Osteocondrosi

Malattie che possono portare alla spondilite spinale

La distruzione della vertebra è un processo di distruzione del tessuto osseo, che alla fine viene sostituito da crescite patologiche. Inoltre, si verificano cambiamenti distrofici, spesso compare emangioma (tumore vascolare).

Il processo richiede molto tempo, ma in rari casi, la distruzione avviene rapidamente.

Nelle fasi iniziali, la distruzione può essere confusa con l'osteoporosi. Solo durante un esame completo, lo specialista sarà in grado di fare la diagnosi corretta e iniziare il trattamento in tempo.

Che cosa causa la patologia? Se si ignora il problema, si forma una forte curvatura e la violazione dell'integrità del tessuto osseo si sviluppa in deformità spinale irreversibile, fino alla paralisi inclusa.

La malattia può svilupparsi sullo sfondo di un numero di malattie infiammatorie.

Problemi al collo

Per i cambiamenti distruttivi nella colonna cervicale è caratterizzato da danni alle terminazioni nervose, così come i vasi sanguigni, fornendo flusso di sangue al cervello.

  • emicrania,
  • vertigini,
  • dolore alle braccia e alle gambe,
  • problemi di pressione
  • dolore agli arti quando il tempo cambia

Poiché il processo di distruzione dell'integrità dell'osso procede di solito lentamente, è possibile notare cambiamenti nello stato di salute in una fase precoce. Quando trovi i primi segni, non appena possibile contatta uno specialista per evitare spiacevoli conseguenze.

Caso singolo

La distruzione è regionale. Procede in più fasi:

  • Viene diagnosticata solo una piccola compattazione, si nota una leggera distruzione del corpo vertebrale da un lato.
  • C'è un forte danno agli angoli delle ossa adiacenti della colonna vertebrale.
  • L'elemento interessato è completamente deformato, mentre gli angoli delle vertebre adiacenti sono distrutti, si osserva la cifosi.
  • Trovato la completa scomparsa del tessuto osseo 1-2 vertebre.

Come diagnosticare

Le moderne tecnologie sono utilizzate per la diagnosi, che aiuta non solo a stabilire la diagnosi, ma anche a determinare lo stadio della malattia. L'indagine di solito include tali attività:

  • Consultazione di un neurologo, che consente di valutare i sintomi, di riconoscere il grado di danno ai nervi, di determinare la presenza di sensibilità degli arti.
  • La tomografia computerizzata mostra lo stato della colonna vertebrale, la presenza di tumori, la progressione della malattia.
  • Con l'aiuto della risonanza magnetica, è possibile vedere lo stato del midollo spinale, dei legamenti e dei dischi intervertebrali.
  • Se ci sono problemi con il tessuto muscolare, utilizzare questo metodo diagnostico come elettromiografia.

Problem solving

La terapia viene selezionata individualmente, in base alla causa che ha provocato il problema e al grado di danneggiamento della colonna vertebrale. Inoltre, vengono presi in considerazione i risultati del sondaggio, nonché la gravità dei sintomi e le condizioni generali del paziente.

Quando si usa il trattamento:

  • Farmaci (una serie di farmaci e la durata di utilizzo sono prescritti solo da un medico),
  • esercizi terapeutici
  • tecniche di fisioterapia (elettroforesi, magnetoterapia, laserterapia).

In casi estremi, ricorrono all'intervento chirurgico per sostituire la vertebra con un impianto. Dopo questo, ha luogo un periodo di riabilitazione sotto la supervisione di un medico.

Nelle fasi iniziali, è spesso possibile fare con un metodo conservativo e quindi con una terapia di supporto. Se la distruzione è stata causata da un processo infiammatorio, prima di tutto è necessario eliminarlo e quindi inviare le forze per ripristinare la colonna vertebrale.

È impossibile auto-medicare o usare solo rimedi popolari, dal momento che, nel migliore dei casi, non porterà alcun risultato, ma complicherà solo la situazione. La medicina tradizionale può essere utilizzata come supplemento alla terapia principale e solo dopo aver consultato un medico. Sii attento alla tua salute!

Una selezione dei miei materiali utili sulla salute della colonna vertebrale e delle articolazioni, che ti consiglio di guardare:

Guarda anche molti materiali aggiuntivi utili nelle mie comunità e account sui social network:

disconoscimento

Le informazioni contenute negli articoli sono destinate esclusivamente a informazioni generali e non devono essere utilizzate per l'autodiagnosi di problemi di salute o per scopi medici. Questo articolo non sostituisce il parere medico di un medico (neurologo, terapeuta). Si prega di consultare il medico prima di sapere esattamente la causa del tuo problema di salute.

specifico

Questi includono malattie i cui agenti patogeni possono causare spondilite specifica. Questi tipi di spondilite agiscono come complicanze della patologia principale nel corpo.

  1. Lesione del midollo spinale causata da tubercolosi da micobatterio (spondilite tubercolare). I micobatteri si diffondevano attraverso i dotti linfatici o attraverso il sangue verso i corpi vertebrali, causandoli a processi purulenti. Con la sconfitta della colonna vertebrale toracica si formano gravi deformità, a seguito delle quali il lavoro del cuore e dei polmoni viene disturbato.
  2. Spondilite da brucellosi. L'infiammazione della colonna lombare si sviluppa. La malattia non porta alla formazione di ascessi, sul roentgenogram vengono rilevati solo i fuochi della distruzione nelle vertebre.
  3. Spondilite causata dalla setticemia tifoidea. Due vertebre adiacenti e un disco intervertebrale situato tra di loro sono danneggiati. Si verifica la sconfitta della colonna vertebrale toracolombare o sacro. Il processo si sviluppa molto rapidamente, portando alla formazione di ascessi.
  4. Spondilite causata da actinomicosi. Nel processo actinomicotico, si verifica spesso una lesione toracica, caratterizzata dalla formazione di fistole con scarico di cagliata.
  5. Spondilite sifilitica. È raro, procede secondo il tipo di osteomielite. Fondamentalmente c'è una lesione del rachide cervicale. Questo può causare spremere il midollo spinale, che si manifesta con sintomi neurologici.

aspecifica

Queste sono malattie causate da vari batteri piogeni, spondilite anchilosante, spondilite post-traumatica.

  1. Spondilite anchilosante Questa malattia è causata da processi autoimmuni nel corpo. La spondiloartrite anchilosante può portare alla completa immobilità della colonna vertebrale e alla disabilità. La spondiloartrosi anilozing colpisce spesso i maschi.
  2. Spondilite purulenta ematogena. Quando colpisce principalmente la parte cervicale e lombare della colonna vertebrale. Caratteristica è la diffusione fulminante del processo a grandi parti della colonna vertebrale. Compaiono ascessi multipli e fistole. Il sistema nervoso è affetto e può verificarsi una meningite purulenta. Spesso il processo si sposta sul tessuto molle con la formazione di fistole e ascessi in essi.
  3. Spondilite dopo lesione del midollo spinale. La spondilite asettica (post-traumatica) si sviluppa dopo un trauma. Il pericolo di questa specie è che dopo un trauma il dolore passa in due settimane, ma i processi necrotici iniziano a svilupparsi nelle vertebre, che potrebbero non manifestarsi per anni. Viene spesso diagnosticato in stadi avanzati e può portare alla disabilità.

Le manifestazioni di spondilite dipendono dalla causa della patologia, dalla prevalenza, dal livello delle lesioni spinali. La malattia può manifestarsi con i seguenti sintomi:

  1. Forte dolore nell'area colpita. Possono essere doloranti o tirare, diventare dolorosi, aumentare con lo sforzo fisico, i movimenti.
  2. Restrizione di movimenti o rigidità. Con la progressione della patologia, i pazienti sono sempre meno in grado di eseguire curve o svolte nel tronco. La spondiloartrite anchilosante può far perdere le sue curve fisiologiche alla colonna vertebrale e diventare quasi dritta.
  3. Edema, febbre nella zona danneggiata, arrossamento.
  4. Con il coinvolgimento delle fibre nervose nel processo, il paziente sembra lamentarsi di intorpidimento degli arti, la sensazione di "gattonare la pelle d'oca", una violazione della sensibilità. Inoltre, ci possono essere spasmi muscolari, spesso sviluppare paresi o paralisi.
  5. Ci sono sintomi generali associati all'intossicazione del corpo con i prodotti dell'attività vitale dei batteri: febbre, brividi, debolezza, sonnolenza, affaticamento.
  6. Con la progressione del processo, quando vi è una significativa distruzione delle vertebre, si sviluppano gravi deformità spinali. Visivamente, è possibile determinare la violazione della postura, curvare, gobba. Tali cambiamenti portano a disfunzione del cuore, dei polmoni, del tratto gastrointestinale e degli organi pelvici.

diagnostica

La patologia dovrebbe essere identificata il prima possibile. Per fare questo, il seguente esame:

  1. Chiarificazione dei reclami del paziente.
  2. Raccolta dell'anamnesi della malattia. La spondilite asettica è sempre associata alla lesione del midollo spinale.
  3. Esame del paziente.
  4. Esame della palpazione
  5. Analisi del sangue generale Permette di identificare i cambiamenti infiammatori nel corpo (aumenta il livello dei leucociti e cambia la formula dei leucociti).
  6. Studio biochimico del sangue.
  7. Determinazione del livello di proteina C-reattiva (marker di infiammazione).
  8. Radiografia della colonna vertebrale nelle proiezioni frontali e laterali. È possibile identificare lesioni, deformità.
  9. Tomografia computerizzata Il metodo di ricerca più informativo. Lesioni determinate, presenza di fistole, alterazioni dei tessuti e degli organi circostanti.
  10. Tomografia a risonanza magnetica.
  11. Biopsia tissutale seguita da esame al microscopio.

Il trattamento deve essere iniziato il più presto possibile. Può essere conservativo e operativo. Il trattamento chirurgico viene effettuato solo in casi estremi.

Terapia conservativa

Il trattamento è prescritto completo, tenendo conto dell'eziologia della spondilite. Sono usati i seguenti farmaci e metodi non farmacologici:

  1. Terapia antibatterica Sono prescritti antibiotici ad ampio spettro, cefalosporine e fluorochinoloni sono i farmaci di scelta. Oltre a mezzi specifici per influenzare il micobatterio tubercolosi, patogeni della sifilide, il tifo.
  2. Agenti antifungini
  3. Terapia infusionale È usato per grave intossicazione del corpo, disidratazione. Vengono utilizzate soluzioni di glucosio-sale, poliglucina, reopolyglucine.
  4. Farmaci antinfiammatori non steroidei. Permettono di ridurre l'infiammazione, il gonfiore dei tessuti. Nominato ibuprofene, nurofen, ortofen.
  5. Ormoni glucocorticoidi Applicato nei casi gravi, così come in un paziente con malattie sistemiche del tessuto connettivo (spondilite anchilosante).
  6. Antidolorifici. Nella sindrome del dolore, puoi usare droghe come analgin, ketanov, baralgin.
  7. Condroprotettore.
  8. Trattamento di fisioterapia La fisioterapia riduce l'infiammazione, il gonfiore dei tessuti. Viene applicato il trattamento termico, la fonoforesi con ormoni (idrocortisone). Il trattamento di fisioterapia è prescritto dopo l'eliminazione del dolore, a temperatura corporea normale.
  9. Ginnastica terapeutica Ti permette di rafforzare i muscoli della schiena, mantenere il tono normale, ripristinare l'attività fisica.
  10. Massaggi. Con esso, è possibile migliorare la circolazione sanguigna, il drenaggio linfatico, rimuovere ipertonicità muscolare.

Trattamento chirurgico

È prescritto se la terapia conservativa è inefficace o se sono sorte gravi complicazioni a carico dell'apparato respiratorio o del sistema cardiovascolare. Una vertebra danneggiata viene ispezionata, il tessuto distrutto, la plastica o le protesi rimosse.

La spondilite è una patologia spinale grave che può portare alla disabilità. Dopo un trauma o un dolore alla schiena senza una ragione apparente, è necessario contattare uno specialista. La diagnosi tempestiva e il trattamento della malattia contribuiranno a prevenire gli effetti avversi. Se è presente una spondilite anchilosante, l'osservazione da parte di un medico e il trattamento devono essere permanenti.

Altri motivi

Ci sono altri motivi per cui può verificarsi la distruzione delle vertebre. Questi includono:

  • stile di vita sedentario
  • interruzioni ormonali
  • distrofia o, al contrario, obesità,
  • mancanza di calcio nel corpo
  • cambiamenti di età
  • ereditarietà e altro ancora.

Il sintomo principale è il dolore. Aumenta con movimenti improvvisi, tosse, starnuti e sforzi fisici. I sintomi caratteristici sono anche:

  • deformità della vertebra. Questo accade quando parecchie vertebre sono incluse nel processo patologico in una sola volta. Mentre la malattia progredisce, la deformazione aumenta ed è già suscettibile di esame esterno,
  • cambiamento nella crescita. La differenza di altezza può raggiungere i 10-15 centimetri,
  • costrizione nella colonna vertebrale, specialmente al mattino,
  • arrossamento della pelle nella zona della malattia. Inoltre, la pelle in questo posto è molto più calda che in altri posti.

Impara come trattare il cancro del midollo spinale.

prevenzione

È meglio iniziare misure preventive nei giovani. Migliorare la forza delle ossa contribuisce a un'alimentazione corretta e completa. Gli esercizi mattutini quotidiani non saranno superflui, ma non sovraccaricheranno la colonna vertebrale. Dovresti anche rinunciare a cattive abitudini: alcol, caffè, sigarette.

Se si verificano i minimi sintomi, consultare immediatamente un medico. È severamente vietato impegnarsi nell'auto-trattamento, quindi esasperare la situazione.

conclusione

La distruzione delle vertebre lombari è un fenomeno pericoloso. È meglio non portare il tuo corpo in uno stato simile. Per questo motivo, seguire le raccomandazioni per la prevenzione delle malattie della colonna vertebrale e prestare particolare attenzione alla salute delle ossa.

Se hai ancora una diagnosi di distruzione vertebrale, non disperare. Oggi la medicina può curare molto e questa diagnosi non è una frase.

Cambiamenti spinali distruttivi

Il cambiamento distruttivo della vertebra o della distruzione è chiamato il lungo processo di distruzione dell'integrità delle ossa con la loro ulteriore sostituzione con tessuti patologici come il pus o il tessuto tumorale e altri. La distruzione è malattia patologicaportando ad una diminuzione parziale o completa della densità ossea, della loro deformazione, dell'aumento della loro fragilità e delle fasi finali fino alla loro completa distruzione.

La prevenzione e la prevenzione di questo pericoloso processo devono avvenire nelle fasi iniziali. Altrimenti, la distruzione può portare a ulteriori complicazioni.

Le cause della malattia

Nella maggior parte dei casi, qualsiasi malattia vertebrale, inosservata nel tempo, può portare ai suoi cambiamenti distruttivi. Anche le cause di questa malattia sono:

  1. Una varietà di malattie della colonna vertebrale, inosservate nel tempo (come notato in precedenza).
  2. Eredità.
  3. Modifiche relative all'età.
  4. Carichi eccessivi direttamente sulla colonna vertebrale, così come le sue singole parti.
  5. Sovrappeso.
  6. Stile di vita sedentario
  7. Postura errata, vale a dire la forte curvatura della colonna vertebrale.

Sintomi di cambiamenti distruttivi nella vertebra

I segni caratteristici dell'insorgenza e i sintomi di questa malattia sono:

  • Il dolorequale bruscamente amplifica all'atto di apparizione di attività fisiche pesanti, e anche ai movimenti affilati e tosse. Nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia, il dolore scompare quasi immediatamente dopo la rimozione del carico o la cessazione di movimenti improvvisi. Ma con lo sviluppo della malattia, il dolore diventa solo più forte, sempre più lentamente scompare quando il carico sulla vertebra si ferma. Nelle ultime fasi, il dolore diventa quasi insopportabile e può manifestarsi anche in assenza di sforzo fisico.
  • Rossore della pelle nel sito della malattia. Di solito questo posto è molte volte più caldo di altre parti del corpo. Come per il dolore, il rossore può aumentare a seconda dello stadio della malattia. Deformità spinale. Può anche aumentare a seconda dello stadio della malattia.
  • Crescita ridotta. Nelle fasi iniziali, la differenza nella crescita è insignificante, ma già nelle ultime fasi dello sviluppo della malattia, la differenza può raggiungere i 15-20 centimetri.
  • Rigidità in movimento.

Trattamento dei cambiamenti spinali distruttivi

Il trattamento di questa malattia difficile e difficile si svolge in più fasi. Queste fasi e il metodo di trattamento sono stabiliti e prescritti dal medico curante in accordo con le caratteristiche individuali del paziente. Esistono diversi modi per trattare la distruzione vertebrale, in alcuni casi possono essere usati insieme.

  • Trattamento farmacologico. Questo è un metodo obbligatorio per il trattamento di eventuali malattie. I farmaci, il loro numero e la durata d'uso sono determinati dal medico.
  • Ginnastica terapeutica. In accordo con le caratteristiche individuali del paziente, gli viene assegnata una serie di esercizi, che dovrebbero successivamente rafforzare i muscoli della schiena.
  • chirurgia. Questo metodo viene applicato solo nel caso in cui altri tipi di trattamento non abbiano dato alcun risultato. Molto spesso viene utilizzato già nelle fasi successive dello sviluppo di un cambiamento distruttivo della vertebra. In questo caso, il paziente subisce un intervento chirurgico per sostituire la vertebra.

Consultazione di un neurologo

La diagnosi di problemi alla colonna vertebrale, di norma, inizia con una visita a un neurologo. La consultazione con un medico consiste di due parti: una conversazione e una visita medica. Durante la conversazione, il medico raccoglie la storia medica del paziente, informazioni su altre malattie e condizioni che ha, così come i sintomi che il paziente sperimenta (dove si sente dolore, qual è la natura del dolore (doloranti, acuti, ecc.), Quali azioni e posture facilitano o , al contrario, aumentare il dolore, ecc.). L'esame medico può includere il controllo della sensibilità e della forza muscolare, i riflessi. Inoltre, al paziente può essere chiesto di assumere determinate posizioni per vedere quale delle posizioni del corpo può dargli fastidio. È anche importante per la diagnosi, poiché la natura delle sensazioni dolorose e delle posture o dei movimenti in cui queste sensazioni appaiono o si intensificano può indicare la causa immediata del dolore. Dopo l'intervista e l'esame, il medico effettua una diagnosi preliminare, che deve quindi essere confermata e integrata o, al contrario, confutata con test radiografici, che verranno discussi di seguito.

Tomografia computerizzata (CT)

La tomografia computerizzata spinale è un test utilizzato principalmente per diagnosticare lesioni del midollo spinale nei pazienti dopo l'infortunio. La procedura in sé è indolore e non invasiva. Nei casi di emergenza, la TC può rilevare rapidamente lesioni interne o sanguinamento, in modo che l'assistenza a tali pazienti sia fornita in modo tempestivo.

Oltre a danneggiare la colonna vertebrale, CT può essere utilizzato per:

  • valutare la condizione della colonna vertebrale prima e dopo la chirurgia spinale,
  • diagnosticare la causa del mal di schiena. Una delle cause più comuni di dolore alla schiena che può essere diagnosticata con CT è l'ernia intervertebrale. Spesso tale diagnosi viene fatta usando un agente di contrasto (mielografia CT),
  • stima sufficientemente precisa della densità delle ossa del midollo spinale e previsione della possibilità di fratture vertebrali in pazienti con rischio di osteoporosi
  • diagnosticare anomalie congenite della colonna vertebrale, nonché scoliosi,
  • riconoscere diversi tipi di tumori nella colonna vertebrale, compresi quelli che si sono diffusi da un'altra area del corpo. Alcuni tumori, originariamente formati altrove, possono essere identificati da gruppi di cellule maligne (metastasi) nelle vertebre, ad esempio il cancro alla prostata,
  • eseguire procedure diagnostiche, come la biopsia di un'area sospetta per la diagnosi di cancro, nonché pompare il fluido durante un'infezione locale (ascesso).

Per i pazienti con stenosi del canale spinale, frattura vertebrale, infezione o alterazioni degenerative nella colonna vertebrale (come l'artrite), la TC spinale può fornire informazioni importanti separatamente o in combinazione con la risonanza magnetica (MRI).

Condividi con il tuo medico le informazioni sulle malattie recentemente trasferite, le condizioni croniche e riporta anche i farmaci attualmente in uso e le reazioni allergiche. 12 ore prima della procedura, è necessario astenersi dal mangiare e dal bere. Se si è allergici a sostanze contenute in un materiale a contrasto (quando si esegue una TC con contrasto), il medico può prescrivere farmaci per ridurre il rischio di una reazione allergica, che deve essere assunto non oltre 12 ore prima della procedura. Rimuovi tutti i gioielli e indossa abiti larghi e comodi. Immediatamente prima del test, potrebbe esserti richiesto di cambiarti in un camice medico monouso.

Le restrizioni alla TC spinale sono correlate al peso del paziente. Di regola, il limite è di circa 200 kg. Inoltre, è necessario sapere che la TC della colonna vertebrale non fornisce molte informazioni sullo stato del midollo spinale, legamenti, dischi intervertebrali, ematomi nella colonna vertebrale, ecc. In tali casi, la risonanza magnetica è più adatta alla diagnosi.

Imaging a risonanza magnetica

La risonanza magnetica (MRI) della colonna vertebrale utilizza onde radio, un campo magnetico e un computer per creare immagini dettagliate della colonna vertebrale e dei suoi tessuti circostanti, che sono di gran lunga superiori per qualità a immagini ottenute come risultato di altri test radiografici. L'esame non utilizza radiazioni ionizzanti. Talvolta la procedura può richiedere l'introduzione di un mezzo di contrasto del gadolinio, una reazione allergica a cui si verifica meno frequentemente del materiale di contrasto iodato, spesso utilizzato in altri metodi radiografici per diagnosticare la colonna vertebrale.

La risonanza magnetica è il gold standard riconosciuto a livello internazionale per la diagnosi dei problemi alla colonna vertebrale, poiché le immagini prese come risultato della risonanza magnetica, consentono una buona visione delle condizioni sia delle ossa che dei tessuti molli (muscoli, legamenti, nervi, dischi intervertebrali, ecc.).

La risonanza magnetica è assegnata a:

  • controlli di anatomia e valutazioni della curvatura spinale,
  • rilevare anomalie congenite delle vertebre o del midollo spinale,
  • rilevamento di danni ai legamenti, alle ossa, ai dischi intervertebrali o al midollo spinale dopo lesione spinale,
  • diagnosi di problemi con dischi intervertebrali (degenerazione, ernia intervertebrale) e articolazioni. I problemi con i dischi e le articolazioni intervertebrali sono cause comuni di grave dolore lombare e sciatica (dolore lombare che si irradia alla gamba),
  • cercare altre possibili cause di mal di schiena (frattura da compressione, infiammazione ossea (edema)),
  • rilevare la presenza di compressione (compressione) dei nervi o del midollo spinale,
  • rilevare l'infiammazione di un nervo o del midollo spinale,
  • identificare le infezioni che interessano la colonna vertebrale, i dischi intervertebrali, il midollo spinale o le sue membrane,
  • rilevamento di tumori che interessano le vertebre, il midollo spinale, i nervi o i tessuti molli che li circondano,
  • assistenza nella pianificazione di interventi chirurgici spinali come la decompressione nervosa, la fusione spinale,
  • monitorare i cambiamenti nella colonna vertebrale dopo l'intervento chirurgico, come cicatrici o infezioni.

Informi il medico di eventuali problemi di salute, recenti interventi chirurgici e reazioni allergiche a lei noti. Il campo magnetico in sé non nuoce al corpo umano, ma può causare malfunzionamenti nel funzionamento di dispositivi elettrici, ad esempio pacemaker. Se hai un pacemaker, una scansione MRI è controindicata per te. La maggior parte degli impianti ortopedici non rappresenta una controindicazione per la risonanza magnetica, ma è comunque necessario segnalare la presenza di tale impianto al proprio medico. Per quanto riguarda il regime di alimenti e bevande prima dell'esame, le raccomandazioni possono variare a seconda dell'ubicazione della procedura. I farmaci vengono solitamente assunti secondo un programma standard. Rimuovere tutti i gioielli e lasciarli a casa, indossare abiti comodi e larghi. Prima della procedura, potrebbe esserti chiesto di cambiarti in un camice medico monouso. Se soffri di claustrofobia o ansia, puoi chiedere al medico prima del test di darti un lieve sedativo.

Limitazioni per la risonanza magnetica:

  • le immagini di alta qualità vengono ottenute solo se il paziente rimane immobile e segue le raccomandazioni per trattenere il respiro durante la creazione diretta di immagini. Se sei preoccupato o molto doloroso, non sarà facile sopportare lo studio,
  • i pazienti con un peso maggiore potrebbero non adattarsi al dispositivo,
  • la presenza di un impianto o di altri oggetti metallici nel corpo rende difficile la creazione di immagini chiare. I pazienti con pacemaker stabilito non possono essere approvati per la risonanza magnetica,
  • Una scansione MRI di solito non è raccomandata per valutare la condizione dei pazienti dopo una lesione grave. Tuttavia, la decisione deve essere presa da una commissione medica. I problemi possono sorgere per il motivo che l'area del corpo che deve essere investigata dovrà essere liberata da apparecchiature che supportano la vita o altri dispositivi. Inoltre, lo studio viene eseguito più a lungo rispetto alla TC o alla radiografia convenzionale e i risultati potrebbero non essere pronti immediatamente dopo lo studio, nonostante l'eventuale urgenza della situazione,
  • sebbene non ci sia motivo di credere che una risonanza magnetica possa danneggiare il feto, le donne incinte non sono consigliate di sottoporsi a questo studio, a meno che non sia necessario,
  • La risonanza magnetica è in genere più costosa rispetto ai raggi X o alla TC
  • In alcuni pazienti, le fratture vertebrali sono meglio osservate con le scansioni CT rispetto alle scansioni MRI.

Elettromiografia (EMG)

L'elettromiografia è una procedura diagnostica che consente di valutare le condizioni dei muscoli e delle cellule nervose che controllano il loro movimento (motoneuroni). I risultati dell'EMG possono indicare disfunzione dei nervi, disfunzioni muscolari o problemi con i segnali dai nervi ai muscoli.

Il medico può ordinare un EMG se ha segni o sintomi che indicano disturbi neurologici o problemi muscolari. Tali sintomi possono includere:

  • formicolio,
  • intorpidimento,
  • debolezza muscolare
  • dolore muscolare
  • spasmo muscolare
  • alcuni tipi di dolore agli arti.

I risultati EMG aiutano a diagnosticare una serie di condizioni, tra cui:

  • problemi con il tessuto muscolare, come, per esempio, la distrofia muscolare o polimiosite,
  • malattie che influenzano la connessione tra nervi e muscoli, per esempio, miastenia grave,
  • problemi con i nervi periferici (sindrome del tunnel carpale, neuropatie periferiche),
  • disturbi che interessano i motoneuroni nel cervello o nel midollo spinale (sclerosi laterale amiotrofica, poliomielite),
  • disturbi in cui si verifica la compressione della radice nervosa, ad esempio l'ernia intervertebrale.

discografia

La Discografia è uno studio piuttosto specifico che può aiutare un medico a determinare se un problema con un disco intervertebrale è la causa del mal di schiena. A causa di informazioni contraddittorie sui vantaggi della discografia, la legittimità dell'uso di questo metodo viene messa in dubbio dai medici. Poiché la discografia è una procedura invasiva (comporta l'introduzione di un agente di contrasto direttamente nel disco intervertebrale utilizzando un ago medico speciale), non viene effettuata nelle prime fasi della diagnosi e del trattamento. Di norma, i medici raccomandano la discografia per quei pazienti che non hanno avuto alcun miglioramento significativo nelle loro condizioni dopo aver effettuato un trattamento conservativo della colonna vertebrale (trazione spinale, fisioterapia, antidolorifici e farmaci antinfiammatori). Tali pazienti spesso soffrono di mal di schiena cronico per almeno 4-6 mesi.

Rischi potenziali

Ci sono rischi di complicazioni associate alla discografia. La complicazione più comune è la discite (infezione spaziale del disco). Si verifica in uno dei 400 pazienti sottoposti alla discografia. La discite di solito porta a forti dolori, ma può essere curata con antibiotici. Altre rare complicanze includono danni alla radice del nervo, orticaria, penetrazione di un mezzo di contrasto nel sacco durale (membrana del midollo spinale), sanguinamento, nausea, mal di testa e un aumento dei sintomi del dolore. È necessario discutere con il medico i rischi associati alla discografia, nonché i segnali di pericolo che indicano la presenza di complicanze prima di prendere una decisione per condurre questa procedura diagnostica.

Nelle nostre Cliniche, la RMN spinale viene eseguita su dispositivi ad alto campo senza l'uso di programmi abbreviati. La risonanza magnetica è descritta dai migliori radiologi della Russia. Informazioni su dispositivi, medici e prezzi per la ricerca possono essere ottenuti nella sezione Registrazione su MRI.

Articolo aggiunto a Yandex Webmaster 2016-04-05, 14:52.

Quando copiamo materiali dal nostro sito e li inseriamo su altri siti, richiediamo che ogni materiale sia accompagnato da un collegamento ipertestuale attivo al nostro sito:

  • 1) Il collegamento ipertestuale può portare al dominio www.spinabezboli.ru o alla pagina da cui hai copiato i nostri materiali (a tua discrezione),
  • 2) In ogni pagina del tuo sito in cui sono pubblicati i nostri materiali, dovrebbe esserci un collegamento ipertestuale attivo al nostro sito www.spinabezboli.ru,
  • 3) I collegamenti ipertestuali non dovrebbero essere vietati dall'indicizzazione dei motori di ricerca (utilizzando "noindex", "nofollow" o qualsiasi altro mezzo),
  • 4) Se hai copiato più di 5 materiali (ad esempio, il tuo sito ha più di 5 pagine con i nostri materiali, devi inserire collegamenti ipertestuali a tutti gli articoli dell'autore). Inoltre, dovresti anche inserire un link al nostro sito www.spinabezboli.ru, nella pagina principale del tuo sito.

Puoi anche leggere il seguente articolo sulla diagnosi delle malattie della colonna vertebrale:

Malattie della colonna vertebrale e la loro diagnosi

È raro incontrare una persona con più di 30 anni che non abbia mai provato dolore alla schiena almeno una volta. Ci sono molte ragioni per questo. Il gruppo più grande consiste di pazienti con lesioni degenerative della colonna vertebrale, sono nell'80% degli adulti nel mondo.

L'articolo è dedicato principalmente alla diagnosi di patologia spinale. Gli errori nello stabilire la diagnosi sono dovuti al fatto che molti medici che conoscono bene le lesioni degenerative della colonna vertebrale, raramente sono a conoscenza di processi patologici rari che possono avere manifestazioni cliniche simili. Attualmente, la medicina ha capacità diagnostiche uniche. Ma il pensiero clinico deve sempre precedere l'uso del metodo strumentale. L'obiettivo principale dell'indagine è stabilire la relazione tra le manifestazioni cliniche della malattia e i dati di ulteriori metodi di ricerca.

Manifestazioni cliniche

Nella neurologia clinica, le malattie del sistema nervoso periferico sono divise in due gruppi: neurite e nevralgia. La neurite si manifesta con sintomi oggettivi di un disturbo nelle sfere sensoriale, motoria, vegetativa e trofica, cioè si manifesta con i sintomi della perdita della funzione nervosa.Nella nevralgia, il dolore si diffonde lungo il nervo e non è accompagnato da segni oggettivi della sua sconfitta, cioè procede secondo il tipo di irritazione.

I primi e più leggeri segni di sindrome neurologica da compressione sono causati solo dalla stimolazione delle radici spinali del midollo spinale lombare. Questo può essere solo dolore, e in alcuni casi le parestesie sono annotate nell'area di responsabilità della radice. Il dolore radicolare è piuttosto caratteristico, tuttavia a volte viene confuso con il dolore miofasciale, che si manifesta in modo riflessivo e spesso accompagna il decorso delle malattie degenerative della colonna vertebrale. Questi due tipi di dolore differiscono poco l'uno dall'altro per l'intensità della sofferenza che portano al paziente. Ma se il dolore radicolare può portare a ulteriori gravi complicazioni dovute allo sviluppo di un deficit neurologico, la sindrome miofasciale non è pericolosa e può essere trattata in modo conservativo.

Per navigare il dolore durante la spondilolistesi, è necessario rappresentare la loro genesi. Il dolore può essere locale, proiettivo, irradiante.

Il dolore locale è localizzato nel processo patologico. Un esempio è la lombodinia con il processo patologico nel disco intervertebrale.

Il dolore proiettivo si verifica a una certa distanza dal luogo di sviluppo del processo patologico. Il dolore radicolare si riferisce a questo tipo di dolore.

Irradiare è il dolore causato dalla diffusione dell'irritazione da un ramo del nervo all'altro. Questo dolore è la base della sindrome miofasciale. Un esempio potrebbe essere contrattura m. ector spinae nella diffusione di impulsi patologici dal disco intervertebrale ai nervi motori di un dato muscolo. Lo spasmo muscolare in alcuni casi è una reazione difensiva, che causa l'immobilizzazione riflessa del segmento patologico della colonna vertebrale, che è la fonte del dolore.

È possibile distinguere il dolore miofasciale da radicolare con l'aiuto di un semplice test. Dobbiamo chiedere al paziente di tracciare una linea sulla sua gamba con il dito, secondo la localizzazione del dolore che sente. Se i movimenti del braccio sono incerti e il paziente si inginocchia l'uno o l'altro sulla parte bassa della schiena o della gamba, a volte indicando il "punto" da cui proviene il dolore, allora questa è probabilmente una sindrome miofasciale. Se il dito del paziente passa da una via sicura dal gluteo alle dita dei piedi, allora questo è sicuramente un dolore "di radice". A seconda del "percorso" è possibile determinare quale root sta vivendo un disagio.

L'irradiazione del dolore nel gluteo è caratteristica dell'irritazione della radice della L4, quindi si diffonde lungo la superficie anteriore della coscia, la parte interna anteriore della tibia, raggiunge la caviglia mediale e il bordo interno del piede. La radice della L4 lascia il sacco durale al livello del segmento L3-L4, scende e lascia il canale spinale attraverso il forame intervertebrale nel segmento L4-L5. Analizzando la sindrome del dolore, si può presumere che la causa dell'irritazione delle radici sia la compressione paramediana a livello di L3-L4, o la compressione nel forame intervertebrale a livello di L4-L5. Con la compressione centrale può essere il dolore bilaterale.

Quando irrita la radice di L5, il dolore si diffonde dalla regione superiore del gluteo sopra la superficie esterna della coscia, della gamba inferiore e dietro il piede e può raggiungere le dita dei piedi II-V. Il polsino della colonna vertebrale si trova a livello del disco intervertebrale L4-L5 e la radice stessa lascia il canale spinale attraverso l'apertura intervertebrale nel segmento L5-S1. Quando si verifica lo spinallongation della vertebra L5, il forame intervertebrale L5-S1 si restringe, il che porta alla compressione di queste radici.

Quando la radice S1 viene compressa, il dolore inizia nella regione glutea centrale, si diffonde lungo la parte posteriore della coscia e della parte inferiore della gamba, attraversa la caviglia laterale, cattura il bordo esterno del piede e può terminare con le dita IV-V. Il polsino della colonna vertebrale S1 si trova all'altezza del disco L5-S1, quindi la colonna vertebrale entra nel canale sacrale e la lascia attraverso il foro intervertebrale S1-S2. Frequentemente con spostamento della vertebra L5, il dolore bilaterale che si estende lungo la superficie posteriore delle cosce e gli stinchi è dovuto alla compressione centrale di entrambe le radici S1 della superficie posteriore del corpo vertebrale S1.

Il dolore radicolare è nevralgico ed è un allarme. Indica compressione e, in caso contrario, può portare a cambiamenti più significativi nella radice spinale. La "perdita" della sindrome è caratterizzata da cambiamenti nelle sfere sensibile, motoria, vegetativa e trofica. Oggi è ovvio che il termine "radicolite" non riflette l'essenza del processo patologico nella radice spinale.
Gli studi condotti utilizzando la biopsia hanno dimostrato che il processo infiammatorio nella colonna vertebrale è estremamente raro e che i cambiamenti che si verificano sono associati a compressione meccanica o ischemia. Sotto l'influenza di questi fattori, si verificano cambiamenti degenerativi nella radice spinale. Tra gli elementi che compongono il parenchima della fibra nervosa, la mielina soffre più spesso: nel sito di compressione, la radice è demielinizzata. Il guscio di Schwann reagisce al doloroso processo di proliferazione. Il cilindro assiale della fibra nervosa resiste alla compressione più a lungo, pertanto la sindrome da "prolasso" non si sviluppa immediatamente. Mentre il processo avanza, anche il cilindro assiale nella sezione di compressione viene disintegrato e il suo segmento periferico, perdendo la connessione con il centro, rinasce (rinascita di Wallerian). Clinicamente, questo si manifesta come una perdita permanente di funzione.

Sindrome "perdita" della colonna vertebrale L4. All'inizio, i disturbi della sensibilità si sviluppano sotto forma di iperpatia, ipoestesia. Poi ci sono alterazioni motorie (ipotensione, debolezza e atrofia del muscolo quadricipite della coscia). Soffrendo di un coglione.

Sindrome "perdita" della colonna vertebrale L5. La sensibilità compromessa si sviluppa sulla superficie esterna della coscia e della gamba. I disturbi del movimento sono dovuti alla debolezza del gruppo dei muscoli peroneali, la flessione posteriore del primo dito è interessata. Riflessi di ginocchio e di Achille salvati.

Sindrome "perdita" della colonna vertebrale S1. I disturbi sensoriali si verificano spesso sulla superficie posteriore della parte inferiore della gamba, il bordo esterno del piede, raggiungendo il mignolo. Sofferenza dal riflesso di Achille.

Nella sindrome neurologica da compressione severa, il sintomo di Lasega è sempre rivelato: il paziente solleva la gamba raddrizzata nell'articolazione del ginocchio fino a quando non appare dolore. La genesi del dolore è associata alla tensione dei nervi spinali che formano il nervo sciatico. Il sintomo Wasserman ha la stessa genesi. Nella posizione del paziente sull'addome, la flessione è fatta nell'articolazione dell'anca con la gamba raddrizzata nell'articolazione del ginocchio, il dolore si alza lungo il nervo femorale.

Paresis profondo pigro (paralisi). Si sviluppa in un tipo periferico, poiché soffre il neurone periferico del sistema piramidale. È caratterizzato da una diminuzione (perdita) di riflessi, ipotonia (atonia) dei muscoli e associata a ipotrofia (atrofia) del tessuto muscolare.

Sindrome caudale Si verifica con la compressione degli equiseti. La manifestazione più semplice è una violazione della sensibilità nell'area anogenitale, con una compressione più grave, le funzioni degli organi pelvici sono disturbate.

Sindrome ischemica da radiculomiasi. Questo è il più grave, ma anche il più raro disturbo neurologico. È causato dall'ischemia arteriosa del cono e dell'epitelio del midollo spinale dovuta alla compressione dell'arteria radiculomedullare (Depro-Heteron), che spesso accompagna la radice di L4 o L5. Se alla sindrome caudale vengono compresse diverse radici, allora per lo sviluppo della sindrome ischemica radicale è sufficiente comprimere una radice lungo la quale si trova l'arteria di alimentazione.

La gravità della sindrome dipende dal tipo di afflusso di sangue. L'arteria radiculomedullare può in un caso alimentare il cono, e nell'altro l'allargamento lombare del midollo spinale. Nella seconda opzione, i disturbi neurologici sono più pronunciati. Sono caratterizzati da uno sviluppo acuto di paraparesi o di plebia lenta inferiore con disfunzione degli organi pelvici. La sindrome ischemica da radiculomiasi è la base della claudicatio intermittente mielogena. Tale paziente ha difficoltà a camminare a causa della debolezza delle gambe. A riposo, specialmente quando il corpo è inclinato in avanti, la forza nelle gambe viene ripristinata. La base di questa sindrome è una menomazione temporanea della circolazione del sangue nel bacino dell'arteria radiculomedullare lombare in condizioni di stenosi lombare pronunciata. Quando inclinato in avanti, la dimensione del canale spinale aumenta leggermente.

Esame a raggi X.

Un importante valore diagnostico nelle malattie della colonna vertebrale ha un esame a raggi X. I metodi diagnostici standard includono la radiografia in anteroposteriore, laterale, le proiezioni, nella proiezione 3/4 e gli spondilogrammi funzionali nella posizione di massima flessione ed estensione.

La radiografia nella proiezione anteroposteriore viene eseguita nella posizione del paziente supino con le gambe piegate alle articolazioni del ginocchio e dell'anca. Ciò si ottiene riducendo la lordosi lombare. Tale proiezione fornisce informazioni sui seguenti processi patologici nella spondilolistesi:

  • cambiamenti displastici (schisi delle maniglie, canale sacrale, sacralizzazione o lombalizzazione delle vertebre di transizione, ipoplasia dei processi articolari, ecc.),
  • alterazioni degenerative-distrofiche (deformazione dell'artrosi delle articolazioni di arculoproteo, sclerosi della placca terminale, spostamento laterale dei corpi vertebrali, deformità laterale della colonna vertebrale),
  • cambiamenti adattativi (osteofiti laterali, neoartrosi dei processi spinosi, articolazioni apicali-arcuate).

La radiografia nella proiezione laterale viene eseguita in posizione sul lato, il fascio centrale è diretto verso la vertebra spostata perpendicolare all'asse della colonna vertebrale. Usando questa proiezione, si ottengono informazioni sulla gravità della lordosi lombare, il grado di spostamento antero-posteriore del corpo vertebrale, la riduzione dell'altezza dello spazio tra i corpi vertebrali e la presenza di una lacuna nella parte interarticolare dell'arco. È anche importante identificare i cambiamenti adattativi (formazione di una vertebra "a console", la formazione di un blocco fibroso o osseo tra i corpi vertebrali).

La radiografia nella proiezione 3/4 viene eseguita in una posizione sul lato opposto al lato delle strutture posteriori della colonna vertebrale oggetto di studio. Il tronco è posizionato rispetto al tavolo dei raggi X ad un angolo di 15-30 ° per il lombosacrale e di 45 ° per gli altri segmenti lombari. Questo studio consente di stabilire in modo affidabile la presenza di spondilolisi, la gravità della spondiloartro, la neoartrosi.

L'introduzione della diffrazione a raggi X funzionale nella pratica clinica ha aumentato significativamente le possibilità del metodo e ha permesso di espandere il concetto di instabilità. Un numero di pazienti in immagini convenzionali non mostra un offset anche se vi sono sintomi clinici sufficientemente pronunciati. Ma è chiaramente definito nella posizione di massima estensione, che indica l'instabilità del segmento spinale. Questa condizione è basata su cambiamenti degenerativi nel disco intervertebrale. Questo studio rivela anche la debolezza del segmento motorio vertebrale (PDS) - l'opposto dell'instabilità.

Neoplasie benigne

Raramente diagnosticato nella fase latente. Con la sconfitta della colonna vertebrale è marcata la distruzione dell'osso. Con un decorso benigno aggressivo della malattia, il processo si diffonde ai tessuti molli situati vicino alla colonna vertebrale. Con una rimozione radicale del tumore, la prognosi è generalmente favorevole.

emangioma. Costituisce il 10-12% di tutti i tumori spinali. Forse a qualsiasi età, ma più comune nei giovani. Un sito di localizzazione preferito è il corpo vertebrale. Nella maggior parte dei casi, asintomatici e rilevati per caso. Ha una caratteristica immagine a raggi X: una struttura a nido d'ape che ricorda un nido d'ape. Con la progressione del tumore si può verificare la sindrome neurologica da compressione. Con un processo molto avanzato, si verifica una frattura patologica accompagnata da un forte dolore alla schiena. La tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica consentono di stabilire la diagnosi corretta. La prognosi è favorevole

osteoma. Possibile a qualsiasi età Nelle radiografie, il tumore può avere dimensioni diverse con un'ampia base sull'osso. Più spesso le manifestazioni cliniche sono espresse leggermente.

Osteoma osteoide. Si verifica in giovane età. Localizzazione preferita - vertebre cervicali e lombari. Le strutture vertebrali posteriori sono coinvolte nel processo, causando forti dolori alla schiena. Il tumore cresce lentamente. A differenza della spondilolistesi, il dolore è più pronunciato durante la notte e viene sospeso assumendo l'indometacina o l'acido acetilsalicilico. Spondilografia e TC sono necessari per una diagnosi corretta.

Osteoblastoklastoma. Si manifesta in giovane età, più spesso nelle donne. Consiste di celle giganti multicore. Ha una tendenza alla crescita infiltrativa, può diffondersi alle vertebre vicine. Manifestato da forte dolore alla schiena. La componente extravertebrale del tumore presenta contorni irregolari e pattern trabecolare cellulare ("bolle di sapone"). Ulteriori metodi diagnostici - spondilografia, TC, RM - consentono di specificare la diagnosi.

osteocondroma. La regione lombare prende il secondo posto in termini di incidenza di lesioni dopo il torace. Differisce nella crescita progressiva lenta e raggiunge le grandi dimensioni. A seconda della posizione può dare la sindrome radicolare resistente.

Neoplasie maligne primarie

mieloma. Il tumore più comune. Colpisce le persone con più di 40 anni. Si sviluppa da cellule reticolari e plasmatiche. Nelle urine nel 50% dei casi, viene rilevata la proteina Bens-Jones. Gli spondilogrammi mostrano lesioni singole o multiple delle vertebre, segni di osteoporosi. La rilevazione di cellule rilevanti nella puntura sternale consente di effettuare una diagnosi accurata. Durante la risonanza magnetica, viene rivelato un quadro caratteristico - una componente pronunciata dei tessuti molli, che spesso causa la compressione del contenuto del canale spinale.

osteosarcoma. Caratterizzato dalla rapida crescita del tessuto osteoide neoplastico e delle prime metastasi. Manifestato da forte dolore alla schiena.

Il sarcoma di Ewing. È più comune nei bambini e in giovane età. Il tumore non è osteogenico, può essere localizzato nelle ossa del bacino, delle ossa tubulari, della colonna vertebrale. Caratterizzato da dolore notturno, aumento della VES, bassi livelli di emoglobina. La crescita tumorale è accompagnata da grave osteolisi. Con la sconfitta della colonna vertebrale si sviluppa rapidamente deficit neurologico.

condrosarcoma. Si verifica in età matura e avanzata. Si trova più spesso nella regione della colonna sacrale, colpisce diversi segmenti. Nelle radiografie vengono rilevati distruzioni con contorni indistinti, sfondamento dello strato corticale e inclusioni spesso calcificate nella massa del tumore oltre la vertebra.

Neoplasie maligne secondarie

La colonna vertebrale è al primo posto nella frequenza delle lesioni metastatiche. Le metastasi più frequenti nelle regioni lombare e lombosacrale. Il più spesso sono localizzati nei corpi vertebrali, meno spesso nei processi trasversali, le braccia, i processi spinosi e articolari. Le principali lesioni primarie sono la ghiandola prostatica, la ghiandola mammaria, i reni, i polmoni e la ghiandola tiroidea.Sulla base dell'esame a raggi X, si possono distinguere due varianti di crescita metastatica - osteoclastica (nel carcinoma tiroideo) e osteoblastica (nei tumori della ghiandola della prostata e della mammella). Le lesioni metastatiche delle vertebre possono portare a una frattura patologica e causare lombodinia. La sindrome neurologica da compressione si verifica nell'1-5% dei casi di lesioni vertebrali metastatiche. Nella diagnosi differenziale aiuta l'analisi del sangue clinica. Difficoltà nella diagnosi possono verificarsi quando il focus metastatico non è determinato radiologicamente. Uno studio sul radionuclide rivela una lesione spinale metastatica 6 mesi prima della comparsa dei segni radiologici. Alla risonanza magnetica, le metastasi si manifestano con l'amplificazione del segnale in modalità T2 e la diminuzione del segnale in modalità T1.

A differenza del dolore lombare durante la spondilolistesi, che è associato all'attività fisica e diminuisce a riposo, specialmente nella posizione prona, il dolore "oncologico" è costante e non dipende dalla posizione del paziente. Nella maggior parte dei casi, con tumori benigni della colonna vertebrale, la diagnosi può essere stabilita sulla base di dati clinici e radiologici. I moderni metodi diagnostici - la TC, la risonanza magnetica e la spondilografia consentono un'accurata diagnosi differenziale. Nelle neoplasie maligne, il principale metodo diagnostico è citologico.

Tumori del midollo spinale

I tumori della coda del cavallo causano la compressione dei nervi spinali e causano dolore alle radici. In frequenza, rappresentano il 16-17% di tutti i tumori del midollo spinale. In ordine di frequenza decrescente, si trovano neurinoma, meningioma, epindimoma del filo terminale, lymphangioendotheliosarcoma, neuroepithelioma, aracnoidendotelioma. Questi tumori sono benigni, caratterizzati da una crescita lenta e hanno una lunga storia preoperatoria. Nei tumori maligni (sarcoma, metastasi), i sintomi clinici compaiono rapidamente.

I sintomi iniziali dei tumori dell'equiseto sono il dolore di un carattere radicolare, caratterizzato da una particolare intensità. È localizzato nella regione lombare, si irradia verso l'osso sacro, diffondendosi lungo la parte posteriore delle gambe, aumentando con movimento, tensioni e tosse. Il dolore assomiglia a quello della radicolite lombo-sacrale, per la quale i pazienti vengono trattati per un lungo periodo di tempo. Con la localizzazione del tumore nel canale sacrale, i pazienti soffrono di dolore e parestesie nel perineo. Con l'epindimoma, il neurinoma, il dolore aumenta in posizione sdraiata a tal punto che alcuni pazienti sono costretti a dormire seduti. La maggior parte dei pazienti ha un sintomo di Lasegue. I disordini del movimento compaiono tardi, molti anni dopo l'inizio della malattia. Più spesso soffrono i piedi dell'estensore. Le disfunzioni degli organi pelvici avvengono più tardi dei disturbi motori e sensoriali. I disordini trofici sono rari. Le difficoltà diagnostiche consentono esami radiopachi, risonanza magnetica.

Malattie infiammatorie della colonna vertebrale

Osteomielite non specifica della colonna vertebrale. Con una breve storia (2-3 mesi), un esordio acuto della malattia e il contatto con la distruzione subcondrale, la diagnosi non è difficile. Le difficoltà possono verificarsi con un decorso atipico della malattia. La spondilolistesi non è accompagnata da una reazione termica e da cambiamenti nel sangue e non vi sono cambiamenti nei tessuti paravertebrali. Le scansioni MRI di instabilità del PDS possono essere sclerosi subcondrale, un segnale iperintenso in modalità T1 e ipointenso in modalità T2, ma la distruzione del contatto dei corpi vertebrali e la caratteristica del pus dell'osteomielite non sono mai un segnale iperintensivo.

Spondilite tubercolare. Il subacuto inizia ed è caratterizzato da un quadro clinico letargico e lentamente progressivo. Può manifestare lombodinia (con una frattura da compressione patologica del corpo vertebrale), sindrome radicolare (durante la formazione di ascesso epidurale). Caratterizzato dalla sconfitta di diverse vertebre e dalla presenza di Natechnik. Un tipico segno radiologico - l'assenza di sclerosi attorno al focus patologico. Le scansioni MRI possono essere utilizzate per identificare i noduli e l'ascesso epidurale.

La malattia di Marie - Stryumpel - Bechterew (spondilite anchilosante). Ha diverse forme cliniche. Uno di loro procede con una lesione delle articolazioni sacro-iliache e delle articolazioni grandi. Si manifesta con dolore e rigidità nella regione lombosacrale, che non diminuisce a riposo. Una storia di irite e iridocicliti è spesso nota. La malattia ha una tipica immagine a raggi X - un sintomo di un "bastone di bambù".

Malattie infiammatorie del midollo spinale

Epidurite acuta purulenta. Raramente incontrato. Può manifestarsi sia per via ematogena che per contatto. Si manifesta con un quadro clinico pronunciato, caratterizzato dalla febbre e dal rapido sviluppo del deficit neurologico.

mielite. La malattia ha un esordio acuto, si sviluppa sullo sfondo di un'infezione acuta. Nella diagnosi aiuta lo studio del liquido cerebrospinale, risonanza magnetica.

Malattie degenerative dell'articolazione dell'anca

Il dolore alla colonna lombare può essere causato da muscoli eccessivamente sollecitati a causa della limitata mobilità dell'articolazione dell'anca. Coxartrosi si verifica abbastanza spesso, portando a disabilità a lungo termine e disabilità persistente. I sintomi di solito aumentano gradualmente e dipendono direttamente dall'età, dal peso corporeo, dalla costituzione, dallo stile di vita. Preoccupato per il dolore nella proiezione dell'articolazione dell'anca. Nelle fasi iniziali dopo il carico funzionale, la funzione dell'articolazione dell'anca è limitata durante il movimento. Con la progressione della malattia, il dolore si irradia sull'articolazione del ginocchio, aumenta con la tensione dei muscoli circostanti (adduttori, flessori, estensori). Sviluppare le contratture muscolari, limitando drasticamente la funzione dell'articolazione. Il dolore alla colonna lombare si verifica a causa di una eccessiva tensione compensatoria dei muscoli della schiena e in particolare di m. Ileopsoas. Poiché la restrizione del movimento nell'articolazione dell'anca interessata mentre si cammina porta ad uno spostamento del centro di gravità del corpo nell'area della articolazione non affetta, il dolore dei muscoli della schiena viene osservato dal lato opposto dell'articolazione interessata. Per una diagnosi differenziale, è necessaria la radiografia di entrambe le articolazioni dell'anca: si osservano crescite marginali dell'acetabolo, della testa del femore, restringimento dello spazio articolare con segni di sclerosi delle regioni subcondrale dell'acetabolo e della testa del femore.

polineuropatia

Polineuropatia (polineurite), a causa del danno dei nervi periferici. Clinicamente manifestato dal dolore alle gambe, una violazione della sensibilità, paresi, disturbi trofici. Le estremità distali principalmente soffrono. Le basi della polineuropatia sono i fattori tossici, metabolici e ischemici che causano cambiamenti degenerativi nella guaina mielinica e quindi nel cilindro assiale. Le cause della malattia possono essere intossicazione (alcol, piombo, arsenico, mercurio, ecc.), L'uso di droghe (specialmente antibiotici, sulfonamidi). La polineuropatia è associata a diverse malattie: infezioni batteriche, processi maligni (leucemia, morbo di Hodgkin), patologie di organi interni (pancreas, fegato, reni), ghiandole endocrine (diabete, iper- e ipotiroidismo).

La diagnosi differenziale è necessaria nelle prime fasi della malattia, ma nella fase avanzata della malattia non è difficile. I primi segni di polineuropatia possono manifestarsi come dolore nei muscoli del polpaccio. In contrasto con le lesioni degenerative della colonna vertebrale, il dolore è aggravato a riposo, esacerbato dalla pressione sui muscoli, sotto l'influenza del calore. Può essere insopportabile, doloroso. Con la progressione della malattia si sviluppa la paresi dei piedi, l'andatura diventa atassica, costretta. Qualsiasi intervento chirurgico aggrava il corso della polineuropatia.

Scambiare malattie

Queste condizioni patologiche sono spesso associate a malattie degenerative della colonna vertebrale. La loro diagnosi è importante sia in termini di diagnosi differenziale, sia per la scelta di un metodo per stabilizzare la colonna vertebrale.

L'osteoporosi è quasi sempre una malattia a sviluppo lento con un lungo periodo di latenza. Clinicamente, di regola, si manifesta in presenza di fratture del corpo vertebrale. Nel corso asintomatico, viene fatta una diagnosi quando viene rilevata la demineralizzazione dell'osso e i corpi vertebrali sono abbassati in altezza o le loro deformità a forma di cuneo sono presenti durante un esame a raggi X di routine per un'altra malattia. Una storia accuratamente raccolta rivela che l'altezza del paziente è diminuita, la parte posteriore è diventata "rotonda" e la forma è cambiata.

Per l'osteoporosi sono descritti quattro tipi di dolore alla schiena:

  • con una nuova frattura vertebrale - acuta, che si irradia per il tipo di dolore radicolare al petto, cavità addominale o della coscia e movimenti bruscamente limitanti, è acuta, aumenta con movimenti minimi, dura 1-2 settimane, poi gradualmente scompare entro 2-3 mesi,
  • con una diminuzione dell'altezza dei corpi vertebrali (collasso vertebrale),
  • con fratture da compressione multiple - croniche, moderate o deboli, possono persistere a lungo a causa della compressione meccanica dei legamenti, dei muscoli o dei loro siti di attacco,
  • con marcata cifosi e ridotta crescita dovuta alla pressione sulle superfici articolari arcuate, le costole, la cresta iliaca, l'artrite degenerativa possono svilupparsi come risultato di questo processo patologico.

La maggior parte delle fratture del corpo vertebrale si verificano a causa del carico di compressione durante il sollevamento, la modifica della posizione del corpo, ecc. Vengono rilevati più spesso per caso. Le fratture vertebrali che si verificano 15-20 anni dopo la menopausa sono una compressione o collasso ad alto grado con dolore severo. Le fratture dopo 75 anni avvengono gradualmente e spesso senza dolore. Spesso molte vertebre possono essere coinvolte nel processo.

Le fratture da compressione si verificano nelle vertebre anteriori - da Th7 in poi. Per qualsiasi frattura, la postura cambia: nella colonna toracica, la cifosi toracica aumenta, nella regione lombare la lordosi lombare viene raddrizzata. Con l'aumentare del numero delle vertebre danneggiate, la deformazione scheletrica aumenta, il punto vita è gradualmente perso e lo stomaco è sporgente. Nei casi più gravi, i bordi inferiori cadono quasi nella cavità pelvica. Ciascuna delle deformità descritte è associata a sintomi specifici. C'è una contrazione dei muscoli paravertebrali, c'è dolore da sovraccarico muscolare, che è una delle principali cause del mal di schiena cronico. Il dolore aumenta con la posizione prolungata e spesso si indebolisce quando si cammina. L'accorciamento della colonna vertebrale e l'appiattimento del diaframma portano alla comparsa di alcuni disturbi gastrointestinali, specialmente nei pazienti che assumono farmaci anti-infiammatori non steroidei o glucocorticoidi.

La maggior parte dei pazienti con osteoporosi lamenta una significativa riduzione dell'efficienza, un aumento dell'affaticamento. Il mal di schiena cronico contribuisce ad aumentare l'irritabilità, l'eccitabilità, lo sviluppo della depressione, la perdita di peso1.

Malattie urologiche

Il dolore alla spina lombosacrale spesso accompagna le malattie urologiche: urolitiasi, malattie infiammatorie dei reni, prostata. La diagnosi differenziale non è difficile. L'analisi delle urine, l'urografia escretoria, l'ecografia dei reni consentono di specificare la diagnosi nei casi dubbi.

Ferita acuta

Di regola, non causa difficoltà nella diagnosi differenziale. In caso di lesioni croniche, la sindrome del dolore può assomigliare al dolore lombodinamico nelle malattie degenerative. Anamnesi e metodi radiologici di ricerca aiutano a fare la diagnosi corretta.

Circa. Ed. I principali criteri radiologici per l'osteoporosi e altri metodi per la sua diagnosi sono descritti in dettaglio nell'articolo di S.S. Rodionova "Diagnosi e trattamento delle forme primarie di osteoporosi", inserito in questo numero.

Bogomolov N. A. Il posizionamento del materiale dell'articolo è possibile solo con il permesso scritto dell'Amministrazione. Aiuto telefonico +7 (495) 745-18-03

Descrizione della patologia

Il più delle volte si verifica una lesione della colonna vertebrale toracica. La distruzione della spina dorsale porta successivamente a una così forte curvatura della colonna vertebrale che il paziente sviluppa una gobba. Questo problema si sviluppa spesso nei bambini, la colonna vertebrale di un adulto è più formata.

La formazione della gobba del paziente è dovuta a cambiamenti distruttivi delle vertebre, pressione su di essi, che viene eseguita da altri organi. Di conseguenza, c'è una contrazione dei muscoli. Una minore distruzione della parte anteriore dei corpi vertebrali non causa lo sviluppo di una gobba negli adulti. Ma successivamente, questi fattori spesso causano una curvatura arcuata.

Nei bambini con grave distruzione dei corpi vertebrali si ha un collasso a forma di cuneo. Si sviluppa un cambiamento nell'asse della colonna vertebrale, appiattendolo. Quindi, nel tempo, si forma una significativa curvatura, in alcuni casi su larga scala.

Sviluppo di complicazioni

La distruzione della colonna vertebrale e la formazione di una gobba sono la causa dello sviluppo di molte gravi complicanze in un paziente. La curvatura della colonna vertebrale influenza le prestazioni delle sue funzioni. Il normale funzionamento della colonna vertebrale diventa impossibile. Ma oltre a questo, lo stato della curvatura spinale influisce negativamente sugli organi interni e sui tessuti.

Al fine di mantenere la colonna vertebrale nel suo stato attivo, si sviluppa la lordosi (la colonna vertebrale è arcuata verso l'interno). Questo è necessario per compensare la curvatura della cifosi (gobba). Lo sviluppo della lordosi avviene gradualmente, il suo grado dipende dalla gravità della curvatura della cifosi. La formazione della curvatura della lordosi avviene in remissione, quando il processo infiammatorio si attenua.

Come risultato dei cambiamenti in corso nella deformazione del torace, spesso il bacino, cambia la posizione relativa di organi, vasi, nervi. Ciò influisce negativamente sul loro funzionamento.

Guarda il video: Spondiliite anchilosante, quando la colonna vertebrale si infiamma (Marzo 2020).

Loading...