS utilizzando un impianto artificiale. I metodi di chirurgia endoscopica in questa fase sono controindicati.

Ernia del rachide cervicale: cause

Tipicamente, la patologia di questa parte della colonna vertebrale si sviluppa a lungo sullo sfondo di una malattia già esistente come l'osteocondrosi o la spondilosi. Tuttavia, accade anche che l'apparizione di un'ernia sia preceduta da un forte infortunio, da uno stile di vita sedentario o da una curvatura della postura. A rischio sono i fumatori, così come quelli che non controllano la qualità del cibo consumato. A seconda della causa, la malattia può svilupparsi sia in una settimana che in pochi anni.

I sintomi di ernia vertebra cervicale

L'ernia del rachide cervicale viene trattata con metodi conservativi e chirurgici. Solo è importante non perdere il momento in cui puoi ancora fare a meno dell'operazione e iniziare il tuo viaggio verso la guarigione. Per cominciare, si raccomanda al paziente di ridurre tutti i tipi di carichi sulla colonna vertebrale e dargli più riposo. Assegna sedute di massaggio, fisioterapia, idroterapia, assunzione di antidolorifici ed esercizi speciali per rilassare i muscoli. Una persona dovrebbe limitare la sua attività fisica, basata sui suoi sentimenti, deve o riscaldare o raffreddare un punto dolente, prendere antidolorifici. Tutto ciò contribuirà a far fronte rapidamente alla malattia. I sintomi di solito scompaiono in un mese o due e i pazienti tornano alla vita normale.

Sintomi di ernia vertebrale cervicale:

  • Iscriviti per un corso di massaggio per il trattamento di un'ernia della regione cervicale. Il massaggio per l'ernia cervicale deve essere morbido, non traumatico e senza forti pressioni - non ci dovrebbero essere tecniche di alimentazione, altrimenti la malattia può peggiorare. Solo un ciclo di massaggi non è sempre efficace, ma può essere efficace in combinazione con il trattamento principale.
  • La formazione di ernia spinale cervicale è il risultato del pizzicamento delle lesioni del midollo spinale e del midollo spinale. Il sintomo del dolore in un'ernia della regione cervicale si verifica a causa della spremitura dei nervi e delle loro radici, e il risultato di tale malattia può essere una violazione della funzione motoria. Spesso la deposizione di sali sui dischi vertebrali, l'esercizio costante - provoca sintomi di un'ernia della regione cervicale. Trattamento dell'ernia cervicale in vari modi possibili.
  • Contrazione muscolare protettiva da un lato, formando la posizione forzata della testa e del collo,
  • Dolore severo e prolungato che non scompare a causa di un trattamento conservativo

Trattamento di ernia del rachide cervicale

L'ernia intervertebrale nella regione cervicale si trova in ogni millesimo di persona, spesso malata. Età "preferita" - oltre 60 anni.

  • Massaggio al collo
  • Un trattamento efficace dell'ernia spinale è un processo che richiede un approccio serio e ponderato. È vario e dipende dalla natura dell'ernia, dalla sua posizione, dal quadro clinico della malattia, nonché dalla presenza o dall'assenza di patologia concomitante. In generale, l'ernia cervicale è meno comune rispetto alla regione lombare, ma è piena di complicazioni più gravi.
  • Il medico prescrive e la terapia farmacologica. Dovrebbe aiutare ad alleviare i sintomi di infiammazione e dolore, oltre a velocizzare il recupero del tessuto osseo e delle vertebre. Tra i farmaci non steroidei più comunemente utilizzati: naprossene, ibuprofene, aspirina, celecoxib. Ma antidolorifici come il taylinol alleviano solo il dolore, ma non curano le cause della malattia. Questo è il motivo per cui dovrebbero essere presi con cautela, in quanto possono causare effetti collaterali e influenzare i reni, fegato e stomaco. Vengono anche usati antidolorifici steroidei che allevia rapidamente l'infiammazione e il gonfiore delle fibre nervose. Fondamentalmente, sono presi in compresse per un massimo di cinque giorni, riducendo gradualmente la dose.

Ipertensione arteriosa - il sintomo principale

  1. Fondi per il trattamento dell'ernia cervicale:
  2. Sensazioni di cucitura e parestesie nella regione dell'avambraccio, del polso o delle mani, derivanti dalla compressione delle radici nervose nella protrusione erniaria,
  3. Incontinenza urinaria, diminuzione della libido negli uomini (se l'impotenza è causata dalla compressione del midollo spinale)
  4. Dopo gli studi di ernia sono classificati, in base al grado di protrusione:
  5. La sensazione di pennello "vatnost", a causa di ciò che una stretta di mano diventa "lenta", è difficile scrivere, cucire ed eseguire piccoli movimenti con un pennello. Il paziente avverte dolore, accompagnato da intorpidimento, formicolio dell'intera spalla e avambraccio al mignolo.

Trattamento farmacologico

Tre cause della patologia Fattori che aumentano le probabilità di un'ernia

Esercizi per rafforzare la muscolatura della schiena, rilassare i muscoli spastici,

  • Di norma, qualche volta un'ernia nel rachide cervicale praticamente non si fa sentire. I primi sintomi della malattia, evidenti alla persona stessa, possono manifestarsi all'improvviso: di solito è il dolore alla testa, al collo e alle spalle, lo sviluppo della sindrome delle arterie vertebrali.
  • Per i dolori gravi, vengono introdotti steroidi speciali nell'ernia (anestesia epidurale). La procedura viene eseguita utilizzando un fluoroscopio. Steroidi e analgesici vengono iniettati con un ago nello spazio epidurale della zona di ernia. Questo dà sollievo immediato e per fissare i risultati è necessario ripetere la procedura dopo un paio di settimane. A volte vengono utilizzati rilassanti muscolari (ciclobenzaprina, metocarbamolo).
  • vertigini,
  • Assumere vitamine del gruppo B. Tali vitamine (B1, B6, B12) faciliteranno il decorso della malattia spinale integrando il tessuto connettivo. Ma aspettati l'effetto immediato del trattamento, potrebbe non apparire.
  • Farmaci anti-infiammatori per il trattamento dell'ernia cervicale,

Massaggi, fisioterapia e fisioterapia

Debolezza muscolare (spalla, bicipiti, tricipiti, collo).

  • Disturbi nevralgici pronunciati: paralisi, paresi
  • Protrusione. Sporgenza 1-3mm. Non c'è ancora una membrana del disco rotto, ma questo è il primo segno di una malattia incipiente.
  • Se il nucleo polposo eroso dell'ernia schiaccia i vasi che alimentano il cervello, si notano i seguenti sintomi:
  • 1. Rifornimento di sangue legato all'età ai dischi intervertebrali, grazie al quale l'anello fibroso diventa più "secco" e fragile.
  • Estensione (sott'acqua, utilizzando il loop Glisson),
  • Come è noto, le vertebre cervicali sono interconnesse da dischi intervertebrali. In caso di ernia, la corrispondente radice del midollo spinale viene pizzicata, il che causa un certo quadro clinico della malattia:
  • Il trattamento di fisioterapia aiuterà una persona a tornare alla sua attività precedente il più rapidamente possibile. Il fisioterapista insieme al paziente sviluppa una serie speciale di esercizi e fornisce le raccomandazioni necessarie per la loro attuazione. Raccomanda anche il sonno, il riposo e le passeggiate quotidiane. È possibile combinare questi metodi di trattamento con digitopressione, assunzione di integratori alimentari, agopuntura. Tutte queste azioni nel complesso aiutano ad alleviare i sintomi del dolore e si sentono molto meglio.

Trattamento chirurgico

Mobilità limitata dell'articolazione della spalla, intorpidimento delle mani,

  • Le vitamine del gruppo B sono necessarie per l'ernia cervicale.
  • Inoltre, potrebbero esserci i seguenti sintomi:
  • Trattamento complesso condotto inefficace
  • Prolasso. Sporgenza 3-6mm. Fase iniziale
  • tinnito,

  • Terapia magnetica
  • Se la radice del nervo è bloccata tra la 4a e la 5a vertebra cervicale, allora c'è una debolezza quando si alza il braccio disteso, il dolore e la debolezza dei muscoli dell'avambraccio e del muscolo deltoide,
  • L'ernia del rachide cervicale è a volte un'indicazione per il ricovero in ospedale per l'intervento chirurgico. Il metodo chirurgico consiste nell'asportazione parziale o completa dei tessuti del disco con patologia. L'intervento chirurgico (rimozione di un'ernia) è raccomandato solo quando i sintomi continuano a rovinare la vita di una persona e la malattia progredisce.
  • Il dolore che dà al braccio o alla spalla è un sintomo frequente di un'ernia della regione cervicale.

Il meccanismo di sviluppo dell'ernia del collo intervertebrale

Squilibrio: una persona può descriverlo come "la testa fluttua con coscienza assolutamente chiara",

2. Osteocondrosi, in cui il disco intervertebrale viene distrutto a causa di disturbi metabolici in esso.

Il serraggio della radice nervosa, situato rispettivamente tra la quinta e la sesta vertebra cervicale, è accompagnato dalla comparsa di dolore nei bicipiti e nella parte esterna del gomito, con un formicolio del pollice,

Cause di ernia cervicale

L'operazione viene eseguita attraverso una piccola incisione nella parte anteriore del collo. Con l'aiuto di strumenti speciali, viene rimosso un pezzo di disco in più e il tessuto osseo prelevato dalla coscia del paziente viene inserito nella cavità. Dopo un certo tempo, le ossa crescono ancora insieme. Durante l'operazione è anche possibile eseguire la rimozione completa del disco danneggiato. Con questo metodo, la mobilità vertebrale è preservata.

Prevenzione dell'ernia spinale

La causa principale di un'ernia del rachide cervicale è una lesione o un carico fisico eccessivo su questa sezione. Per proteggere la colonna vertebrale, è necessario rafforzarla, sollevare correttamente i pesi, prendere la giusta posizione in una determinata situazione, camminare molto. Alla colonna vertebrale non piacciono i movimenti e i carichi improvvisi che non sono commisurati alle capacità fisiche. Questa funzione dovrebbe essere presa in considerazione. Dopo tutto, la colonna vertebrale è il supporto principale di tutto il corpo umano.

Ernia nella colonna cervicale - cosa fare?

Collo irritato, come se fosse stato morso da una vespa. Quando premuto a sinistra / destra in alcuni punti, lo stesso dolore acuto pungente. Gira a destra fino alla fine del dolore (ma posso farlo) - come un brivido. Non so se il caso è pertinente - durante il giorno, periodicamente qualche tipo di forte stato di debolezza, mi sento svenire sui sentimenti, passa rapidamente. Forse questo è a causa delle ulcere, ma nel caso in cui ho menzionato.

Realizzato una risonanza magnetica ecco i risultati:
Ernia del disco dorsale: sullo sfondo di protrusione diffusa, paramediano-foralina estrusione subolinale lato destro c5 / 6 con una dimensione di 0,4 cm con deformazione del sacco durale e il contenuto del canale radicolare sulla destra. La dimensione sagittale minima del canale spinale a livello del disco non è ristretta, il lume dei canali radicolari è asimmetrico D S, significativamente ridotto a destra. Sullo sfondo di protrusione diffusa, l'estrusione debilitante disfunzionale paramediano-foraminale destra-laterale c6 / 7 con una dimensione di 0,4 cm con una copia del sacco durale e la deformazione del contenuto del canale radicolare a destra, la dimensione sagittale minima del canale spinale a livello dell'Idska non è ristretta, il lume della radice del canale è asimmetrico. a sinistra. Il midollo spinale, compresa la giunzione cerebrospinale, ha la consueta configurazione, larghezza e struttura uniforme. Le tonsille del cervelletto si trovano a livello del grande forame occipitale. Il tessuto molle pre-e paravertebrale non viene modificato. Le articolazioni spin sono congruenti, le superfici articolari hanno contorni chiari, abbastanza lisci. Il diametro dei segmenti v2 delle arterie vertebrali a livello di visualizzazione è asimmetrico d S non ristretto. Le articolazioni tra l'osso occipitale, l'atlante, le vertebre del vaiolo non sono cambiate.

Immagine RM di alterazioni distrofiche del rachide cervicale (osteocondrosi) delle ernie dorsali dei dischi intervertebrali c5 / 6 c 6/7 Minori cambiamenti di deformazione dei corpi C5 C6 (distrofici). Asimmetria dei diametri dei segmenti V2 delle arterie vertebrali.


Per favore dimmi cosa e come meglio fare. Il dolore non è così forte ma interferisce. Soprattutto di sera.
La chirurgia è davvero necessaria (lo hanno consigliato sul sito Web di Pyrogovka, ad essere onesti, il meno previsto) o si può gestire con un trattamento conservativo? Mi è sembrato che l'ernia fino a 1 cm non funzioni senza indicazioni particolari, mi sono sbagliato? Con l'ernia del collo altre regole?

Proverò domani per esaminare i risultati della risonanza magnetica e pubblicarli.

Cara, Sunnice. Non ci sono indicazioni per il trattamento chirurgico in questa fase. Il trattamento è adeguato, riducendo al minimo i forti carichi sulla regione cervicale. È possibile illuminare un massaggio rilassante. I movimenti massimi di flessione e flessione del collo non sono raccomandati (il nuoto è possibile solo sulla schiena senza sollevare la testa). Rilassanti muscolari, analgesici (provate a fare a meno dei FANS, poiché l'ulcera, che sarebbe anche necessaria per lavorare sul presente).
Cordiali saluti.

Cos'è l'ernia spinale

L'ernia spinale - è l'ultimo stadio dello sviluppo della malattia osteocardica - una malattia sistemica della colonna vertebrale, che è caratterizzata da processi degenerativi nei dischi intervertebrali.

Come è noto dal corso scolastico di anatomia umana, la colonna vertebrale nelle regioni cervicale, toracica e lombare è costituita da piccoli elementi - le vertebre, tra cui i dischi intervertebrali. Una tale struttura fornisce alla colonna vertebrale flessibilità, elasticità e elevate qualità di deprezzamento.

All'interno di ogni disco intervertebrale c'è un nucleo polposo racchiuso in un anello fibroso. Un'ernia del disco è detta in quei casi in cui il nucleo pulpare viene spostato e inizia a esercitare pressione sulle strutture circostanti, principalmente sulle radici nervose che emanano dalla colonna vertebrale.

Quanto spesso i sintomi di ernia del rachide cervicale

Secondo la localizzazione, ci sono ernie cervicali, toraciche e lombari (lombosacrale). La frequenza dell'ernia dipende da due fattori: il carico sul disco intervertebrale e la mobilità della colonna vertebrale in questa sezione.

Molto spesso vi sono ernie della colonna lombare, poiché qui il carico è il più grande e le vertebre lombari, a differenza del torace, sono mobili e non rinforzate dalle costole.

Nel rachide cervicale i dischi erniati sono meno comuni rispetto al lombare, ma più spesso rispetto al petto. Tuttavia, l'ernia della colonna vertebrale cervicale spesso è molto dura, il che è associato alle caratteristiche della struttura anatomica del rachide cervicale.

Quali sono i sintomi di un'ernia del rachide cervicale?

Il primo e più importante sintomo di un'ernia formata del rachide cervicale è la sindrome del dolore, che aumenta con i movimenti del collo, oltre a tosse, starnuti, respirazione profonda, risate, ecc.

Il dolore è direttamente correlato a diversi fattori, come ad esempio:

ovatta e / o strappo di una capsula fibrosa,

reazione infiammatoria nei tessuti circostanti,

irritazione delle radici nervose (radiculite cervicale).

Lo stiramento o la rottura della capsula fibrosa, complicata dalla reazione infiammatoria nei tessuti circostanti, si manifesta con dolore acuto "locale", questo dolore è aggravato da un carico statico sulla testa (cioè premendo sulla corona della testa stando seduti o in piedi), così come la flessione passiva della testa nella posizione mentendo come mostrato nella figura nella parte superiore dell'articolo.

Il dolore associato all'irritazione delle radici nervose ha un carattere di tiro, mentre la gamma della sua distribuzione dipende dal livello di danno alla colonna vertebrale.

Nella colonna cervicale, i dischi intervertebrali erniati si verificano più spesso a livello delle vertebre cervicali inferiori. In questi casi, il dolore si diffonde lungo i nervi che innervano gli arti superiori: dalla parte posteriore del collo alla spalla e dell'avambraccio alle falangi delle dita.

Il percorso dell'onda del dolore indica la posizione della lesione. Quindi, se il dolore si diffonde dal collo al pollice e all'indice, allora il disco intervertebrale situato tra la quinta e la sesta vertebra cervicale è interessato, e se va al mignolo, allora è una lesione del disco situata tra l'ultima vertebra cervicale e la prima vertebra toracica.

I dischi intervertebrali mid-cervicali sono colpiti molto meno frequentemente, in questi casi l'onda del dolore non scende sotto l'avambraccio e, con le ernie molto rare dei dischi intervertebrali cervicali superiori, il dolore si arresta lungo la parte posteriore del collo verso la parte posteriore della testa.

Con sintomi simili, si consiglia di consultare uno specialista per consigli e trattamenti. Il primo appuntamento con il medico nella clinica "Medicina del recupero" è gratuito.

Segni di danno al tessuto nervoso con un'ernia del rachide cervicale

Con una forte violazione delle radici nervose, si verificano disturbi neurologici, che possono essere suddivisi in tre gruppi:

disturbi della sensibilità

interruzione dell'attività motoria,

disordini nutrizionali nell'area di innervazione.

Disturbi neurologici si verificano sullo sfondo del dolore, con i primi segni di danni al tessuto nervoso diventano i sintomi della disfunzione di sensibilità sotto forma di strisciare nella zona interessata.

In futuro, si sviluppa una diminuzione della sensibilità, fino alla sua completa perdita e si verificano disturbi motori (da lieve debolezza muscolare a completa paralisi dei muscoli innervati).

I disordini trofici si sviluppano con un lungo decorso della malattia e manifestano atrofia dei muscoli corrispondenti e brividi degli arti.

Qual è l'ernia pericolosa del rachide cervicale

Con la compressione prolungata delle radici nervose, si verifica un danno irreversibile al tessuto nervoso, nel qual caso i disturbi neurologici diventano permanenti, il che porta alla disabilità.

Inoltre, i sintomi di un'ernia del rachide cervicale indicano un alto rischio di instabilità spinale in quest'area. Come è noto, il midollo spinale attraversa la cavità del canale spinale, il cui danno nella regione cervicale porta alla tetraplegia (paralisi degli arti superiori e inferiori) e alla compromissione della funzionalità degli organi interni.

Pertanto, quando compaiono i sintomi di un'ernia della colonna cervicale, è necessario sottoporsi a un esame strumentale (preferibilmente la risonanza magnetica) al fine di chiarire il grado di rischio e determinare le tattiche di trattamento.

È possibile trattare un'ernia della colonna cervicale senza chirurgia?

Il trattamento di un'ernia della colonna cervicale senza chirurgia non è solo possibile, ma anche auspicabile in tutti i casi in cui non vi è alcun rischio di danni al midollo spinale. L'efficacia della terapia conservativa dipende da tre fattori:

complessità (uso obbligatorio di diversi metodi di trattamento),

approccio individuale

continuità (quando si effettua una diagnosi di ernia della colonna vertebrale, il paziente deve sintonizzarsi per un lungo periodo di trattamento).

Va tenuto presente che l'ernia del disco, in realtà, è una complicazione dell'osteocondrosi sistemica, che richiede anche un trattamento persistente (altrimenti l'ernia intervertebrale si verificherà altrove nella colonna vertebrale).

Pertanto, per sviluppare l'intero complesso delle misure di riabilitazione medica, i seguenti specialisti avranno bisogno di consigli:

1 Temp msohtml1 01 clip_image001.gif "> allevia il dolore,

eliminare il gonfiore nella zona interessata,

avere un effetto anti-infiammatorio locale,

migliorare la nutrizione del tessuto nervoso danneggiato, contribuendo così al suo rapido recupero.

Tali metodi hanno un effetto più lieve e pertanto sono prescritti per la sindrome del dolore di intensità moderata. In particolare, secondo le indicazioni individuali per un'ernia del rachide cervicale, si può prescrivere quanto segue:

chirurgia

Il vantaggio dell'intervento chirurgico nella colonna cervicale rispetto ad altri è un periodo postoperatorio relativamente lieve e un danno minimo. Il più delle volte, l'operazione viene eseguita mediante discectomia seguita dalla rimozione dell'anello (disco intervertebrale). Le vertebre separate da un anello fibroso sono giuntate. Questa operazione, come del resto ogni altra operazione sulla colonna vertebrale può avere una serie di complicazioni:

  • Penetrazione di infezione
  • Degrado della deglutizione o del linguaggio
  • Ricorrenza della malattia
  • Lesione del midollo spinale

Questa è solo una parte delle possibili complicazioni.Tuttavia, va notato che si verificano estremamente raramente e, di regola, per colpa del chirurgo. Pertanto, con particolare attenzione, è necessario scegliere un medico. Questo è l'unico modo per proteggersi da conseguenze indesiderabili.

Le conseguenze di un trattamento improprio

La lotta contro questa malattia dovrebbe essere condotta in modo completo sotto il pieno controllo di un medico esperto. L'automedicazione o il trattamento inefficace possono portare a gravi conseguenze. In particolare, stiamo parlando dello sviluppo di una malattia più grave, come la sciatica. Questo è uno dei disturbi più spiacevoli, poiché oltre al dolore regolare, limita significativamente la mobilità del collo e delle mani di una persona, che naturalmente influisce sullo stile di vita del paziente. Inoltre, l'ernia del rachide cervicale spesso spremere varie arterie del sangue, che sono responsabili per la fornitura del cervello, a seguito del quale le persone hanno ictus. Ma questo non è il più pericoloso. Sullo sfondo di un'ernia, può apparire una cosiddetta "sindrome radicolare" - questa è la complicazione più pericolosa, in conseguenza della quale una persona può diventare disabile. Quando si verifica la "sindrome radicolare", il pizzicamento delle terminazioni nervose più importanti, che porta alla paralisi degli arti. Ecco perché quando si identificano i segni primari di un'ernia del rachide cervicale si consiglia di cercare immediatamente aiuto. Questo è l'unico modo per evitare conseguenze catastrofiche e il deterioramento della salute.

L'essenza dell'ernia intervertebrale

Ogni persona che sviluppa una malattia della colonna vertebrale dovrebbe sapere cos'è un'ernia, poiché è inestricabilmente legata a certe malattie della colonna vertebrale.

La regione vertebrale è rappresentata da 34 vertebre, che formano varie sezioni. I dischi intervertebrali sono formati da due parti di essi - i nuclei, che sono rappresentati da una sostanza di consistenza gelatinosa, e strati esterni più solidi. Il nucleo è una sostanza morbida, quindi quando si formano fessure o rotture che causano sporgenze, passa facilmente negli strati esterni.

Le sporgenze a cui sono esposte le vertebre, a loro volta, contribuiscono al verificarsi di spremitura del nervo spinale e del midollo spinale, in vista del quale il paziente inizia a rilevare conseguenze come dolore pronunciato, disabilità temporanea e mobilità in generale e disturbi della sensibilità. L'ernia intervertebrale del rachide cervicale è classificata in vari tipi e può essere accompagnata da protrusioni di dischi intervertebrali, ovvero si ipotizza una modifica della loro struttura naturale, oppure si danno danni a quelle membrane che sono progettate per tenere il nucleo dei dischi.

Qual è l'ernia pericolosa del collo dell'utero? Questa sezione della colonna vertebrale è riconosciuta come la più mobile di tutte le sue zone, poiché tiene la testa e viene usata per girarla di lato. Se le articolazioni ossee del segmento cervicale, cioè le sue articolazioni, sono bloccate da qualcosa, allora una malattia come la scoliosi viene fissata, le vertebre diventano instabili ei crepitii si trovano nella parte posteriore. Questa situazione, caratterizzata da un carico irregolare su diversi lati della colonna vertebrale, provoca in seguito lo sviluppo di ernie dei dischi intervertebrali.

Importante: accanto alle vertebre che formano la regione cervicale, si trova l'arteria vertebrale che trasporta il sangue al midollo allungato e ai segmenti posteriori del cervello, da cui dipendono la visione e l'equilibrio del paziente e dell'udito, se il nucleo viene trasformato nelle cellule erniali, l'arteria può anche essere ferita!

Segni e sintomi che segnalano lo sviluppo di ernie nella regione cervicale

I sintomi di un'ernia della colonna cervicale implicano le seguenti condizioni comuni allo stadio iniziale:

  • il paziente lamenta il disagio di una natura periodica, che è localizzata nel collo,
  • Un paziente con diagnosi di ernia al collo non può raggiungere il petto con il mento. Questo movimento è un test, e in assenza di una patologia, i muscoli del collo sono solo leggermente contratti, ma l'esercizio per una persona sana non è accompagnato da mal di testa o forte disagio.
  • una tale manifestazione come uno scricchiolio nella zona del collo si avverte quando la testa affilata gira di lato.

I sintomi di un'ernia del rachide cervicale sono causati dalla progressione delle cellule erniali e dipendono dai luoghi esatti della loro posizione:

  1. La prima e la seconda vertebra. Per le lesioni che colpiscono la struttura dei dischi nel collo di questa localizzazione, ci sono tali conseguenze come frequenti capogiri, rumore estraneo nei padiglioni auricolari, disturbi del sonno, disturbi del sistema nervoso sotto forma di psicosi, mal di testa acuto che colpiscono qualsiasi parte della testa , così come i fallimenti nel coordinamento delle azioni commesse dal paziente.
  2. La seconda e la terza vertebra. Grazie a quest'area, i tessuti della lingua, i bulbi oculari e la fronte sono dotati di terminazioni nervose, cioè sono innervati e il sangue viene trasportato a loro, quindi i sintomi includono mal di testa, ridotta qualità del gusto, attacchi di panico incontrollati, depressione prolungata, la testa è caratterizzata da un maggiore grado di sudorazione, il torcicollo appare e le particelle appaiono lampeggianti davanti agli occhi del paziente, insieme alla sensazione della presenza di corpi estranei che si muovono sulla pelle della sua testa te.
  3. La terza e la quarta vertebra. Una radice nervosa proviene da quest'area, che fornisce all'orecchio esterno, alle guance e ai denti un insieme di ossa facciali con terminazioni nervose, quindi il suo pizzicamento durante un'ernia del rachide cervicale provoca un tale pericolo come una diminuzione della qualità della vista e dell'udito, associata alla nevralgia del trigemino e un graduale indebolimento dell'odore.
  4. La quarta e la quinta vertebra del collo svolgono l'innervazione della bocca, delle labbra e del naso, quindi le sue violazioni sono accompagnate da conseguenze come mal di testa acuto, debolezza quando si cerca di flettere e allungare le articolazioni della spalla, frequenti malattie auricolari e paralisi del tessuto muscolare del viso che colpisce solo un certo il lato della faccia, la ricorrenza delle patologie nasali, così come l'incapacità dei pazienti di spostarsi in direzioni diverse, braccia distese e disagio quando il collo è inclinato all'indietro e lateralmente.
  5. I sintomi di un'ernia intervertebrale della quinta e sesta vertebra cervicale sono strettamente correlati all'innervazione delle corde vocali, della faringe e della faringe e causano raucedine, debolezza che una persona prova nei bicipiti delle spalle, intorpidimento e occasionali leggeri tremori delle mani, possibile paralisi del polso flaccido.
  6. Se, a causa dell'ernia intervertebrale del rachide cervicale, si sono infiammate la sesta e la settima vertebra, quindi respiro affannoso, raucedine delle corde vocali, debolezza nei tricipiti, tosse cronica, groppa e formicolio e sensazione di bruciore che può essere rintracciata dal dorso delle mani e al medio delle mani si sviluppano, come è attraverso questa lacuna dell'amigdala, il corsetto muscolare delle articolazioni del collo e della spalla sono forniti con terminazioni nervose.
  7. La settima cervicale e le prime vertebre toraciche innervano la ghiandola tiroidea, la regione della spalla e i gomiti, quindi un'ernia del disco intervertebrale della regione cervicale, che si diffonde in tale regione, ha le seguenti conseguenze: bronchiti frequenti, artrosi e borsite, disturbi alla tiroide, dolore alle scapole o alle articolazioni della spalla, strette strette di mano, perdita della sensibilità della mano, specialmente nella mano, cambiamenti nella tangibilità generale dalle scapole ai mignoli, possibili disturbi nelle capacità motorie delle mani.

Interessante: i sintomi di ernia vertebrale cervicale descritti sopra non differiscono da quei segni che indicano la progressione delle formazioni tumorali, lo sviluppo di processi infiammatori nelle radici del midollo spinale e l'osteocondrosi di qualsiasi parte della colonna vertebrale, quindi è necessario indagare i dati forniti dalla risonanza magnetica o dal computer tomografia di un'area specifica del rachide cervicale per distinguere questi patologiuu!

Inoltre, l'ernia cervicale può essere stabilita come una complicanza, se il paziente ha già osteocondrosi della regione cervicale e, sullo sfondo del trattamento, il paziente non mostra alcun miglioramento o le sue condizioni iniziano a deteriorarsi rapidamente.

Come trattare la formazione di ernia nella regione cervicale

I sintomi di un'ernia della colonna cervicale influenzano il suo trattamento e solo un neurologo che ha condotto tutti gli esami strumentali determina i metodi di trattamento, concentrandosi sui risultati ottenuti durante l'esame del paziente.

In alcune situazioni, l'ernia e i suoi sintomi sono soppressi in modo conservativo, che è caratterizzato dalle seguenti aree:

  • migliorare la nutrizione degli anelli fibrosi di quei dischi intervertebrali che sono stati danneggiati,
  • rilassamento dei gruppi muscolari del collo, che sono stati spasmedati a causa della progressione della patologia, al fine di garantire l'equilibrio della colonna vertebrale nelle condizioni prevalenti,
  • rinforzando l'intero volume delle articolazioni muscolari del collo per mantenerlo nella posizione corretta, a seguito della malattia si avrà la tendenza a spostarlo verso i muscoli indeboliti,
  • l'eliminazione del dolore, che non consente alle vertebre di prendere la loro posizione naturale.

Cosa dovrebbe fare il paziente per completare i compiti assegnati? Prima di tutto, nella prima settimana il paziente deve indossare un collare di Schanz o altra ortesi di fissaggio simile. Questo dispositivo è un'alternativa al riposo a letto nel trattamento dell'ernia intervertebrale del rachide cervicale, che viene utilizzata in modo che il disco infiammato inizi a riprendere il nucleo polposo e, quindi, a riprendersi gradualmente. Il colletto viene rimosso solo sotto la condizione della scomparsa del dolore che si diffonde al collo e alle braccia. Non si dovrebbe eseguire la rimozione troppo bruscamente, inizialmente si consiglia di rimuoverlo solo per il periodo di sonno, quindi durante la doccia. Successivamente, se non ci sono sintomi di dolore, il paziente può provare a rimuovere il fissativo durante il giorno, ma dopo di ciò non si dovrebbe ruotare attivamente la testa e massaggiare la zona del collo.

Attenzione: si sconsiglia al paziente di andare al bagno a causa della posizione non fisiologica del collo, stabilita contemporaneamente, fino a tre o quattro settimane e di usare la doccia per l'intero periodo, poiché la posizione verticale è più naturale per una persona!

Il processo medico prevede l'uso della terapia farmacologica, che consiste nell'uso dei seguenti farmaci:

  • Farmaci che hanno un effetto antinfiammatorio, eliminano il dolore inibendo gli enzimi dell'infiammazione. Si raccomanda di iniettarli nei primi tre o cinque giorni di iniezione ("Analgin", "Diclofenac", Denebol "). Successivamente, il paziente inizia a prendere questi farmaci sotto forma di compresse ("Meloxicam", "Ibuprofen", "Nimesil").
  • I rilassanti muscolari aiutano a rilassare il tessuto muscolare e sopprimono gli spasmi (Tizalud, Tolperisone, Mydocalm, Sirdalud). Inizialmente prescritto sotto forma di iniezioni intramuscolari, successivamente sostituito da un tipo di compressa.
  • Tali condroprotettori come "Don", "Artra", "Struktum" assicurano l'inizio del processo di rigenerazione degli anelli fibrosi dei dischi intervertebrali e vengono utilizzati per almeno sei mesi.
  • In caso di grave debolezza, bruciore o intorpidimento delle mani, il blocco del segmento deformato che utilizza novocaina e glucocorticoidi aggiunti, che in due mesi di terapia non si ripete più di tre o quattro volte, può essere efficace.

Un altro metodo che aiuta a trattare un'ernia del rachide cervicale è la fisioterapia, che viene applicata dopo sette giorni dal giorno in cui il trattamento è iniziato, quando il dolore è già stato eliminato:

  • terapia magnetica
  • elettroforesi con aggiunta di Novocaina,
  • terapia diadinamica,
  • applicazioni a base di paraffina,
  • applicazioni di ozocerite sul reparto danneggiato.

Il massaggio per le formazioni erniali viene effettuato anche dopo sette giorni dal giorno in cui il paziente ha iniziato la terapia, ed è effettuato esclusivamente da uno specialista qualificato. Per cosa è il massaggio? Rilassa le articolazioni muscolari ristrette e tonifica quelle indebolite, e né il midollo spinale né le arterie vertebrali sono pizzicate. Se il paziente non è in grado di rivolgersi a un professionista, è meglio rifiutarsi di eseguire il massaggio.

La terapia manuale, così come la ginnastica medica in caso di diagnosi di un'ernia, è davvero in grado di ripristinare la mobilità della colonna vertebrale, se la procedura viene eseguita da uno specialista competente che controlla sempre le immagini RM e TC del paziente in anticipo. Secondo le informazioni che contengono, il terapeuta manuale determina dove esattamente i suoi sforzi dovrebbero essere diretti, in modo che la situazione possa essere corretta il prima possibile.

Esercizi, che sono indirizzati con lesioni ernia della regione cervicale, sono divisi dai medici in tre periodi. La durata del periodo acuto è i primi sette giorni dall'inizio del trattamento. In questo momento, una persona è autorizzata a eseguire solo una serie di esercizi di respirazione, volti a lavorare con la respirazione diaframmatica.

Una settimana dopo, l'insieme dei movimenti praticati inizia ad espandersi. Non è consigliabile muovere i muscoli del collo, ma è necessario rafforzare gradualmente le articolazioni muscolari delle mani, in modo che il paziente si fletta e le estenda ai gomiti, comprima e apra ogni pugno, esegue movimenti circolari con entrambe le mani e le articolazioni del gomito.

Due settimane dopo, il compito è quello di rendere il corsetto muscolare più resistente, che forma il collo, e il paziente esegue le seguenti serie di manipolazioni:

  • preme la testa sul letto mentre giace sulla schiena,
  • preme la fronte sul palmo del dottore o del suo assistente, trovandosi nella stessa posizione,
  • spinge la fronte sul letto mentre si trova a pancia in giù,
  • dall'ultima posizione descritta preme la nuca sulla mano del medico o del suo assistente,
  • seduto con la fronte, poi con la parte posteriore della testa preme la mano dell'assistente, tuttavia questo non viene eseguito dal paziente in piena forza,
  • seduto per primo alza, quindi abbassa le articolazioni della spalla, mentre posiziona il pennello sulla superficie del tavolo,
  • seduto con le mani sciolte sulle ginocchia ruota gradualmente la testa in direzioni opposte, aumentando l'ampiezza della virata con ogni movimento,
  • inclina la testa prima in direzioni diverse, più avanti e indietro,
  • prende una posizione verticale, le sue mani sono appese lungo il corpo liberamente, mentre la sua schiena è raddrizzata, e gradualmente abbassa la testa, cercando di toccare il petto con il suo mento.

Avvertenza: in caso di vertigini, dolore o altre manifestazioni spiacevoli, l'esercizio deve essere immediatamente interrotto!

Guarda il video: Artrosi cervicale (Agosto 2019).