Trattamento di ernia

Come evitare la chirurgia dell'ernia. Consigli per osteopati e riabilitatori

Trattamento senza dolore, farmaci e chirurgia

Ernia intervertebrale (è spesso chiamato ernia intervertebrale) - una malattia molto seria. Non è solo accompagnato da forti dolori alla schiena, ma porta anche alla disfunzione della colonna vertebrale e al lavoro degli organi interni.

Ad esempio, l'ernia intervertebrale nel rachide cervicale causa mal di testa e dolori alle mani. Un'ernia nella colonna vertebrale toracica può portare a un malfunzionamento dei polmoni e del cuore. Un'ernia nella colonna lombare porta a dolore alle gambe. Un'ernia in esecuzione può addirittura causare una paralisi completa. Pertanto, in caso di mal di schiena, deve essere effettuata una diagnosi completa il prima possibile e, se viene rilevata un'ernia, il trattamento deve essere iniziato immediatamente.

L'ernia è una delle cause principali del mal di schiena. Secondo le statistiche, è diagnosticato in quasi il 75% delle persone che vengono in clinica a causa del mal di schiena.

Cos'è l'ernia intervertebrale e perché si manifesta?

L'ernia intervertebrale si sviluppa gradualmente, a causa dell'accumulo di fattori negativi. Questi includono lesioni spinali, sforzi fisici inadeguati, postura scorretta, corsetto muscolare debole, disordini metabolici, cambiamenti legati all'età, ereditarietà e persino infezioni. Spesso questa malattia colpisce coloro che sono impegnati nel lavoro fisico o sollevare pesi con l'età, ma negli ultimi anni, l'ernia intervertebrale sta "diventando più giovane". Il motivo è lo stile di vita sedentario dei giovani, che spezza la postura e indebolisce il corsetto muscolare.

Il disco intervertebrale è costituito da un nucleo circondato da un anello fibroso. Con una forte torsione sullo sfondo di compressione o stretching, le vertebre premono sul nucleo e sull'anello fibroso. Se a un certo punto l'anello fibroso non resiste al carico, si verifica una protrusione o rottura del disco (ernia). Spesso l'area deformata colpisce i processi nervosi e le radici del midollo spinale, il che porta alla distruzione degli organi controllati da questo dipartimento.

Come viene trattata solitamente l'ernia intervertebrale?

Con il problema dell'ernia intervertebrale, una persona spesso si riferisce a un neurologo, chirurgo, ortopedico o spina dorsale (terapeuta manuale). I medici diagnosticano dolore severo, deformità del disco intervertebrale e compressione delle radici nervose. Di conseguenza, il trattamento è finalizzato alla rimozione di queste manifestazioni e alla causa apparente (ernia), senza entrare nel motivo per cui è stata formata. Sono prescritti radiografie, ultrasuoni, CT o MTR e, a seconda delle condizioni dell'ernia, vengono offerte tecniche manuali o di altro tipo di riduzione della colonna vertebrale e dell'ernia o interventi chirurgici.

Recentemente, c'è stata una passione diffusa per le operazioni in tutto il mondo. In precedenza, veniva prescritto solo quando l'ernia provocava la paralisi del braccio, della gamba o di un altro organo o con un rapido deterioramento. Ora le indicazioni per la chirurgia sono in costante espansione. Si scopre che la medicina classica preferisce semplificare la situazione, intervenendo rapidamente e acutamente nel processo, anziché ricorrere al lungo e attento ripristino dello stato naturale della colonna vertebrale. Inoltre, con qualsiasi tecnica di trattamento, ai pazienti vengono prescritti antidolorifici e farmaci antinfiammatori, che con l'uso a lungo termine non sono innocui per l'organismo.

Nel frattempo, secondo le statistiche degli scienziati americani, circa il 70% delle persone con ernia intervertebrale può guarire con successo senza chirurgia.

Quale trattamento di ernia intervertebrale suggerisce l'osteopatia?

In contrasto con l'approccio della medicina classica, nella presentazione dell'osteopatia, l'ernia è solo una conseguenza di alcuni altri disturbi. Non sorge improvvisamente, dal nulla. Pertanto, i medici osteopatici cercano di identificare le cause alla radice della patologia e, prima di tutto, di eliminarli. Le cause più comuni sono:

  • Circolazione del sangue alterata e innervazione del disco intervertebrale.
  • Osteocondrosi e altre malattie degenerative della colonna vertebrale.
  • Dorso di curvatura, scoliosi, violazioni della postura.
  • Patologie di organi interni che possono distorcere il tono muscolare e, attraverso di essi, distorcere lo scheletro.

Molte di queste cause sottostanti possono essere eliminate o rimandate per molti anni usando tecniche osteopatiche che ripristinano la mobilità vertebrale e la circolazione del sangue, della linfa e del liquido cerebrospinale. Quando il disco intervertebrale inizia a ricevere sangue a sufficienza con ossigeno e sostanze nutritive, è meglio restaurato e resiste a carichi dannosi.

Pertanto, l'osteopata mira non solo a alleviare rapidamente il dolore o a ridurre il disco, ma elimina tutti i fattori che hanno portato a questo stato di cose. Nell'osteopatia vengono utilizzate tecniche che, da un lato, influenzano la persona in modo più delicato e più preciso rispetto, ad esempio, alla terapia manuale, ma d'altra parte, penetrano più profondamente e influenzano non solo le ossa e i muscoli, rimuovendo serrature e morsetti in tutte le strutture corpo.

Il risultato è sollievo dal dolore, contrazione dell'ernia e distribuzione normale del carico sulla colonna vertebrale. Per quanto riguarda l'efficacia dell'osteopatia nel trattamento dell'ernia intervertebrale, sono stati condotti studi evidence-based e sono stati scritti numerosi articoli scientifici. È stato stabilito che l'effetto del trattamento osteopatico, a differenza di altri metodi, persiste per diversi anni.

Case study

Vladimir, 45 anni. Sei mesi fa le è stata diagnosticata un'ernia del disco, disturbata dal costante dolore alla mano destra, dall'insensibilità delle dita. Si raccomandava un trattamento chirurgico. Dopo la prima sessione di trattamento osteopatico, l'intensità del dolore è diminuita notevolmente, il paziente ha smesso di bere antidolorifici. Con ogni sessione, il dolore è diventato sempre meno evidente, la mobilità e la sensibilità sono state ripristinate. Dopo 6 sessioni, la colonna vertebrale si è ripresa.

Dottore: Lukashov Nikolai Petrovich
Osteopata, medico di medicina sportiva, specialista in terapia fisica e riabilitazione.

Anatomia di un'ernia intervertebrale

Per mantenere la stabilità e la flessibilità della colonna vertebrale, sono necessari molti componenti strutturali:

  • i muscoli forniscono movimento delle vertebre
  • i pacchi controllano il loro raggio d'azione,
  • il disco intervertebrale viene utilizzato per l'ammortamento.

La parte interna del disco è costituita da un materiale simile al gel ed è chiamata nucleo polposo e la parte esterna è costituita da fibre dure e viene chiamata anello fibroso. L'indebolimento delle pareti esterne sotto l'azione della gravità porta al rilascio del contenuto del nucleo verso l'esterno. Le ernie e i dischi estrusi possono comprimere o irritare i nervi che escono dal canale spinale.

Il rigonfiamento del disco significa che meno di 90 gradi della sua circonferenza sporge oltre i confini - la patologia è chiamata spondilosi, a volte accompagnata da una rottura dell'anello o se ne va senza. L'estrusione si osserva se il nucleo pulpare sporge attraverso la parete esterna fibrosa. Il sequestro del disco è una separazione parziale di un'ernia. Alcuni esperti ritengono che la distruzione del nucleo pulpare sia uno stadio di guarigione.

Il dolore di ernia ha alcune peculiarità:

  • amplificato piegandosi in avanti o raddrizzandosi,
  • apparire quando si tossisce, si starnutisce e si tende
  • provocato alzandosi dopo una lunga seduta
  • disturbare il sonno quando si gira dall'altra parte,
  • irradiare lungo la gamba.
Gli studi dimostrano che le ernie scompaiono nel tempo se la biomeccanica spinale è stata ripristinata nel tempo.

L'ernia del disco si trova su una risonanza magnetica o TC in molte persone senza dolore alla schiena. A volte capita che la localizzazione della protrusione coincida con il luogo del dolore, perché non ha senso trattare esattamente l'ernia.

Ci sono due ragioni per la distruzione del disco:

  1. Perdita di stabilità delle vertebre a causa di stress nel corpo.
  2. Superamento del range di movimento consentito che si verifica durante un incidente, cadute, inclinazioni taglienti.

Gli osteopati distinguono le seguenti cause di degenerazione del disco intervertebrale:

  • shock improvviso o lesioni
  • distruzione nel tempo a causa di stress posturali e biomeccanici,
  • invecchiamento e deterioramento dell'afflusso di sangue.

Il trattamento dell'ernia della colonna vertebrale con osteopatia consiste nell'eliminare i fattori che interrompono il movimento delle vertebre e provocano un carico eccessivo sul disco, cambiano il trofismo dei tessuti. I fumatori, l'obesità e il diabete sono più suscettibili al rischio di degenerazione. Malattie genetiche dei tessuti connettivi, i processi autoimmuni influenzano i dischi intervertebrali.

Le cause del rigonfiamento del disco sono una violazione della biomeccanica della colonna vertebrale. Un osteopata con un'ernia spinale sembra sempre più profondo, studiando non solo le disfunzioni direttamente nell'area posteriore. La postura di una persona mostra dove il corpo devia - lateralmente, avanti o indietro. Questa inclinazione, chiamata caduta, è associata all'indebolimento di alcuni muscoli.

La disfunzione si osserva su un lato del collo, toracico, vita, gambe. In questo caso, il sistema nervoso cercherà di allineare il corpo per il movimento e la statica, sovraccaricando altri muscoli. Man mano che lo squilibrio si sviluppa, viene coinvolto un gruppo di muscoli che influiscono sulla posizione delle ossa, comprese le vertebre. Quando vengono invertiti, la mobilità del segmento viene disturbata, il carico sul disco aumenta a causa del movimento interrotto.

Un osteopata può curare un'ernia spinale? Solo quando si eliminano altre disfunzioni nel corpo. Perché l'ernia non è mai un problema locale, a parte i casi di lesioni o ictus diretti.

Cause del dolore

Il disco si gonfia in direzioni diverse, ma più spesso indietro e lateralmente. Nei casi più gravi, sposta le strutture circostanti, come un nervo o un midollo spinale, che causa sintomi neurologici:

  1. L'irritazione nervosa è associata alla parestesia, alla diffusione del dolore che brucia dalla vertebra alle estremità, alla tensione riflessa dei muscoli, al desiderio di assumere una postura forzata.
  2. La perdita della funzione nervosa è più grave, riducendo la sensibilità nell'area di innervazione, interrompendo il lavoro dei muscoli e degli organi. Con problemi lombosacrali possono essere complicazioni pericolose: difficoltà a urinare e urinare, abbassamento del piede.

Molto spesso, i pazienti si occupano di blocchi funzionali del segmento motorio vertebrale e spasmi muscolari. Sono convenzionalmente divisi in quattro tipi:

  • sublussazione - movimento rotatorio congelato della vertebra dovuto allo spasmo dei muscoli segmentari,
  • imbricamento - uno spostamento traumatico di elementi della vertebra durante i salti, si verifica negli atleti, così come nelle persone con maggiore lordosi lombare,
  • la fissazione è un blocco muscolare che è praticamente invisibile su una radiografia, si verifica nella regione toracica,
  • disfunzioni somatiche sono fissazioni compensative delle articolazioni nella posizione di lateroflessione e rotazione (con scoliosi) e in flessione / estensia, il movimento fermato di estensione e flessione. La posizione delle vertebre è anche associata allo spasmo dei muscoli segmentari.

Tuttavia, l'osteopatia e l'ernia della colonna vertebrale sono collegate non solo alla manipolazione delle vertebre. Piccoli spasmi muscolari quando un movimento ampio e performante, per qualche ragione, non riescono a far fronte al carico. La debolezza muscolare su un lato della colonna vertebrale provocherà uno spasmo riflesso sul lato opposto, portando a blocchi funzionali, spasmi e dolore.

I fattori di innervazione o pizzicamento del nervo da parte dei muscoli spasmodici, alterazione dell'afflusso di sangue e degli effetti riflessi degli organi interni possono causare debolezza muscolare. Pertanto, l'impatto non inizierà dal retro. Molti hanno una domanda logica: un osteopata tratta l'ernia? Il medico cerca di curare non una malattia specifica, che è spesso un sintomo di una violazione dei guasti funzionali alla struttura, ma di liberare il corpo dai limiti.

Lo spasmo muscolare è un'altra causa di dolore associata all'incapacità di compiere movimenti. Nella regione cervicale, uno squilibrio dei muscoli sternocleidomastoideo, che girano la testa nella direzione opposta, si manifesta più spesso. La debolezza di uno di loro dovuta alla disfunzione cranica delle ossa del cranio porta allo spasmo dei muscoli superficiali e più profondi del collo. Nella regione lombare è ostacolata la flessione, che esercita i muscoli addominali. Se non si contraggono, gli estensori della colonna vertebrale non possono rilassarsi e un tono aumentato provoca dolore.

Lo spasmo delle strutture interne è l'effetto delle tensioni fasciali causate da processi infiammatori degli organi interni. I legamenti del pericardio, la pleura dei polmoni, il diaframma sono attaccati alle costole, i legamenti all'aponeurosi perifaringea e alle vertebre. Dopo la polmonite, le aderenze dell'angina nella pleura parietale e il pericardio portano alla fissazione delle vertebre e delle costole, oltre al diaframma. Molto spesso, questo meccanismo viola la postura, la biomeccanica della transizione toracico-lombare e lombare.

Un osteopata cura l'ernia spinale? Sì, e non solo. L'obiettivo di una sessione osteopatica è di rilasciare strutture che influenzano la posizione delle vertebre. Perché il medico elimina la causa della formazione di un'ernia.

Tecniche di osteopatia per il trattamento di ernia

Lo stesso sintomo è un'altezza diversa delle spalle, delle ossa iliache e delle deformità scoliotiche. Prima di tutto, l'osteopata rivelerà la causa della disfunzione, che è localizzata a livello del cranio, degli organi interni, dei legamenti e delle arterie.

Le tecniche utilizzate per l'ernia riguardano diversi sistemi corporei:

  1. La terapia craniosacrale aiuta ad alleviare la tensione dalle membrane del cranio, la dura madre, che continua in ogni nervo spinale. Elimina quasi il 40% dei sintomi del dolore. Osteopata con ernia del rachide cervicale è estremamente necessaria per lavorare con la fascia, l'osso occipitale, il pericardio.
  2. La terapia viscerale migliora la nutrizione, l'innervazione degli organi interni, che sono fascialmente e attraverso l'innervazione associata ai muscoli che circondano le vertebre. Lavorare con le strutture interne libera le vertebre senza tecniche di fiducia - terapia manuale grossolana.
  3. Le tecniche fasciali e muscolari-energetiche rilassano i muscoli spastici, quindi influenzano direttamente la causa del dolore. Cambiando il tono muscolare, l'osteopata influenza la mobilità delle ossa, ripristina l'equilibrio.
  4. Il drenaggio e le tecniche neurovascolari ripristinano il flusso sanguigno e il deflusso linfatico dalle aree, eliminando il gonfiore e ripristinando il tono dei muscoli indeboliti per sostenere la colonna vertebrale.
  5. Mobilitazione di articolazioni per rimozione morbida di blocchi funzionali (sebbene più spesso loro siano eliminati dopo aver lavorato con navi e muscoli). L'osteopata non applica tecniche di fiducia che sono controindicate durante il periodo di dolore acuto.

Il trattamento tradizionale di ernia e dolore alla schiena consiste in una triade di farmaci: farmaci anti-infiammatori, vitamine del gruppo B e rilassanti muscolari. Tale approccio elimina temporaneamente i sintomi, perché i pazienti sono spesso raccomandati interventi chirurgici. L'effetto terapeutico di un osteopata ti consente di rimuovere sia la causa che le manifestazioni - la sindrome del dolore.

L'osteopata aiuterà con l'ernia della colonna vertebrale nella prima sessione? Sì. Perché offre di sbarazzarsi dei fattori che causano il rigonfiamento del disco e di non mascherare i sintomi.

Quanto dovrebbe essere trattato un osteopata? Le prime sedute aiuteranno ad alleviare il dolore, ma fino a quando il cambio di postura completo richiede tempo, così come un cambio di stile di vita per la correzione della postura. L'osteopata seleziona una serie di smagliature ed esercizi isometrici per la correzione completa della disfunzione.

Osteocondrosi in termini di osteopatia

Una delle interpretazioni errate di un'ernia: la causa del dolore e dei sintomi neurologici è la compressione delle radici nervose da parte di questa formazione.In realtà, non è colpa dell'ernia stessa la sindrome da compressione.

Il dolore è una conseguenza dello spasmo muscolare, che si verifica come reazione difensiva per stabilizzare la parte lesa della colonna vertebrale.

Questo spasmo porta alla spremitura delle vene, vasi linfatici, a causa della rottura del normale deflusso di fluidi dalla zona interessata, i tessuti molli diventano edematosi. Strizzano i nervi, causando sindromi dolorose locali e radianti.

Puoi sentire l'opinione che è impossibile far fronte alla malattia senza un intervento chirurgico.

Infatti, l'operazione, oltre all'effetto medicinale, non porterà al completo recupero: prima o poi i sintomi riappariranno, poiché la causa meccanica della formazione dell'ernia intervertebrale non è stata eliminata.

I carichi verranno distribuiti dal reparto operato ad altri (la colonna vertebrale si adatta sempre ai cambiamenti).

Ciò provocherà lesioni muscolari dislocanti e patologiche e il rigonfiamento del disco erniario inizierà a svilupparsi ad altri livelli.

Infine, l'osteopata comprende che è necessario affrontare il trattamento delle malattie degli organi situati nella proiezione della parte della colonna vertebrale interessata dall'ernia (ad esempio, per il reparto lombare, l'attenzione dovrebbe essere rivolta a problemi gastroenterologici, ginecologici e urologici).

Non solo la violazione dell'integrità del disco intervertebrale porta a una violazione delle funzioni degli organi interni, ma viceversa - le malattie degli organi diventano una fonte di spasmi muscolari che si diffondono alla colonna vertebrale.

Inoltre, le tensioni e le violazioni della composizione chimica del sangue portano anche alla formazione di "blocchi" muscolari.

Metodi di base

Un osteopata può curare un'ernia intervertebrale? Va notato qui che il medico è impegnato nel trattamento non dell'osteocondrosi stessa, ma dell'intero apparato muscolo-ligamentoso-osso e, di conseguenza, degli organi che lavorano in stretta connessione con esso. Ecco di cosa hai bisogno:

  • identificazione di luoghi di violazione, "guasti", deviazioni,
  • caricare la ridistribuzione
  • miglioramento della biomeccanica, lancio di sistemi di autoregolazione del corpo.

Ciò significa che l'osteopata lavora con il paziente in modo complesso. Con il giusto approccio, è possibile raggiungere un equilibrio non solo nel sistema scheletrico, ma anche negli aspetti funzionali del corpo: vascolare, nervoso e persino ormonale, e quindi curare una persona.

Sia gli adulti che i bambini smettono di infastidire non solo l'ernia, ma anche varie malattie del sistema muscolo-scheletrico (scoliosi, piedi piatti, torcicollo, ecc.), Il sistema nervoso (problemi del sonno, mal di testa), l'apparato respiratorio, gli organi digestivi, circolazione del sangue e così via.

L'elevata efficacia nel trattamento dell'ernia della colonna vertebrale viene raggiunta, sorprendentemente, con metodi morbidi di osteopatia.

L'assenza di rigide manipolazioni con la schiena è una garanzia che il disco intervertebrale non sarà ulteriormente danneggiato e al paziente verrà fornito il massimo comfort.

Con una sindrome del dolore forte, nella fase iniziale, è necessaria l'anestesia con iniezioni tradizionali di anestetici, in particolare i blocchi paravertebrali (paravertebrali).

Al fine di classificarsi come coloro che sono aiutati da un osteopata, il paziente deve collaborare con il medico, seguendo alcune linee guida:

  • limitando il carico sulla colonna vertebrale,
  • aderenza al lavoro e al riposo,
  • esercizi speciali di autoapprendimento

Certo, l'osteopatia aiuta, ma, affinché una persona non debba essere costantemente curata, uno specialista lo aiuta ad imparare ad "ascoltare" il suo corpo e ad aggiustare la sua posizione e la sua attività fisica in quanto è necessario per la salute del lombare o di qualsiasi altro dipartimento.

Vale la pena ricordare che l'osteopatia non nega altri metodi di trattamento - al contrario, un approccio globale è accolto con favore durante il trattamento dell'ernia intervertebrale. Ciò consente di ottenere risultati ottimali in un tempo più breve.

Una selezione dei miei materiali utili sulla salute della colonna vertebrale e delle articolazioni, che ti consiglio di guardare:

Guarda anche molti materiali aggiuntivi utili nelle mie comunità e account sui social network:

disconoscimento

Le informazioni contenute negli articoli sono destinate esclusivamente a informazioni generali e non devono essere utilizzate per l'autodiagnosi di problemi di salute o per scopi medici. Questo articolo non sostituisce il parere medico di un medico (neurologo, terapeuta). Si prega di consultare il medico prima di sapere esattamente la causa del tuo problema di salute.

1. Gli osteopati trattano l'ernia di un disco intervertebrale?

Sì, l'ernia del disco è un'indicazione per il trattamento osteopatico. Questo è un metodo delicato che consente di evitare un intervento chirurgico, ad eccezione di rari casi complessi (vedere la sezione 5).

Il piano di trattamento sarà diverso da quello tradizionale, che è prescritto da un neurologo (antidolorifici, farmaci anti-infiammatori, rinvio per la chirurgia).

Un osteopata considera sempre il problema in relazione allo stato attuale dell'organismo e cerca la sua causa per ogni caso specifico. I meccanismi dell'aspetto e dello sviluppo di un'ernia del disco possono variare:

· Carichi inadeguati a lungo termine o stressanti (seduti, guidando, sollevando pesi),

· Sovrappeso, che porta a uno stress cronico maggiore su tutte le articolazioni, inclusa la colonna vertebrale,

· Lesioni, interventi chirurgici che violano l'equilibrio naturale della colonna vertebrale,

· Interruzione del normale funzionamento degli organi interni, che porta a cambiamenti degenerativi nei muscoli, nei legamenti e nelle ossa,

Il trattamento osteopatico ha lo scopo di eliminare o correggere le disfunzioni del sistema muscolo-scheletrico e degli organi interni, contribuendo alla comparsa di un'ernia. Il suo obiettivo finale è quello di ripristinare la posizione normale delle vertebre l'una rispetto all'altra, l'uniforme mobilità sana di tutte le parti della colonna vertebrale, il normale funzionamento dei segmenti associati all'area problematica e all'intero organismo. Durante il trattamento, la pressione anormale sul disco intervertebrale viene rimossa, lo spasmo muscolare viene rimosso, il dolore viene alleviato e la circolazione sanguigna viene ripristinata. Quindi, lavorando con ciascun paziente secondo un piano individuale, il medico crea le condizioni per il verificarsi del processo inverso: riduzione dell'ernia e rigenerazione del tessuto cartilagineo.

2. È possibile raddrizzare un'ernia?

Tale domanda viene posta da coloro che non comprendono che l'ernia è il risultato di un graduale cambiamento degenerativo dei tessuti, della loro parziale distruzione. "Riposizionamento" indica un'azione singola. Non è possibile ripristinare istantaneamente ciò che è stato cambiato e distrutto per un lungo periodo. Ci vuole anche tempo per recuperare. Pertanto, in senso stretto, è impossibile correggere un'ernia, ma è possibile rimuoverla con il lavoro a lungo termine di un osteopata e paziente, o rimuoverla chirurgicamente.

3. E 'possibile curare un'ernia una volta per tutte?

Puoi fare tutto ciò che dipende da te in modo che il problema non ritorni. Qui siamo tra parentesi con l'invecchiamento naturale e l'usura, anche se, con alcuni sforzi, questi cambiamenti possono anche essere ridotti. Ciò richiede l'osservanza di due condizioni ugualmente importanti per un esito positivo. Il primo è quello di eseguire il piano di trattamento prescritto da un osteopata con monitoraggio obbligatorio dei risultati sulle scansioni MRI. Il secondo è quello di eliminare i sovraccarichi che causano cambiamenti patologici nella colonna vertebrale, al fine di garantire una ragionevole attività fisica quotidiana.

Un piano a lungo termine per l'attività fisica equilibrata, volto a mantenere la flessibilità della colonna vertebrale, il tono sano e l'elasticità dei muscoli circostanti, sulla base delle raccomandazioni del medico, può essere compilato da un istruttore di terapia fisica o da un istruttore di fitness competente.

4. Quanto dura un trattamento per l'ernia?

A seconda della fase in cui si trova la malattia, il trattamento può durare da alcune settimane a diversi mesi. Potrebbero essere necessarie solo poche visite per alleviare il dolore. Le procedure vengono eseguite, di norma, non più di una volta alla settimana all'inizio del corso e successivamente una volta al mese.

5. Quando è richiesto un intervento chirurgico?

La chirurgia per un ernia del disco è la rimozione della sua parte distrutta, che è andata oltre i limiti del "proprio" spazio e mette sotto pressione le terminazioni nervose vicine, irritandole e causando forti dolori. La chirurgia è una misura estremamente radicale, quando il paziente e il suo medico sono sicuri che è impossibile rimuovere questi dolori in un modo diverso, o in presenza di gravi disturbi neurologici (paralisi degli arti, organi interni).

Ci sono due opinioni estreme, sia tra i medici che tra i pazienti, da "tagliare senza aspettare ..." a "far funzionare un'ernia è un crimine", con molte opzioni di transizione. I fautori della posizione di taglio sono, di norma, amanti di decisioni rapide che chiudono gli occhi a possibili conseguenze negative. Dopotutto, l'operazione risolverà il problema principale dichiarato - allevierà il dolore, e ciò che accadrà tra qualche anno è quanto sia fortunato. Gli oppositori dell'operazione forniscono i seguenti argomenti. In primo luogo, nessuno è immune da complicanze dopo la chirurgia spinale, fino a casi senza successo con perdita di mobilità degli arti. E il paziente firma prima dell'operazione che è avvisato di questo. In secondo luogo, qualsiasi operazione è una violazione dell'integrità del corpo, la perdita della capacità di ripristinare la struttura sana originale a causa delle inevitabili maglie. I punti vengono sostituiti con tessuto connettivo anelastico e in futuro mantengono una tensione costante dei tessuti circostanti, impedendo il loro normale funzionamento. In terzo luogo, secondo varie stime, fino al 70% dei pazienti lamenta nuovamente lo stesso problema. In quarto luogo, l'operazione non migliora, ma peggiora la flessibilità della colonna vertebrale.

Perché i neurologi danno più spesso indicazioni per la chirurgia? Perché nel loro arsenale ci sono solo strumenti per il trattamento sintomatico di cambiamenti degenerativi nella colonna vertebrale di un paziente medio. E le statistiche accumulate mostrano che nella maggior parte dei casi i pazienti preferiscono prendere antidolorifici e continuare a vivere come prima, gradualmente "portando" la loro ernia allo stadio estremo. Il neurologo non può eseguire le manipolazioni necessarie, perché non possiede una tale tecnica, e il paziente è pigro per frequentare regolarmente le lezioni di terapia fisica (se viene anche inviato lì).

Perché altri specialisti (tra cui i neurologi che hanno imparato l'arte del trattamento delle mani) dicono che un'ernia non può essere operata? Perché hanno l'esperienza e le capacità pratiche di trattare questi pazienti e capire che l'operazione porta alla disabilità.

La formazione di ernia intervertebrale

I dischi intervertebrali sono formazioni cartilaginee che collegano le vertebre. Non trasportano vasi sanguigni in sé e vengono forniti con acqua e sostanze nutritive in modo diffuso, ricevendoli dai tessuti molli circostanti. Con l'età, i processi metabolici nel corpo umano rallentano e i dischi ottengono sostanze sempre meno necessarie. A ciò si aggiungono anche una dieta malsana, cattive abitudini, aumento del peso corporeo, stress, riposo inadeguato e mancanza di esercizio fisico.

A poco a poco, i dischi intervertebrali si seccano, le loro fessure di guscio, le qualità di ammortizzazione sono perse. Una piccola attività fisica porta ad un indebolimento dell'apparato muscolo-legamentoso, che rende difficile mantenere il disco in posizione anatomicamente corretta. In questo caso, il carico statico sulla colonna vertebrale rimane invariato o aumenta con l'aumento del peso corporeo.

Il guscio denso del disco vertebrale (anello fibroso) inizia a gonfiarsi, il nucleo polposo viene spostato. Il nucleo della polpa è una sostanza gelatinosa che contiene acqua. Questo grado di malattia è chiamato prolasso o protrusione del disco intervertebrale, il cui trattamento restituisce lo stato normale originario nella maggior parte dei casi. Ma, sfortunatamente, la protrusione raramente si manifesta con sintomi chiari o una sindrome da dolore acuto, quindi i pazienti raramente si recano alla clinica di trattamento posteriore.

Nella fase successiva della malattia sotto l'influenza di carichi, il nucleo polposo inizia a premere sull'anello fibroso e, trovando un punto debole (fessura), si rovescia. Questo forma un'ernia spinale, il cui trattamento richiede già più tempo, sforzo e pazienza.

Il tumore ha una struttura abbastanza densa che può spremere i tessuti molli, le radici nervose, i vasi sanguigni e persino il midollo spinale. Quindi, dolore e manifestazioni neurologiche (formicolio, intorpidimento o paresi degli arti) e limitazione della mobilità e interruzione degli organi interni.

La reazione riflessa del corpo all'uscita dell'ernia è la tensione e lo spasmo muscolare intorno all'area patologica, a causa della quale è più limitato e riceve meno nutrienti.

La rimozione immediata più terribile e davvero impegnativa è considerata un'ernia sequestrata. In questa variante, una parte del disco rilasciato si separa da quella principale, si spegne e forma un corpo estraneo nei tessuti, che può infiammare, infettare e infettare il midollo spinale o l'intero corpo.

La necessità di un intervento chirurgico

In circa l'80% di tutti i casi, il trattamento non chirurgico dell'ernia della colonna vertebrale mostra un risultato positivo. Nel 15-18% dei pazienti è possibile prevenire la progressione della malattia e stabilizzare lo stato di salute. E solo il 2-3% dei casi richiede una soluzione chirurgica al problema, quando il trattamento conservativo della colonna vertebrale non ha portato i risultati attesi (il dolore non può essere fermato, la protrusione influisce sul funzionamento degli organi interni o provoca la paresi o la paralisi degli arti).

Inoltre, la rimozione chirurgica dell'ernia non dà un risultato immediato. Dopo l'intervento, il paziente rimane in ospedale per un po 'di tempo fino alla rimozione dei punti. Questo è seguito da un lungo periodo di riabilitazione con uno sforzo fisico limitato, con l'uso di fisioterapia specializzata, indossando un corsetto e l'aggiunta graduale di esercizi di terapia fisica. E solo dopo che il paziente può tornare alla vita normale e alla capacità lavorativa, ma è necessaria la terapia preventiva, gli esami annuali e il riposo in sanatori specializzati.

La chirurgia spinale è considerata una delle più difficili e presenta un certo numero di possibili complicazioni: danni ai nervi, vasi, tessuti molli, midollo, sviluppo di patologie simili nelle aree adiacenti, processi cicatriziali, incluso il midollo spinale, sviluppo dell'instabilità dell'area operata . E, se lo stesso, dopo l'intervento chirurgico, viene prescritta una terapia farmacologica e una terapia simile, non è meglio provarli subito?

Trattamento conservativo di ernia

Nel periodo iniziale acuto, l'attività fisica è controindicata per i pazienti, in particolare quelli associati al sollevamento pesi, piegatura acuta avanti e indietro o laterale, torcendo la colonna vertebrale, ecc. Un bagno caldo, bagno o sauna dà risultati temporanei, attenuando leggermente il dolore, ma non mostra alcun effetto terapeutico. al contrario, rende difficile identificare chiaramente i sintomi di disturbo.

Di solito, al paziente viene prescritto riposo a letto per 7-10 giorni, riposo completo, possibilmente indossando un corsetto durante l'assunzione di postura eretta e terapia farmacologica. Consiste in anestetici locali (lidocaina o blocco novocanico) e generico (analgesici). Le sostanze anti-infiammatorie non steroidei sono usate per alleviare il gonfiore e l'infiammazione, e i rilassanti muscolari sono usati per eliminare gli spasmi.

Quando i muscoli costretti si rilassano, le radici nervose bloccate vengono rilasciate, il paziente diventa più leggero e il dolore gradualmente diminuisce. In questa fase del trattamento dell'ernia del disco spinale, una frattura psicologica si verifica spesso quando la sindrome del dolore scompare e il paziente pensa che il trattamento sia completato e lo ferma. Tuttavia, questo è solo un effetto temporaneo delle droghe, che significa la fine del periodo acuto, seguito da un lungo processo di trattamento riabilitativo.

Nelle fasi successive del trattamento, l'obiettivo principale è la ginnastica terapeutica (fisioterapia), i massaggi, la fisioterapia, l'acqua o la trazione a secco (stretching) della colonna vertebrale, visitando le tecniche di un buon chiropratico. Con questo:

La terapia fisica aiuta a riordinare i muscoli associati (rafforzare atrofizzati e rilassare ipertrofizzati), allungare delicatamente i legamenti (yoga utile), rafforzare la condizione generale del corpo.

I massaggi migliorano significativamente la circolazione sanguigna dell'area patologica e, di conseguenza, la nutrizione dei tessuti molli e dei dischi intervertebrali migliora e gli spasmi vengono rimossi.

Le procedure fisiche (elettroforesi, ultrasuoni, UHF, laser e magnetoterapia, bagni di fango o di paraffina, procedure idriche) aumentano il tono muscolare della schiena, alleviano gli spasmi, ripristinano le aree patologiche profonde dei tessuti molli, ecc.

La trazione spinale è un modo piuttosto vecchio, l'interesse è tornato di recente. Sotto l'azione dello stiramento e dello scarico creato all'interno del disco intervertebrale, il nucleo polposo viene aspirato nell'anello fibroso e durante la protrusione diventa praticamente in atto, riducendo le dimensioni dell'ernia ed eliminando la compressione delle terminazioni nervose, vasi e tessuti.

La terapia manuale (agopuntura, agopuntura, massaggio) ha un effetto rilassante, migliora l'umore e le condizioni generali del corpo.

Un'adeguata prevenzione dell'osteocondrosi e dell'ernia vertebrale, nonché il trattamento riabilitativo, sono considerati uno stile di vita corretto, uno sforzo fisico adeguato, un'esposizione regolare all'aria aperta, un'alimentazione corretta e un riposo adeguato.

Cos'è l'osteopatia?

L'osteopatia è un metodo per diagnosticare e curare varie malattie con le mani. A partire dalle patologie dei muscoli, della colonna vertebrale e termina con gli organi interni. Per l'implementazione del metodo descritto terapia non ha bisogno di farmaci, costosi dispositivi e dispositivi. Tutto il potere diagnostico e curativo è nelle mani dei professionisti dell'osteopata. Questa tecnica viene sempre più scelta dai pazienti con diagnosi di ernia intervertebrale.

Le caratteristiche primarie dell'osteopatia, distinguendolo dai metodi chirurgici e medici di trattamento, sono la sicurezza, l'assenza di dolore, l'eliminazione della vera causa dell'ernia del disco.

L'essenza del metodo

L'osteopatia tratta il corpo umano - la colonna vertebrale, i muscoli, i legamenti, gli organi interni, nel suo complesso. I processi in esso sono interconnessi. La struttura di ciascun organo influisce sulla sua funzione e viceversa. Tutti i componenti si influenzano a vicenda. L'osteopata distingue chiaramente gli organi e i tessuti strutturalmente sani dai pazienti. Conosce la loro forma, dimensione, densità, temperatura. Se c'è una differenza, indica una malattia.

Anni di allenamento trasformano le mani di un osteopata in uno strumento altamente sensibile e altamente informativo. La profonda conoscenza delle caratteristiche anatomiche e fisiologiche consente al medico di identificare anomalie nel tono dell'apparato muscolare, osseo e legamentoso. Determina con le sue mani congestione venosa, disturbi del ritmo, alterazioni patologiche degli organi interni. Lo specialista è in grado di eliminare tutti i cambiamenti appena iniziati, quando non ci sono sintomi evidenti e reclami.

Un osteopata può curare un'ernia spinale?

Nell'osteopatia, si ritiene che tale malattia sia causata da spasmi muscolari.

L'ernia del disco è una malattia grave, irta di complicazioni spiacevoli. L'osteopatia può aiutare a far fronte al disturbo. Un medico esperto eliminerà i sintomi della malattia e influenzerà il fattore causale. Ne farà fronte non di peggio del chirurgo che ha eseguito l'operazione sull'ernia. Nell'osteopatia, la causa delle sensazioni dolorose è uno spasmo dei muscoli paravertebrali, e non la violazione delle radici nervose, l'ernia risultante. Lo spasmo è considerato come una reazione naturale difensiva per stabilizzare la zona vertebrale danneggiata. A causa delle differenze nella comprensione del problema, la medicina tradizionale e l'osteopatia usano approcci opposti al trattamento.

L'osteopata normalizza i muscoli angusti e stretti. Di conseguenza, la spremitura del sangue e dei vasi linfatici si arresta. Il sangue e la linfa cessano di ristagnare nell'area colpita. La pressione sulle radici nervose si arresta. La sindrome del dolore passa. L'osteopata tratta necessariamente gli organi adiacenti alla zona interessata.

La tecnica, i suoi stadi e la tecnologia

Per ottenere un effetto terapeutico dagli effetti osteopatici, la tecnica include i seguenti passaggi:

  1. Identifica la posizione del problema in cui si nasconde l'ernia.
  2. Ridistribuzione della tensione nella zona di errore.
  3. Ripristino della biomeccanica fisiologica.
  4. Avvio di un sistema di autoregolamentazione.

La tecnica della procedura include il metodo di stretching.

Per fare questo, eseguire un approccio combinato e integrato al trattamento dell'ernia. Le manipolazioni vengono eseguite delicatamente, delicatamente, senza stress e pressione eccessivi. Per curare la malattia usando stretching, trazione, pressione vibratoria. Per rilassare e alleviare la tensione, i movimenti dell'oscillazione vengono eseguiti nelle articolazioni della colonna vertebrale. I periodi di tensione e rilassamento dei muscoli sono cambiati per portare l'articolazione nella sua posizione naturale.

L'essenza dominante del metodo è il corpo umano un sistema integrale e unificato. Pertanto, la forza interna dell'organismo stesso viene mobilitata per la guarigione.

Come funziona il disco intervertebrale

Il disco intervertebrale si trova tra i corpi di due vertebre adiacenti. Ha la forma di una rondella e funge da ammortizzatore per vari carichi: camminare, correre, sollevare pesi. Un disco sano consiste di due parti importanti: un nucleo acquoso, che si trova all'interno, e un anello fibroso più fibroso, che delimita il nucleo esterno. Entrambe le parti del disco sono più del 70% di acqua e molto sensibili alla sua carenza nel corpo.

Sotto carico, il disco intervertebrale è compresso e l'umidità è parzialmente fuori da esso. Normalmente, quando il carico viene fermato, l'acqua ritorna al disco e ripristina completamente la sua forma. Ma, sfortunatamente, nelle moderne condizioni di vita, questi carichi possono agire troppo a lungo, quindi non c'è abbastanza tempo di riposo per reidratare il disco. Un esempio di questo è uno stile di vita sedentario, in cui il carico sul disco da seduto su una sedia agisce per molte ore al giorno.

Anche la percentuale di umidità nei dischi diminuisce con l'età, con un'alimentazione scorretta. Questo processo diventa spesso irreversibile.

Il disco intervertebrale non ha i suoi vasi e non può ricevere nutrienti dal sangue. Vengono tutti da lui dai tessuti circostanti: muscoli, grasso, ecc. Questo è il motivo per cui è molto importante che non vi sia ristagno di sangue nei muscoli che circondano il disco, e il metabolismo procede senza impedimenti.

Stadi di sviluppo di un'ernia di un disco

All'inizio, sotto l'azione del carico, il disco si sposta all'indietro. Lo stato di predryzhi, o protrusione, si verifica quando il disco è talmente deformato che anche il suo nucleo inizia a muoversi all'indietro. In questo caso, una protrusione si forma nell'anello fibroso, chiamato protrusione. Ulteriori sviluppi dipendono dalle azioni della persona.

Se il paziente non presta sufficiente attenzione alla sua colonna vertebrale, non riduce il carico sul disco intervertebrale, alla fine l'anello fibroso si rompe e parte del nucleo esce molto vicino al midollo spinale. Quindi tutto dipende dal luogo in cui si è verificato il divario. Con un insieme di circostanze infruttuose, il nervo spinale è strangolato da una protrusione erniaria e compaiono i sintomi.

La rottura dell'anello fibroso può verificarsi a lungo, allungata nel tempo e forse anche nel caso di un improvviso movimento improvviso del tronco o della gamba.

L'ultimo stadio di un'ernia del disco è il sequestro. In questo caso, un pezzo del nucleo del disco viene separato e cade nel canale spinale. Le conseguenze possono essere molto diverse, a seconda di dove cade questo pezzo tagliato. Questo è un grado estremo di ernia del disco, ma non è ancora una frase.

La dimensione dell'ernia non è un'indicazione della gravità della malattia. Il flusso più difficile è l'ernia di foramine, cioè quelle che si trovano sul lato e violano gravemente la radice del nervo. Tali pazienti spesso devono essere indirizzati per un intervento chirurgico anche con una piccola ernia.

L'ernia di Schmorl

Nella stragrande maggioranza dei casi, l'ernia di Schmorl è asintomatica e può essere rilevata da esami radiografici. Questa è una conseguenza dei carichi assiali sulla colonna vertebrale. Nell'ernia di Schmorl, il nucleo del disco polposo si gonfia non indietro, ma verso il basso, nel corpo della vertebra adiacente. L'infrazione dei nervi in ​​questa ernia non si verifica.

Manifestazioni di ernia intervertebrale

Le manifestazioni di ernia dovrebbero essere distinte dai dolori nei tessuti che circondano la colonna vertebrale. Molto spesso i dolori alla schiena provengono da uno spasmo di piccoli muscoli intervertebrali, e anche se c'è un'ernia in questo luogo, la causa del dolore non è lei. Un medico dovrebbe essere diagnosticato da un neurologo, solo lui può determinare se l'ernia è compromessa da una radice nervosa. Questo di solito è indicato da:

Dolore che si estende al braccio, alla gamba o al gluteo.

Formicolio o intorpidimento del braccio o della gamba lungo i nervi provenienti dalla radice strangolata.

La debolezza dei muscoli associati alla radice colpita viene rilevata da un neurologo con speciali test muscolari.

Non esiste una connessione diretta tra la dimensione dell'ernia e la gravità della malattia! Tutto dipende dalla posizione dell'ernia.

Trattamento di ernia intervertebrale

Esistono molti tipi di trattamento, ma devono essere applicati in combinazione e individualmente, sotto la stretta supervisione di un medico.

I metodi farmacologici sono solitamente farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) di diversi gruppi (diclofenac, meloxicam, piroxicam, ecc.). Spesso i pazienti li prescrivono a se stessi, il che a volte porta a complicazioni. Questi medicinali devono essere selezionati individualmente sotto controllo medico. Il blocco di novocaina è un buon strumento, a condizione che il medico abbia le qualifiche appropriate.

Metodi di fisioterapia - sono anche molti, ben combinati con il farmaco. Questi sono elettroforesi, fonoforesi, magneti, UHF, ecc. Il compito di questi metodi è di ridurre il gonfiore e l'infiammazione al fine di alleviare la compressione delle radici.

Chirurgico - asportazione di un'ernia con un bisturi. Utilizzato quando non vi è alcun effetto dai metodi conservativi. È necessario decidere l'operazione individualmente. I metodi chirurgici sono efficaci quando sono necessari.

La terapia sportiva e vari tipi di ginnastica sono parte integrante del trattamento. Il compito principale è imparare a tenere le spalle in modo tale da evitare che il disco si muova all'indietro. Sollevare correttamente i pesi, sedersi e alzarsi in piedi. Se si mantiene costantemente la schiena in una posizione piegata, il disco prima o poi torna indietro, dando origine a un'ernia. Soprattutto provocano il sollevamento pesi dell'ernia con una schiena curva e torsioni.

Metodi di trazione delicati: consentono di allungare i muscoli spasmi tra le vertebre e rilasciare il disco bloccato e le radici nervose. In condizioni stazionarie è un'estensione dell'acqua, un loop Glisson, tabelle per l'estensione. A casa, sia per il trattamento e per la prevenzione di ernie e protrusioni, è possibile utilizzare il dispositivo Corden - un piccolo rullo triangolare appositamente progettato per l'anatomia dei muscoli della schiena.

I principi di base della ginnastica con ernia del disco:

Come si forma l'ernia

L'inizio della formazione di un'ernia - protrusione. Si tratta di incrinature dell'anello legamentoso di due vertebre e protrusione del disco verso il canale spinale. Successivamente, rasvoloknenie e rompere l'anello di collegamento e uscire nella direzione del canale spinale del contenuto del nucleo polposo. Si forma l'ernia (figura 1)

L'ernia può trovarsi nel mezzo o vicino al centro delle vertebre. Se l'ernia mediana è piccola e si trova sotto la terza vertebra lombare, allora clinicamente non è pericolosa. Perché sotto la seconda vertebra lombare, il midollo spinale è rappresentato dalla coda dei nervi del cavallo e hanno un posto dove "scappare" dall'ernia. Questo è se il canale spinale è largo. Sfortunatamente, in alcuni pazienti è inizialmente ristretto. E poi anche una piccola ernia può produrre sintomi neurologici.

Cos'è l'ernia laterale pericolosa

La più pericolosa è l'ernia foramenale o laterale, che restringe il canale vertebrale laterale (Fig.2). I nervi spinali passano attraverso questo canale, a seconda del livello del segmento per il movimento e la sensibilità di varie parti del corpo. Attraverso le vertebre lombari, ad esempio, passano i nervi che assicurano il funzionamento degli intestini, degli organi pelvici e, naturalmente, degli arti inferiori.

Il canale laterale è formato da processi trasversali delle vertebre adiacenti. All'interno è foderato di pacchi. Fuori, è circondato dai muscoli più profondi e più corti. Sono chiamati autoctoni. Se questi muscoli e legamenti sono deboli e c'è un forte carico sul segmento spinale, l'instabilità del canale laterale porta alla deformazione e alla rottura del disco intervertebrale e alla formazione di un'ernia.

Inoltre, se i muscoli deboli e i legamenti sono costantemente in eccesso di tensione, si infiammano e si gonfiano. Quindi il nervo può essere compresso non dall'ernia, ma dal rigonfiamento di quest'area, dimostrando il quadro clinico dell'ernia. Succede che c'è una foto di un'ernia su una risonanza magnetica, ei neurochirurghi non la trovano in chirurgia. Viene rilevato solo edema tissutale pronunciato o infiammazione in questo segmento vertebrale. Si scopre che non è stato eseguito nulla.

In quali parti della colonna vertebrale si verifica un'ernia più spesso

Le ernie si formano nelle parti più mobili: la regione cervicale. Il più delle volte - in media cervicale, toracolombare - allora è un'ernia a livello della prima e della seconda vertebra lombare e nella regione lombosacrale.

Le ernie tra la quarta, quinta lombare e la prima vertebra sacrale sono le più comuni. Queste vertebre trasportano l'intero carico assiale della colonna vertebrale.

Qual è la causa della malattia

La cosa principale che vorrei spiegare è che l'ernia non è una malattia da cui soffre questo paziente. L'ernia è una conseguenza di una violazione globale della biomeccanica della colonna vertebrale. Non sono d'accordo con l'opinione dei medici che l'ernia non è una conseguenza del sovrappeso e dei microtraumi spinali multipli durante la vita. L'ernia è una conseguenza di uno stile di vita improprio, una violazione dell'algoritmo del movimento del corpo, il fallimento della sua compensazione.

L'ernia vertebrale si presenta spesso in persone magre e magre. Come conseguenza della violazione della biomeccanica della colonna vertebrale, la muscolatura autoctona soffre. Come abbiamo detto, se i muscoli e i legamenti sono deboli, mocciosi, allora si forma una mobilità eccessiva in alcuni segmenti vertebrali.

Se i legamenti non sono tesi, "sporgono" in direzioni diverse, lo scheletro della colonna vertebrale si indebolisce. E poi prendiamo la Torre di Pisa.

Come funziona la violazione della biomeccanica della colonna vertebrale

Ci sono due aspetti in questo:

  • Una persona può avere un apparato legamentoso geneticamente "debole" incline allo stretching.
  • Il secondo è associato a una natura chiaramente definita del compito di ciascuna sezione della colonna vertebrale, ogni vertebra.

Ad esempio, la regione cervicale è la più mobile. Fa inclinazioni laterali, avanti e indietro, rotazione. Il reparto toracico è più rigido, ma ha le stesse funzioni. Inoltre, uno dei suoi compiti più importanti è quello di ruotare il corpo di lato. La torsione si conclude a livello della terza vertebra lombare

La regione lombare inferiore si piega in avanti, indietro e lateralmente. Non dovrebbe ruotare. Nella struttura, sembra un ponte strallato.

Uno stile di vita fisso, un eccesso di responsabilità porta all'immobilizzazione, i fossili principalmente nella colonna vertebrale toracica. Perde la capacità di arricciarsi. E poi questa funzione è assunta dal collo e dalla vita, e cominciano a girare invece della gabbia toracica, di conseguenza, diventano ipermobile e si allentano.

Come controllare la biomeccanica della colonna vertebrale

Se vuoi verificare la correttezza della biomeccanica della colonna vertebrale dei tuoi amici e parenti, basta chiamarli quando si siedono o stanno in piedi con la schiena. Normalmente, una reazione involontaria di svolta è la seguente: girare la testa a causa del collo, quindi girare le spalle e il corpo in vita. Se un uomo deve torcere il collo, che è più tipico per le donne o arricciatura nella parte posteriore, e ancora più immediatamente tornare indietro con tutto il suo corpo, gli uomini lo fanno più spesso - questo indica uno stereotipo muscolare sbagliato.

Cosa c'è nell'infanzia

Iniziamo con la prima infanzia. Studi moderni di neurologi e osservazioni di osteopati mostrano che quasi la metà delle lesioni alla nascita non vengono notate. Il bambino ha un altissimo livello di adattamento. Ma la dura madre, le ossa del cranio si allineano in modo errato e regolano la colonna vertebrale e tutto il corpo. Le costole aperte largamente aperte, la pancia della rana, la retrazione del torace, un'occlusione anomala che si forma sono tutti segni di una lesione alla nascita non riconosciuta.

Il bambino inizialmente formò lo stereotipo motorio sbagliato. Si gira in modo errato, si siede in modo errato e, naturalmente, inizia a camminare in modo errato. Questo può portare a una cattiva postura e persino allo sviluppo della scoliosi.

Pertanto, al fine di fornire al bambino una colonna vertebrale sana, è necessario almeno profilatticamente mostrarlo all'osteopata e, se necessario, sottoporsi a un ciclo di trattamento.

Il completo restauro dello stereotipo motorio è fornito anche dalla ginnastica riflessa Voigt. Gli esercizi di massaggio e fisioterapia aiutano a fissare il movimento giusto e ad allineare le catene muscolari.

Ciò che influenza la mobilità della colonna vertebrale negli adulti

Gravidanza, soprattutto frutti grandi. C'è un indebolimento della parete addominale anteriore, i muscoli addominali trasversali, glutei. Il bacino si inclina bruscamente in avanti. Tutto ciò colpisce i muscoli autoctoni, che mantiene la stabilità della colonna vertebrale. Il risultato è una protrusione o ernia della colonna lombare. Ecco perché i medici ripetono costantemente la necessità di una completa riabilitazione dopo il parto.

Qualsiasi disfunzione del tratto gastrointestinale, ad esempio, la colite colpisce i muscoli della colonna vertebrale, compromettendone la mobilità. Anche di grande importanza sono le operazioni addominali trasferite - la rimozione della cistifellea, l'appendice, il taglio cesareo e così via. Le aderenze interne stringono i muscoli della superficie posteriore del corpo e le cicatrici sulla parete addominale anteriore cambiano le catene muscolari anteriori. Il risultato è l'immobilizzazione di alcune parti della colonna vertebrale, l'iper-mobilità compensativa dei suoi altri reparti. I pazienti sono spesso sorpresi: sono arrivato da un osteopata con mal di schiena e mi guarisce lo stomaco.

Per quanto riguarda le ernie cervicali, possono anche essere causate da operazioni in quest'area, ad esempio, sulla ghiandola tiroidea. Inoltre, il colpo di frusta comune nel nostro tempo porta alla rottura del movimento della regione cervicale. Bruxismo: la tensione cronica della dentizione porta non solo al mal di testa, ma contribuisce anche alla formazione di protrusioni ed ernie e, di conseguenza, alla sindrome del dolore. La disfunzione dell'articolazione temporomandibolare cambia anche il movimento della regione cervicale.

Manifestazioni cliniche di ernia vertebrale

Il mal di schiena ha un enorme numero di ragioni. Dolore versato e dolorante - non si tratta di un'ernia. Inoltre, le ernie possono tacere a lungo e possono essere "scoperte accidentali" durante gli esami radiografici. La classica manifestazione di un'ernia vertebrale è una compressione del nervo che emana dal segmento vertebrale in cui è presente.

1Nella prima fase il dolore acuto appare nella parte del corpo che il nervo fornisce. Per un'ernia al collo, è un forte dolore ai muscoli del braccio. Per il lombare - nella gamba, nella coscia, nella parte inferiore della gamba, nel piede.

2Nella seconda faseche è più pericoloso con le sue conseguenze, questa è l'apparenza di un deficit neurologico. Una diminuzione o, al contrario, inizia un aumento della sensibilità della pelle. Il paziente cessa gradualmente di sentire la gamba o il braccio. Aumenta intorpidimento e debolezza negli arti. Il paziente non può stare in punta, sul tallone. Possibile disfunzione degli organi pelvici: costipazione, minzione compromessa.

Quando è necessario un intervento chirurgico

Ci sono chiare indicazioni per il trattamento chirurgico dell'ernia vertebrale. Questo è un aumento del deficit neurologico, come intorpidimento e ridotta mobilità dell'arto. Se i sintomi appaiono bruscamente e improvvisamente con un'ernia già diagnosticata, l'operazione deve essere eseguita entro un giorno e preferibilmente entro 6 ore dall'esordio del sintomo.

L'operazione stessa non elimina la causa della malattia, ma consente solo di non perdere la funzione dell'organo. La violazione globale della biomeccanica della colonna vertebrale rimane. Pertanto, dopo la chirurgia spinale, il paziente ha bisogno di una buona riabilitazione.

Come evitare il trattamento chirurgico

Nessuna trazione forzata, fisioterapia locale sulle vertebre, nessuna iniezione nell'area della sacca ernia prevista - non guarirà l'ernia. Nessun tessuto piace perforazioni extra. Le iniezioni locali migliorano solo le aderenze e i cambiamenti cicatriziali.
È necessario un approccio integrato, che includa il trattamento congiunto di un paziente da parte di diversi specialisti.

1 Nella prima fase, l'osteopata lavora con il paziente. Il suo compito è trovare le cause dello squilibrio corporeo. Ad esempio, lavorare con punte dopo l'intervento, ridurre al minimo la tensione della cicatrice. Quando la costipazione attiva il tratto gastrointestinale. Per le ernie della regione lombosacrale, aumentare la mobilità e la mobilità degli organi pelvici. Le ernie nella zona del collo possono richiedere un attento lavoro con il cranio e la dentizione. Dopo l'eliminazione delle cause locali di squilibrio, un bilanciamento globale dell'intera colonna vertebrale, così come il sistema nervoso autonomo, il principale mediatore del dolore, viene necessariamente effettuato.

2 Dopo un corso di trattamento osteopatico, l'iniziativa passa a un medico di terapia fisica e massaggiatori. Lavorare con un paziente di ernia è un'arte. La raccomandazione tipica dei medici per l'ernia è pompare un corsetto muscolare. Ma da paziente a paziente è diverso. Molti pazienti sono già nel sistema muscolare di muscoli stretti e spasmodici. Sotto questa armatura di corsetto si trovano i muscoli interni deboli della colonna vertebrale, che con tutta la sua forza mantiene il corpo in opposizione alla gravità. Il nostro compito è costruire correttamente le catene muscolari. Per insegnare al paziente a attivare consapevolmente i gruppi muscolari necessari, utilizzare il respiro come fattore di rilassamento.

Quante sedute osteopatiche sono necessarie per alleviare la condizione

Solitamente 1-5 ricevimenti per stabilizzare lo stato. L'intervallo tra i ricevimenti deve essere di almeno 5 giorni. Poiché il trattamento osteopatico è un processo molto profondo di messa a punto del corpo per l'autoregolazione, avvertiamo che entro 48 ore il corpo viene riequilibrato nel suo complesso. E in questo momento lo stato potrebbe persino peggiorare.

Classicamente, il miglioramento inizia il giorno 5. Dopo il corso, raccomandiamo ulteriori visite una volta al mese, quindi una volta ogni 3 mesi. E in futuro - una volta all'anno. Questo è a condizione che il paziente utilizzi attivamente un approccio integrato. E sta lavorando attivamente sulla sua salute.

Di quante lezioni hai bisogno con un dottore in terapia fisica

Se vengono diagnosticate ernie, la persona dovrà impegnarsi in una corretta attività fisica per tutta la vita. Purché voglia avere una buona qualità della vita. Il compito del medico di terapia fisica è di insegnare al paziente a sentire il suo corpo, a costruire correttamente le catene muscolari, a iniziare a godere dei movimenti del corpo. E poi la persona stessa sceglie ciò che gli piace: kolonetiku, Pilates, yoga, fitness. Ma allo stesso tempo, conosce già le caratteristiche del suo corpo e mette "bandiere rosse" durante le sue attività preferite. Ad esempio, quando si curva non puoi fare molte presse dal petto. E con l'ernia della regione cervicale - lo yoga è permesso, ma nessun rack sulla testa e sulla "betulla" dovrebbe essere avvicinato con molta attenzione. In palestra, il paziente stesso sceglie l'attrezzatura giusta e fa gli accenti giusti negli esercizi di Krosfit.

Guarda il tuo corpo, ascoltalo, caricalo con saggezza, rilassati e sii sano.

Loading...