Chirurgia

Riabilitazione a domicilio dopo artroplastica del ginocchio

Sostituire l'articolazione del ginocchio non è così semplice. La tua vita dopo le protesi non sarà più la stessa. Riabilitazione dopo artroplastica del ginocchio - quale dovrebbe essere?

Riabilitazione - la seconda metà del successo dell'artroplastica del ginocchio

Fare un'operazione di sostituzione dell'articolazione non è tutto.

  • Ci vorrà un programma difficile di esercizi medici per l'articolazione
  • Il carico sul giunto dovrà essere limitato, così come alcuni tipi di esercizi:
    • sulla convoluzione
    • fare jogging e saltare
  • Molti sport (atletica leggera e pesante, wrestling, downhill e sci d'acqua, paracadute, ecc.) Dovranno essere abbandonati.
  • Per diversi anni dopo l'intervento chirurgico, dovrai essere visitato da un medico.

Potrebbe sembrare che dopo l'intervento chirurgico dovrai risparmiare e proteggere il ginocchio dolorante in ogni modo possibile. Questo non è del tutto vero:

Ci sarà sicuramente una modalità di risparmio per diversi giorni, ma i primi esercizi dovranno essere iniziati il ​​secondo giorno. E poi il carico aumenterà solo.

Ci vorrà molto tempo per sviluppare un'articolazione dopo l'intervento, e ancora più nervi e pazienza. Devono lavorare attraverso il superamento del dolore. Ma come altro?

La riabilitazione è necessaria per:

  • Non c'erano contratture e la protesi era piegata e ruotata all'incirca con la stessa ampiezza della comune articolazione sana.
  • Il rischio non è stato invano (l'operazione è sempre un rischio) e i fondi spesi

Cosa determina il successo della riabilitazione

La metà del successo dipende dall'abilità e dall'abilità del chirurgo e dalla seconda parte solo dal paziente:

  • Riuscirà a completare l'intero programma di riabilitazione?
  • Non rilassarti dopo alcune settimane e persino anni
  • Farà come dovrebbe, non solo in un centro di riabilitazione, ma anche a casa

Quando si esegue il programma di riabilitazione, il paziente non è solo:

  • Il paziente non dovrebbe indovinare:
    • non saranno esercizi pericolosi o indesiderabili che lo feriscono
    • Ci saranno effetti collaterali?
  • Non ha bisogno di fare la propria scelta di esercizi.
  • Non è necessario acquistare simulatori meccanici (devono trovarsi in un centro di riabilitazione)

    Tapis roulant speciale in un centro di riabilitazione

    Tutti questi problemi sono decisi dal medico curante e dal riabilitatore.

    I chirurghi sono consapevoli dei principali pericoli del primo periodo postoperatorio:

    Rischio di coaguli di sangue:

    È possibile sospettare segni di trombosi da dolore, gonfiore e arrossamento sotto o sopra il ginocchio

    Il rischio di sviluppare un'infiammazione infettiva:

    Elevata temperatura, i livelli di globuli rossi che salgono nel sangue possono essere sintomi allarmanti.

    Per prevenire complicanze postoperatorie sono prescritti coagulanti (fluidificanti del sangue) e antibiotici.

    Un riabilitatore visita il paziente entro poche ore dopo l'operazione e mostra i primi esercizi necessari che dovrà eseguire.

    Dopo la dimissione, viene solitamente sollevata la questione di un centro di riabilitazione, ma le lezioni non sono economiche, e quindi molti pazienti decidono di fare da soli il restauro.

    Ma se una persona non intende affatto sottoporsi a riabilitazione (da nessuna parte - né al centro né a casa), allora è meglio rifiutare del tutto l'operazione stessa.

    L'auto-riabilitazione è possibile a casa?

    Probabilmente sì, perché l'impossibile è davvero nulla.

    Ma in pratica, è difficile ripristinare l'articolazione in modo indipendente e per lungo tempo dopo le protesi:

    La meccanoterapia è praticata in ortopedia - un metodo di riabilitazione passiva, quando i movimenti di un arto paziente vengono eseguiti da simulatori meccanici, che sono sempre disponibili in un centro di riabilitazione.

    Esercizi operativi iniziali

    Questi esercizi sono necessari per prevenire la trombosi e l'atrofia muscolare e per mantenere le funzioni dell'apparato muscolo-scheletrico

    I primi due giorni dopo l'intervento

    Esercizi a mano

    • Stringere e aprire i pugni
    • Piegati e infila le braccia sui gomiti
    • Pugni di rotazione in entrambe le direzioni
    • Rotazione del gomito simile
    • "Boxing" con la separazione delle lame dal letto
    • "Forbici" diritte e incrociate
    • Tirare su

    Esercizi per una gamba sana

    Gli obiettivi di tali esercizi sono di combattere la trombosi e l'atrofia muscolare.

    • Moto circolare alla caviglia
    • Spremitura e chiusura
    • Curvatura al ginocchio
    • Gamba dritta sollevata
    • Appoggiandosi sul tallone e sui gomiti, solleva i glutei
    • Iniziamo a sederci con l'aiuto di un corrimano, prima senza abbassare le gambe sul pavimento, e il secondo giorno li abbassiamo

    Esercizi per una gamba dolorante

    • Stringere e aprire le dita
    • Noi mettiamo piede su noi stessi e da noi stessi
    • In alternativa, piegare e distendere le gambe mentre si è sdraiati e seduti
    • In posizione seduta, mettiamo i piedi sulla panca, li solleviamo e li abbassiamo senza sollevare i talloni

    La ginnastica dei primi due giorni viene eseguita a un ritmo lento:

    • Tra i vari esercizi si prendono pause da tre a cinque minuti.
    • Alcuni esercizi si combinano con un ritmo respiratorio.

    Dopo che si è scoperto per sedersi sul letto con le gambe abbassate, è necessario imparare a stare in piedi con le stampelle o gli escursionisti

    Camminando su camminatori o stampelle

    Camminare con gli aiuti è fatto il secondo giorno. Camminare con le stampelle è un po 'più difficile, poiché è richiesta più forza fisica. Per le persone anziane, camminare sui camminatori è preferibile non con le stampelle.

    È più facile, naturalmente, vedere o sperimentare con le stampelle prima dell'operazione, ma la tecnica generale è semplice:

    Camminare con le stampelle con l'aiuto di un istruttore è fatto il secondo giorno.

    È necessario alzarsi, tenendo il corrimano con una mano, l'altro con la maniglia di una stampella o di un deambulatore, supportato da una gamba sana

    Camminare con le stampelle e sui camminatori è costruito sullo stesso principio:

    • Servono come supporto aggiuntivo per il corpo:
      Facciamo affidamento sulle stampelle sotto le ascelle e sui camminatori con le nostre mani
    • Inizialmente, stiamo andando avanti, in un piccolo passo, sia con le stampelle che con i deambulatori
    • Con un piede sano, facciamo un passo e stringiamo la gamba operata con un movimento scorrevole sul pavimento.
    • Il piede dolorante dovrebbe prima toccare il pavimento con il tallone, e quindi è possibile abbassare l'intero piede.

    La prima passeggiata con supporto aggiuntivo dovrebbe essere breve e da eseguire con l'aiuto di un istruttore

    Da due a sette giorni dopo l'intervento

    Il paziente a questo punto si siede in modo indipendente in un letto, avendo le gambe abbassate su un pavimento e si continua con le stampelle.

    Ripetiamo tutti gli esercizi precedenti in posizione prona e seduti, ma più attivamente e in ampie ampiezze.

    Il numero di ripetizioni aumenta

    • mantenendo il piede esteso
    • mantenendo la gamba dritta sollevata a 20-30
    • estensione dell'arto con un rullo sotto il tallone
    • esercizi isometrici con tensione dei glutei e quadricipiti
    • curve e curve del tronco con la mano tesa
    • imitazione di camminare
    • esercizi in posizione supina (su una gamba sana) con un rullo tra le gambe

    A partire dal secondo giorno inizia lo sviluppo dell'articolazione del ginocchio con l'ausilio della meccanoterapia - estensione passiva della flessione dell'articolazione del ginocchio su un simulatore meccanico con un aumento graduale di velocità, angolo e durata

    Estensione passiva della flessione dell'articolazione del ginocchio su un simulatore meccanico: tali esercizi iniziano due giorni dopo l'operazione

    Il giorno nove dopo l'intervento

    Esercizio in posizione seduta - movimenti delle gambe

    La dinamica degli esercizi per la gamba operata aumenta:

    • Disteso sulla curva laterale e distendere la gamba nella caviglia
    • Tirare il calzino verso l'alto e sollevare la gamba di 10 cm (l'aiuto dello specialista è permesso)
    • Facciamo piccole mosse con un piede dolorante.
    • Aggiunti esercizi con particolare attenzione al corrimano:
      Oscillare in avanti e sollevare i piedi con una piccola angolazione

    L'estratto di solito si verifica in due settimane.

    Le stampelle durano in media da sei a otto settimane, anche se alcuni pazienti le rifiutano prima.

    A casa ripeterete tutti gli esercizi che avete fatto in ospedale in tutte e tre le posizioni, e aggiungeranno:

    • esercizi addominali
    • tozzo
    • si alza in punta di piedi

    È anche necessario ripetere la meccanoterapia passiva: a casa, questo può essere fatto con un normale nastro elastico.

    Esercizi passivi per il ginocchio con nastro elastico

    Il compito degli esercizi a casa:

    • Non permettere la contrattura
    • Ripristinare la funzione del ginocchio
    • Per migliorare il trofismo dei tessuti molli della parte inferiore della gamba e della coscia

    Periodo di recupero tardivo

    Inizia 1,5 mesi dopo l'intervento.

    Gli obiettivi del periodo di recupero tardivo - il ripristino delle funzioni dell'arto malato

    Vengono aggiunti esercizi con supporto e carico su una gamba dolorante:

    • Mahi in piedi su una gamba dolorante
    • Camminando su gambe piegate aggrappandosi ai corrimani
    • Esercizi "forbici" e "bici", ecc.

    Periodo di riabilitazione tardiva

    Questo periodo di solito è considerato un periodo di più di due mesi dopo l'intervento chirurgico. Tuttavia, per tutto il loro tempo.

    I compiti di questo periodo sono principalmente adattivi:

    • Malato impara a camminare con un bastone
    • Esegue esercizi con ponderazione
    • Inizia su una cyclette

    Nella foto sotto - esercizi con articolazione del ginocchio per sviluppare:

    Esercizio con un'articolazione del ginocchio

    Quanto tempo devo recuperare

    I controlli dal medico dopo l'artroplastica vengono eseguiti ogni anno.

    In effetti, la preoccupazione per il giunto durerà una vita. È impossibile alla fine della riabilitazione dimenticare immediatamente la protesi.

    • Sei mesi dopo l'operazione, è necessario eseguire un esame di controllo del ginocchio presso il chirurgo.
    • Quindi visita il dottore ogni anno.
    • Per diversi anni, devi fare esercizi terapeutici attivi ogni giorno.
    • Quindi puoi semplicemente eseguire la ginnastica quotidiana, mantenendo il tuo peso normale.
    • 10 anni dopo l'operazione, è necessario condurre un esame particolarmente approfondito, poiché la risorsa protesica potrebbe finire.

    Video: riabilitazione dopo artroplastica del ginocchio

    Se hai ideato un'operazione di sostituzione dell'endoprotesi dell'articolazione del ginocchio, familiarizza con la metodologia completa del Centro federale di traumatologia, ortopedia e endoprotesi:

    • Come è la preparazione per l'operazione
    • Serie completa di esercizi dopo l'artroplastica del ginocchio in diversi periodi di riabilitazione

    1. I principali tipi di riabilitazione
    2. Le principali fasi di recupero
    3. nullo
    4. Il primo
    5. secondo
    6. terzo
    7. Lento e costante, continuerai
    8. Suggerimenti importanti

    Il periodo di recupero dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio sull'endoprotesi richiede in media fino a sei mesi. Tuttavia, deve essere chiaro che per ogni paziente la riabilitazione ha il suo significato. Per alcuni, il recupero è la capacità di muoversi senza dolore, per gli altri di tornare al ritmo normale della vita senza l'uso di stampelle, di fare cose di tutti i giorni come andare al lavoro, guidare una macchina.

    Il periodo di recupero è influenzato dalla tecnica con cui è stata eseguita l'operazione. Con la tecnologia minimamente disabilitata, il periodo di reaboriazione è più breve.

    Anche conoscendo e tenendo conto di tutti i dati statistici, è difficile determinare l'esatto tempo di recupero per ciascun paziente individualmente. Il paziente medio di 55-60 anni alla settimana dopo la dimissione dall'ospedale è in grado di tornare a una vita più o meno normale. Ma in questo caso stiamo parlando di pazienti che non hanno ritardato l'intervento chirurgico.

    Il recupero da un'articolazione protesica totale del ginocchio può durare fino a due o tre mesi, a condizione che la condizione preoperatoria del paziente sia stata valutata come normale, vale a dire il processo patologico non era allo stadio della distruzione globale dell'articolazione nativa. Pertanto, il periodo di riabilitazione può essere diverso e dipende dalle condizioni generali di ciascun paziente.In generale, se vengono seguite tutte le raccomandazioni del medico e il recupero avviene in un centro specializzato, l'attività motoria del paziente ritorna alla normalità molto più velocemente.

    In precedenza, la sostituzione del ginocchio veniva eseguita esclusivamente per le persone con più di 60 anni. Si riteneva che la bassa attività in età avanzata non sollecitasse l'articolazione artificiale e durasse più a lungo. Oggi questa operazione viene eseguita con successo sulle articolazioni dei giovani che sono attivi. I nuovi modelli di endoprotesi resistono a carichi significativi, si consumano dopo 20-25 anni.

    Con una sostituzione di un miglio, il tasso di recupero è di circa una settimana o due.

    È necessario ricordare che il posizionamento dell'impianto è un'operazione. E, come qualsiasi procedura chirurgica, a volte provoca complicazioni. Pertanto, dopo aver sostituito l'articolazione del ginocchio, viene stabilito un certo periodo di riabilitazione ed è anche importante come l'operazione stessa. Non a caso molte cliniche di sostituzione dell'endoprotesi prestano particolare attenzione alla fase di recupero. La sua durata è impostata individualmente. Un programma speciale completo è elaborato da varie procedure (farmaci, massaggi, fisioterapia) ed esercizi fisici. Questo viene fatto per restituire al paziente piena attività motoria.

    Nei primi giorni dopo l'intervento, e questo è 1-5 giorni, il paziente inizia a sedersi su una sedia, a scendere dal letto, a fare esercizi fisici passivi senza l'aiuto del personale medico. A questo punto, devi iniziare a praticare l'arrampicata e scendere le scale, su due o tre piani. Al momento, qualsiasi attività fisica può essere accompagnata da dolore e disagio, ma, di norma, dovrebbero già essere meno pronunciati. Anche durante questo periodo, la camminata dovrebbe iniziare con il supporto con le stampelle, in media, è necessario camminare da 50 a 100 metri. Se necessario, puoi fare delle brevi pause e rilassarti. Per un paziente medio di 50-60 anni, camminare per 100 metri nei primi giorni dopo l'operazione non sarà un grosso problema.

    Secondo periodo

    , che cade dal 5 ° al 20 ° giorno dopo la sostituzione dell'articolazione, suggerisce un aumento della distanza fino a 1000 metri. Allo stesso tempo è necessario continuare a praticare andando giù e su per le scale.

    Terzo stadio il recupero, che dura circa 4-10 settimane dopo l'endoprotesi, include la transizione da due stampelle a una. In questa fase di riabilitazione, il paziente deve passare tranquillamente da 2 km a 3 o anche più.

    Non solo l'età del paziente, ma anche la sua condizione prima della protesi è di grande importanza per il processo di riabilitazione e i tempi di guarigione. Naturalmente, i pazienti che conducono uno stile di vita passivo prima di sostituire l'articolazione, si riprendono molto più a lungo, poiché i muscoli sono indeboliti. Le persone più attive, il cui tono muscolare è molto più alto, il processo di riabilitazione è più facile e più veloce.

    Con un'adeguata attività fisica di una persona prima delle protesi, un rifiuto completo dell'uso delle stampelle può verificarsi in 6-7 settimane, per tornare a uno stile di vita normale, ad esempio: puoi guidare un'auto o andare al lavoro dopo 12-14 settimane. Per quanto riguarda qualsiasi dolore fastidioso o fastidioso, il disagio dovrebbe essere previsto entro 3-6 (7) mesi.

    I principali tipi di riabilitazione

    • stazionario - supporto medico nel ripristino della salute degli arti,
    • casa - esecuzione di misure preventive in modo indipendente.

    Per un risultato positivo sostenibile, è importante completare in modo coerente l'intero periodo di riabilitazione dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio. Il paziente è nel reparto traumi da 4 a 7 giorni. Durante questo periodo, ci sono eventi che sono impossibili a livello della clinica cittadina.Successivamente, il paziente viene dimesso e inviato per osservare il medico nel luogo di residenza.

    Le principali fasi di recupero

    Ci sono quattro fasi di recupero che coinvolgono diverse soluzioni per le attività e il grado di carico:

    nullo

    Viene eseguito il giorno dell'operazione non appena l'anestesia "scompare". Il paziente esegue diversi esercizi in posizione supina, contribuendo al miglioramento del flusso sanguigno, alla prevenzione della stagnazione (coaguli di sangue), allo sviluppo dell'articolazione, all'attivazione dei processi di nutrizione cellulare, alla stimolazione dei sistemi cardiovascolare e respiratorio, all'eliminazione del dolore e del disagio. Dopo l'anestesia, c'è una forte fame, quindi sei ore dopo l'intervento chirurgico è permesso bere acqua e mangiare un brindisi.

    Qualcuno deve essere in giro quando escono dall'anestesia, perché le reazioni del paziente possono essere imprevedibili. Ma molto spesso tutto è in ordine.

    Inizia dal secondo giorno dopo l'intervento posticipato e dura fino al quinto giorno. In questo stato, una persona dovrebbe osservare le seguenti raccomandazioni del medico:

    1. prima L'esercizio deve essere fatto mentre si è ancora a lettoDopo tutto, l'esercizio è necessario dal primo giorno dopo l'operazione.
    2. Nei primi giorni dopo la procedura, il paziente bisogno di dormire sulla schiena e non rotolare sullo stomaco.
    3. Tutti gli esercizi durante la prima fase della riabilitazione devono essere eseguiti sotto controllo medico. Allo stesso tempo, loro stessii movimenti dovrebbero essere lisci, evitando movimenti improvvisi e muscoli sovraccarichi.
    4. ginnastica L'esercizio fisico può causare disagio ed è perfettamente normale.tuttavia, in caso di dolore acuto, non è necessario continuare.
    5. Primi passi dopo l'intervento, è possibile eseguire il secondo o il terzo giorno dopo la procedura. Allo stesso tempo, una persona deve muoversi con l'aiuto di stampelle ed esercitare un carico misurato sulla gamba.
    6. Per evitare la divergenza della cucitura, praticare la pratica conla flessione del ginocchio può essere non prima di una settimana dopo dopo l'intervento chirurgico.

    Gli obiettivi principali della prima fase della riabilitazione dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio sono:

    • eliminazione dell'edema dell'arto operato,
    • la graduale ripresa dell'attività fisica, tuttavia, è ancora nella sua forma iniziale,
    • allenare una persona con le stampelle (solo su superfici piane),
    • sviluppo dell'articolazione del ginocchio e miglioramento del tono muscolare,
    • normalizzazione della circolazione sanguigna nel ginocchio dolorante.

    Oltre alle funzioni fisiche del corpo, uno dei compiti principali di questo periodo è psicologico. Il paziente dovrebbe sentirsi pieno e vedere che il recupero non è lontano.

    Affinché gli esercizi restaurativi abbiano effettivamente i risultati attesi, devi seguire i seguenti consigli del medico:

    • eseguire esercizi con una certa regolarità (2-3 volte al giorno),
    • una serie di esercizi deve essere scelta individualmente per ciascun paziente (tenendo conto dell'età del paziente, della complessità del suo funzionamento, della presenza di patologie croniche, ecc.),
    • ripetere l'intero complesso di esercizi è necessario non solo durante la degenza ospedaliera, ma anche dopo aver lasciato la casa (durante il periodo tardivo di riabilitazione),
    • È importante evitare di sovraccaricare i muscoli e fare delicatamente tutti i movimenti con il piede.

    Gli esercizi principali da eseguire durante il periodo di recupero iniziale sono:

      Trovandosi a letto, muovi lentamente il piede su e giù. Puoi anche fare movimenti circolari, mentre tendi al massimo i muscoli del polpaccio.

    Puoi eseguire senza limiti di tempo.

    Siediti sul letto e prova lentamente a piegare e flettere il ginocchio, mantenendo i muscoli in tensione. Ripeti dieci volte.

    È fatto sia seduto su una sedia che sul letto.

    Metti un cuscino sotto il ginocchio e affatica i muscoli della coscia. Raddrizzare lentamente la gamba e tenerla in quella posizione per alcuni secondi.

    È possibile eseguire senza rullo o mettere un asciugamano.

    Diventa dritto o sdraiati di fianco e, senza piegare la gamba, prendilo di lato.

    La gamba "malata" è sempre in alto.

    secondo

    Quando si cammina sui gradini e su una superficie piana, si dovrebbe sempre posizionare la gamba "dolente" tra due stampelle in modo che la gamba abbia altri due punti di appoggio.

    Continua dal 5 ° al 20 ° giorno dopo l'endoprotesi. Puoi muoverti, appoggiandosi su una stampella, una distanza fino a 1000 m, salendo lentamente e scendendo le scale. A questo punto, è già possibile trasferire completamente il peso corporeo alla gamba operata.

    Le caratteristiche dell'attività fisica per i pazienti durante la seconda fase della riabilitazione sono:

      Si raccomanda a una persona di eseguire esercizi di fisioterapia, che si basano sulla piegatura delle gambe, oltre a contrastarla quando si usa una fascia elastica (tensione dei muscoli delle gambe quando si getta una fascia sul piede),

    Con molta attenzione, non esagerare.

    ottimo effetto sul massaggio di recupero muscolare, che può essere praticato a casa o utilizzare l'aiuto di uno specialista,

    Massaggiare delicatamente la cucitura, è possibile utilizzare vaselina o altri mezzi senza profumi.

    Verso la fine di questa fase di recupero, al paziente è consentito eseguire semi-squat, così come il sollevamento in punta di piedi, che formerà perfettamente i muscoli dell'intera gamba.

    Se è difficile eseguire il semiretto, fai questo esercizio, è un'imitazione delle scalate.

    Attenzione! La seconda fase della riabilitazione è la più produttiva, perché è stato durante il suo percorso che le persone imparano letteralmente a camminare di nuovo. Se tutte le raccomandazioni mediche sono seguite e la perseveranza, il paziente sarà in grado di muoversi senza ulteriore sostegno entro la metà del secondo periodo di recupero.

    terzo

    Il periodo tardivo di riabilitazione, di regola, passa già dopo che il paziente è stato dimesso a casa. Per questo motivo, di conseguenza, una persona dovrà eseguire la maggior parte degli esercizi in modo indipendente, senza supervisione medica. Questo è il motivo per cui dovrebbe stare estremamente attento a non danneggiare la sua articolazione quando è troppo sbrigativo o non esegue un certo esercizio.

    Gli obiettivi principali del periodo di recupero tardivo sono:

    • ripristino completo delle funzioni motorie della gamba malata,
    • adattamento di una persona a movimento normale, anche su lunghe distanze, per poter tornare a lavorare di nuovo,
    • migliorare i muscoli trofici della gamba,
    • normalizzazione delle funzioni dell'endoprotesi del ginocchio.

    Durante tale periodo, il carico sulla gamba malata aumenta e diventa quasi lo stesso con una gamba sana. In questo caso, una persona è consigliata per eseguire i seguenti tipi di esercizi:

    1. Attaccando al parapetto, cammina su gambe semi-piegate.
    2. Sdraiati sulla schiena, esegui le gambe oscillanti come "forbici" e "bicicletta".
    3. Affidandosi alla gamba dolorante, il secondo a oscillare.
    4. Metti i pesi sul piede e poi esegui la piegatura e il sollevamento dell'arto.

    È anche molto utile per le persone in questo periodo esercitarsi a camminare su un tapis roulant e praticare su una cyclette.

    In generale, in questo periodo, puoi limitare solo gli esercizi sulla cyclette, questo è il miglior proiettile per coloro che hanno subito un intervento chirurgico di sostituzione dell'articolazione.

    Immagine generale dell'attività per coinvolge la riabilitazione tardiva seguenti:

      Si raccomanda a una persona di condurre regolarmente lunghe passeggiate ed evitare la congestione nell'articolazione, poiché, di norma, ciò contribuisce a zoppicare, debolezza alle gambe, gonfiore e dolore.

    Camminare, camminare e camminare di nuovo.

    I tipi consentiti di attività fisica dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio sono il nuoto, il ping-pong e l'escursionismo. Puoi anche giocare a golf e andare in bicicletta.

    Se non sai nuotare, tieniti di lato e fai gli esercizi con i piedi nell'acqua.

  • Danze attive, corsa, salto e tipi attivi di giochi con la palla (calcio, ecc.) Sono controindicati in un paziente dopo questo tipo di endoprotesi.
  • Non puoi stare in un posto per più di mezz'ora, in modo da non sovraccaricare le gambe.
  • La gamba operata al ginocchio può essere piegata fino a 90 gradi. A volte questa possibilità può essere maggiore o minore. Dipende in gran parte dal volume dell'operazione e dal modello specifico dell'endoprotesi installata.
  • La capacità di guidare una macchina dipenderà dalla qualità del percorso di riabilitazione dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio. Verificare con il proprio medico. È possibile tornare al lavoro precedente in precedenza se si tratta di lavoro d'ufficio, e in seguito se è correlato al lavoro fisico.

    Se hai avuto un'operazione per sostituire l'articolazione del ginocchio, si consiglia vivamente di fare amicizia con la cyclette per sempre. Questo è il carico ideale sul giunto operato.

    Dopo tre mesi sarà necessario passare a esercizi più dinamici. Tuttavia, non è consigliabile correre, giocare a tennis, calcio, pallavolo, pallacanestro, sci o indossare la forza di gravità. Questo crea un onere aggiuntivo sul ginocchio. Permesso di camminare, andare in bicicletta, ballare, nuotare, andare al centro bowling.

    Lento e costante, continuerai

    Sostituire un'articolazione implica un cambiamento nello stile di vita e in certe abitudini. La gamba con l'impianto all'interno richiede un trattamento accurato. Le ferite possono trasformarsi in guai seri per lei. Dovremo osservare un regime benigno per i primi sei mesi, in modo che il corpo accetti un corpo estraneo, ci si abitui e lo consideri "nativo". I problemi con la sopravvivenza dell'endoprotesi oggi non si presentano, in quanto sono affidabili e biologicamente compatibili con il corpo umano.

    Suggerimenti importanti

    1. sempre seguire le istruzioni del medico curante e del fisioterapista. Questa sarà una condizione importante per il recupero di successo e un ritorno alla vita attiva. Esegui quotidianamente l'intera gamma di esercizi, poiché dipende direttamente dallo stato dei muscoli e dalla qualità del funzionamento.
    2. quotidiano eseguire l'intera gamma di esercizi fisiciPerché lo stato dei muscoli e la qualità del funzionamento dell'articolazione artificiale dipendono direttamente da questo.
    3. Evita l'impatto negativo sulle componenti articolari durante lo sport, il lavoro, la partecipazione ad attività ricreative.
    4. Monitorare la salute cardiovascolare, respiratorio e polmone, non prendere freddo. Dopo tutto, per le cellule e i tessuti è importante una buona scorta di ossigeno e sostanze nutritive. Allena i polmoni con esercizi speciali per evitare lo sviluppo di polmonite.
    5. Mantieni il dolore sotto controllo. Prendi degli antidolorifici. Se il dolore non diminuisce, vai dal medico.
    6. Durante il periodo postoperatorio, i tessuti molli si gonfieranno leggermente all'inizio. Effettua il raffreddamento comprimee quando si è addormentato, posizionare un cuscino sotto il piede in modo che sia in una posizione sollevata.
    7. Ricordalo il riposo è una parte importante del trattamento e recupero.

    Leggi le recensioni di pazienti che sono stati trattati all'estero. Per ottenere informazioni sulla possibilità di trattare il tuo caso, lasciaci una richiesta di trattamento a questo link.

    Assicurati di consultare un medico prima di curare le malattie. Ciò contribuirà a tenere conto della tolleranza individuale, a confermare la diagnosi, a garantire la correttezza del trattamento e ad eliminare le interazioni farmacologiche negative. Se usi le prescrizioni senza consultare un medico, questo è interamente a tuo rischio. Tutte le informazioni sul sito sono presentate a solo scopo informativo e non costituiscono un aiuto medico. Tutta la responsabilità per l'applicazione risiede in te.

    L'artroplastica del ginocchio è un intervento chirurgico ricostruttivo che mira a sostituire il femore, la tibia e la rotula con quelli artificiali.La chirurgia del ginocchio aiuterà a ridurre il dolore, ripristinare la mobilità articolare e il lavoro a gambe larghe.

    Indicazioni e controindicazioni per l'artroplastica del ginocchio

    I suoi principali vantaggi rispetto ad altri tipi di intervento sono il rapido ripristino dei giunti mobili delle ossa e l'alta efficienza dei risultati. 10 anni dopo l'installazione, la funzionalità dell'endoprotesi è del 95-98%, dopo il 15-90-95 e dell'85-90% dopo il 20%. Questa cifra dipende in gran parte dalla qualità della riabilitazione e dal rispetto delle raccomandazioni del medico, delle procedure mediche.

    L'endoprotesi è raccomandata per deformare l'artrosi, l'osteoartrosi, la necrosi asettica della testa, la sua frattura, l'artrite reumatoide progressiva, la displasia, nel caso di un tumore e dopo l'infortunio. Le controindicazioni assolute sono: un'infezione nell'articolazione meno di 3 mesi prima dell'operazione prevista, malattia vascolare degli arti inferiori, incapacità a muoversi, malattie cardiache, assenza di un canale midollare nel femore.

    Preparazione per la chirurgia

    Una settimana prima dell'operazione, è necessario interrompere l'assunzione di fluidificanti del sangue.

    Nella fase iniziale, si consiglia al paziente di sottoporsi a un esame completo, eliminando il rischio di infiammazione cronica e acuta. Non dovrebbero esserci lesioni cutanee sul corpo. Se c'è la febbre alla vigilia di una febbre, inizierà una malattia virale o indigestione, tutto sarà cancellato. Almeno 14 giorni prima di sostituire l'articolazione, il paziente deve interrompere il fumo e l'alcol.

    Nell'endoprotesica, i medici usano l'anestesia generale o spinale. L'intervento dura 1,5-2,5 ore. La sera prima dell'operazione, il medico deve prescrivere un farmaco che prevenga la formazione di coaguli di sangue.

    Consiglio: 1-3 mesi prima della sostituzione, i medici raccomandano di sottoporsi a un corso di fisioterapia terapeutica. Ciò aiuterà a imparare gli esercizi necessari e imparerà come camminare sulle stampelle, semplificando la riabilitazione.

    Tecnologia di sostituzione del ginocchio

    L'essenza della procedura è di rimuovere le superfici articolari consumate delle ossa e installare componenti speciali da polietilene, metallo. Ciò consente di ripristinare l'intervallo di movimento desiderato, per eliminare la deformazione dell'arto. L'artroplastica totale del ginocchio prevede una sostituzione completa dell'articolazione ossea. La protesi è costituita da anca artificiale, componenti articolari tibiali e un elemento speciale da una piastra metallica, un rivestimento in polietilene. Se l'apparato legamentoso è danneggiato, i medici usano una complessa protesi ad anello. Il fissaggio può essere cemento (scegliere cemento osseo - polimetilmetacrilato) e cemento, quando l'elemento desiderato è fissato meccanicamente.

    Protesi al ginocchio

    Gli arti protesici dopo l'amputazione sono molte volte più complicati e costosi. La riabilitazione di tali pazienti richiede un supporto psicologico obbligatorio.

    Durante l'operazione, il chirurgo ortopedico rimuove la cartilagine dalla superficie del femore e della tibia e regola la posizione assiale dell'articolazione. Quindi sostituisce e rafforza l'endoprotesi. Riempire i difetti ossei usando il tessuto del paziente o del donatore. Nella fase finale, il medico dovrebbe controllare la forza, la stabilità della protesi stabilita. Per fare ciò, effettua movimenti nel ginocchio con gradi diversi, valuta la loro morbidezza.

    Cos'è l'endoprotesi?

    I problemi con il normale funzionamento delle articolazioni del ginocchio si verificano nella maggior parte delle persone. Le ragioni di ciò possono essere completamente differenti: sovrappeso, sedentario o, viceversa, stile di vita troppo attivo, infortuni e sport estremi.

    Tuttavia, l'operazione stessa non ti darà la salute completa della gamba. Dopo questo intervento chirurgico, è necessaria una riabilitazione a lungo termine e l'intero successo del caso dipende dalla corretta implementazione.Il processo di recupero postoperatorio deve essere preparato prima dell'intervento chirurgico. Vi diremo in dettaglio come farlo.

    Caratteristiche del periodo di riabilitazione

    Il primo giorno dopo l'endoprotesi, il sangue accumulato viene rimosso attraverso un tubo di drenaggio, è ancora impossibile alzarsi dal letto, ma i movimenti delle gambe non sono limitati. Se il paziente si sente bene, puoi sederti, alzarti con le stampelle, appendere le gambe fuori dal letto. Se necessario, prima di andare a letto il paziente viene iniettato con antidolorifici o sonniferi. In primo luogo, la pelle nella zona dell'articolazione può avere la febbre, soffrire di edema. Se questi sintomi peggiorano e si sospetta un'infezione, i medici punteranno l'articolazione del ginocchio.

    Il carico iniziale sulla gamba operata dovrebbe essere moderato

    Un programma individuale di riabilitazione postoperatoria, inclusi esercizi e fisioterapia, è un medico fisioterapista. L'attività precoce è utile e contribuirà al rapido recupero del corpo, allo sviluppo della forza e alla corretta ampiezza dei movimenti nell'articolazione. Ma è anche impossibile sovraccaricare la gamba operata.

    Per ridurre il carico, puoi usare un deambulatore. Aiuteranno a mantenere l'equilibrio, a muoversi in sicurezza, a evitare stress inutili. Quando i muscoli dopo la sostituzione dell'articolazione diventano più forti, il paziente può usare le stampelle. Il movimento si avvia con una gamba sana, e verso il basso - con l'operato.

    Consiglio: durante l'intervento, i medici ripristineranno i movimenti dell'articolazione del ginocchio, ma all'inizio saranno dolorosi. Per superare il disagio, si consiglia di fare una ginnastica speciale.

    I componenti principali del periodo iniziale di riabilitazione sono

    1. Esercizi terapeutici per:
    • rafforzare i muscoli delle gambe (sollevare un arto dritto, la sua ritenzione nel momento in cui i muscoli sono tesi, sollevamento ritmico e abbassamento del piede),
    • estensione dell'arto inferiore all'articolazione del ginocchio,
    • flessione (sdraiato, seduto con o senza supporto).
    1. Drenaggio linfatico (massaggio dell'apparato per il deflusso di liquidi),
    2. Crioterapia (trattamento a freddo), elettroterapia,
    3. Camminare sui gradini, una superficie piatta (aiuta a sviluppare resistenza e forza).

    Doccia e balneazione

    Gli esperti raccomandano di fare una doccia calda per 6 settimane dopo l'intervento. All'ingresso, devi prima mettere una gamba sana e poi il paziente. L'uscita dalla sequenza deve essere cambiata.

    Consiglio: il paziente deve ricordare che i movimenti nell'articolazione operata devono essere uniformi, lisci e la loro ampiezza aumenta gradualmente.

    Cosa è importante ricordare durante la riabilitazione:

    • Da 4 a 12 settimane dopo la sostituzione, è necessario indossare calze a compressione per sostenere i muscoli delle gambe e ridurre il rischio di coaguli di sangue,
    • le esercitazioni terapeutiche devono essere fatte sistematicamente, ogni giorno,
    • prima del completo ripristino della capacità di supporto, è necessario utilizzare le stampelle, una canna.

    Consiglio: se si sente dolore intenso, febbre, scarico dalla ferita, è necessario consultare immediatamente un medico.

    Per prolungare la vita dell'endoprotesi, è impossibile sollevare oggetti pesanti, camminare per lunghi passi e sovraccaricare l'articolazione, non si dovrebbe consentire l'aspetto del peso in eccesso. Dovresti anche evitare quegli sport che sono articolazioni molto stressanti delle ossa: corsa, aerobica, sci, salto.

    È importante sapere che l'articolazione operata è facilmente infetta. Pertanto, per raffreddori, procedure chirurgiche, infezioni urinarie, è necessario assumere antibiotici ad ampio spettro secondo lo schema del medico.

    Fattori di rischio, complicazioni

    Trombosi venosa profonda

    L'artroplastica del ginocchio è un'operazione programmata che richiede un esame approfondito e l'esame della salute del paziente. Questo elimina in gran parte i rischi, ma è impossibile assicurarti completamente contro di loro.Le complicazioni durante l'intervento sono dovute alle caratteristiche anatomiche dell'articolazione, allo stato generale di salute e dopo l'operazione - stile di vita, malattia o infortunio, ignorando gli esercizi di rafforzamento. Durante l'intervento possono verificarsi insufficienza cardiaca, problemi respiratori, alterata circolazione del sangue nel cervello a causa dell'anestesia, danni vascolari, danni ai nervi, frattura o frattura ossea o diverse lunghezze degli arti.

    Complicazioni del primo periodo di funzionamento:

    • discrepanza della ferita, la sua infiammazione,
    • trombosi venosa profonda, formazione di coaguli di sangue,
    • dislocazione della rotula o componenti della protesi,
    • reazioni allergiche all'anestesia, farmaci,
    • insufficienza acuta del sistema respiratorio, cardiovascolare.

    Per evitarli, è necessario seguire tutte le raccomandazioni dei medici, non creare situazioni traumatiche ed essere sicuri di fare dei campioni per nuovi farmaci.

    Le complicazioni tardive dopo l'artroplastica possono manifestarsi sotto forma di:

    • spostamento della protesi (è anche chiamato allentamento tecnico),
    • crunch temporaneo quando si sposta la rotula, che deve passare durante la riabilitazione,
    • contratture di un'articolazione quando la sua mobilità è limitata durante la flessione o l'estensione),
    • formazione di tessuto cicatriziale in eccesso vicino all'endoprotesi, frattura ossea nella zona.

    L'endoprotesi consente di dimenticare il dolore e vivere una vita piena. La terapia fisica e gli esami regolari aiuteranno a ripristinare rapidamente il corpo e ridurre al minimo il rischio di complicanze.

    Ti consigliamo di leggere: artroplastica dell'anca

    Attenzione! Le informazioni sul sito sono fornite da esperti, ma sono solo a scopo informativo e non possono essere utilizzate per l'auto-trattamento. Assicurati di consultare un medico!

    La procedura per la sostituzione completa dell'articolazione del ginocchio con una protesi in alcuni casi diventa l'unico modo per sbarazzarsi del dolore lancinante e preservare la mobilità dell'arto. Lei è molto complessa e responsabile. Dopo l'endoprotesi, il paziente deve costantemente sviluppare l'area danneggiata e mantenere il tono muscolare. La riabilitazione occupa un posto non meno importante dell'operazione stessa, una parte importante del recupero è la ginnastica terapeutica.

    La terapia sportiva è un elemento riabilitativo necessario dopo l'articolazione protesica del ginocchio, non può essere trascurata!

    Le operazioni serie vengono eseguite solo in cliniche specializzate, dove funziona anche lo specialista in esercizi di fisioterapia. Per ogni paziente, sviluppa un programma di allenamento individuale basato sull'età e sulla salute. I complessi sono sempre basati su azioni comuni: questi sono gli esercizi di base e le regole per la loro implementazione in questo articolo.

    Questo è ciò a cui dovresti sforzarti durante le prime 2-3 settimane dopo l'operazione - poter camminare almeno un po 'senza stampelle.

    Quali esercizi dopo l'artroplastica del ginocchio sono raccomandati?

    Importante sapere! I medici sono sotto shock: "Esiste un rimedio efficace ed economico per il dolore articolare ..." ...

    La fisioterapia è una parte centrale della riabilitazione dopo l'intervento chirurgico e l'installazione di un'endoprotesi. Il suo contenuto varia a seconda della fase di recupero - l'intero periodo è diviso in cinque fasi:

    endoprotesi

    L'operazione di sostituzione dell'endoprotesi è prescritta ai pazienti nel caso in cui altri metodi di trattamento siano già impotenti. La sostituzione dell'articolazione del ginocchio può essere completa, o parziale, a seconda del grado di danno.

    Nell'endoprotesi, le aree danneggiate vengono sostituite con un'endoprotesi, il cui materiale è quasi identico al tessuto osseo naturale. L'endoprotesi viene fissata con l'aiuto di cemento osseo.

    L'operazione coinvolge anche i legamenti non danneggiati dell'articolazione del ginocchio, svolgendo la funzione di stabilizzatori. Invece della cartilagine, le placchette di plastica vengono utilizzate nell'endoprotesi.

    reinserimento

    Il periodo di riabilitazione dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio può dipendere dalle caratteristiche individuali dell'organismo, ma, più spesso, il completo recupero avviene in 10-12 settimane, in conformità con tutte le raccomandazioni.

    La riabilitazione dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio è divisa in due fasi: precoce e tardiva. In ciascuno dei periodi di riabilitazione, devono essere eseguiti alcuni esercizi che accelerano il processo di guarigione e portano la guarigione più vicino. Azioni di recupero dopo l'endoprotesi:

    1. Dare ai muscoli delle gambe la forza necessaria
    2. Rendi più mobile l'articolazione del ginocchio
    3. Dai la nuova sicurezza congiunta,
    4. Permettere al paziente di tornare al solito ritmo della vita.

    Fase iniziale

    Spesso, il paziente può piegare la gamba operata al ginocchio immediatamente dopo l'intervento. Con il sorgere e il camminare indipendenti, le cose sono diverse: l'articolazione operata è ancora troppo debole per sopportare il peso del corpo.

    Nei primi giorni dopo l'artroplastica, lo staff dell'ospedale aiuta il paziente ad alzarsi dal letto, poi impara a camminare con l'aiuto delle stampelle. Inoltre, in ospedale, specialisti qualificati insegnano ai pazienti sottoposti a un intervento chirurgico per gestire la nuova protesi del ginocchio: alzarsi, piegare il ginocchio, alzarsi in piedi, sedersi e compiere altre azioni familiari alle persone sane.

    • Primo giorno in ospedale. Il paziente impara a eseguire gli esercizi necessari per rafforzare i muscoli femorali e aumentare il numero di movimenti della nuova articolazione. In molte cliniche di tipo moderno per la riabilitazione iniziale dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio, viene utilizzato un apparato meccanico specializzato, che a sua volta piega ed estende la gamba del paziente. Esercizi aggiuntivi sul primo giorno di riabilitazione sono seduti sul bordo del letto, i primi tentativi di alzarsi con le stampelle, provare a fare qualche passo, e anche andare a letto da soli,
    • Il secondo giorno in ospedale. I medici-terapeuti aumentano gradualmente il carico di lavoro del paziente: gli offrono di camminare nel reparto con l'aiuto di un bastone o di stampelle, di visitare il bagno da soli e anche di scendere o salire le scale,
    • Il terzo giorno in ospedale. Si osserva un aumento dell'attività fisica del paziente. Tutti i passaggi precedenti sono più facili. Il terzo giorno, in assenza di complicazioni, il superstite può essere dimesso dall'ospedale.

    Fase avanzata

    Nel campo di dimissione, i medici raccomandano vivamente di continuare la riabilitazione. Il processo porta a una pronta guarigione e alla ripresa del solito ciclo di vita. Nell'ambito della riabilitazione tardiva, i pazienti sottoposti ad artroplastica vengono mostrati in fisioterapia con l'uso concomitante di antidolorifici (rigorosamente su prescrizione).

    Oltre agli antidolorifici, il sollievo dal dolore nel ginocchio operato può essere ridotto con l'aiuto di compresse rinfrescanti, che vengono applicate ogni giorno per 10-15 minuti. Oltre a sbarazzarsi del dolore, l'applicazione del freddo aiuterà a ridurre il gonfiore.

    In base alle raccomandazioni mediche, i pazienti dopo l'artroplastica tornano alla normalità dopo alcuni mesi dall'intervento.

    Vuoi ricevere lo stesso trattamento, chiedici come?

    La riabilitazione dopo l'artroplastica è di fondamentale importanza per garantire una funzione articolare liscia e migliorare la qualità della vita del paziente. L'operazione di sostituzione dell'articolazione del ginocchio è indicata per il trattamento di patologie dolorose e invalidanti causate da varie forme di artrite e gravi lesioni. Il chirurgo ortopedico esegue una sostituzione completa o parziale di un'articolazione usurata con la sua copia anatomicamente esatta.

    L'impianto artificiale è costituito da elementi in metallo e plastica che sono assolutamente sicuri per il corpo.Per riannodare l'arto operato per muoversi correttamente, per espandere la gamma di movimenti disponibili, richiede massaggi, visite alla sala di fisioterapia e una serie di esercizi.

    Il termine di riabilitazione, così come il suo successo, dipende dalla gravità delle condizioni del paziente, dalla sua diligenza, dall'aderenza alle raccomandazioni mediche, dalla forza di volontà, dal desiderio di raggiungere il successo.

    Tempo di recupero: quando posso camminare?

    Importante sapere! I medici sono sotto shock: "Esiste un rimedio efficace ed economico per il dolore articolare ..." ...

    Questa domanda viene spesso posta tra i visitatori di forum specializzati dedicati ai problemi di sostituzione dell'endoprotesi. Il progresso è puramente individuale, un ritorno completo alle normali attività è possibile entro 3-6 mesi dalla procedura, durante la quale ricostruirai la tua vita, imparerai le cose più comuni.

    La maggior parte degli impianti consente al ginocchio di piegarsi, ma non più di 110 gradi.

    La difficoltà del processo di recupero è che le persone con artrite vivono con il dolore esaustivo per anni. Durante questo periodo, sviluppano le posizioni preferite per sedersi, stare in piedi, muoversi, diventare inattivi e alcuni muscoli atrofizzarsi. Queste stesse abitudini, chiamate nevralgie anormali, non vanno da nessuna parte anche dopo il risveglio nel reparto postoperatorio. Il processo per sbarazzarsi di loro è complicato, spinoso, è auspicabile sottoporlo sotto la supervisione di un medico riabilitativo.

    Nelle malattie degenerative articolari i pazienti hanno diritto a prestazioni di invalidità. Per la sua registrazione è necessario raccogliere i risultati necessari del sondaggio, confermando l'impossibilità di muoversi autonomamente.

    La riabilitazione dopo l'endoprotesi può anche essere un motivo per ottenere uno status simile se, come risultato dell'operazione, non sei in grado di svolgere il tuo solito lavoro. Tale assistenza sociale viene fornita entro 12 mesi.

    Come aumentare l'efficacia della riabilitazione?

    Se vengono seguite tutte le raccomandazioni mediche, un aumento della gamma disponibile di movimenti e sollievo dal dolore può raggiungere il 90% dei pazienti.

    Le raccomandazioni di uno specialista, a seconda del metodo che pratica, il tipo di procedura trasferita possono variare. Di solito includono i seguenti articoli:

    • l'attività fisica precoce è la chiave per una riabilitazione di successo,
    • già nel secondo giorno postoperatorio, devi iniziare a sederti e alzarti, usando i corrimani speciali come supporto,

    Alzati dal letto e vai in bagno nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico - questo può già essere chiamato riabilitazione.

    conquistare le scale avrà il quinto giorno. E il primo passo è necessariamente un piede sano,

    E la gamba dolorante è sempre tra due stampelle.

    un aumento dell'attività fisica avviene gradualmente, in modo da non danneggiare l'impianto,

    Questo può accadere se sei di fretta. Questa è una dislocazione dell'impianto del ginocchio.

    dopo essere stato dimesso a casa, si può solo accovacciarsi sui seggioloni ed è vietato sollevare oggetti senza assistenza o dispositivi speciali,

    Un buon esempio delle disposizioni vietate per la prima volta.

    controllo costante del peso

    Se sei in sovrappeso, poi dimagrisci: ti darà un grande vantaggio nel processo di recupero.

    il sonno laterale o posteriore è consentito solo con l'uso di un rullo speciale posto tra le gambe,

    Questo requisito è più adatto per l'articolazione dell'anca, ma anche il ginocchio deve essere protetto in questo modo.

    puoi guidare una macchina solo 8 settimane dopo la procedura

    Sedersi e uscire da esso dovrebbe essere un modo speciale.

  • Mangiare cibi ricchi di ferro e bere più liquidi.

In cosa consiste la riabilitazione?

Il rapido intervento ti allevia dal dolore.Ma se il tuo obiettivo è sbarazzarsi delle zoppie, ritornare all'attività motoria perduta, camminare senza differenza dalle altre persone, sintonizzarsi su una lunga riabilitazione e nessuno può nominare il tempo esatto di recupero.

L'intero periodo di recupero può essere suddiviso in diverse fasi chiave:

Suggerimenti importanti

  1. sempre seguire le istruzioni del medico curante e del fisioterapista. Questa sarà una condizione importante per il recupero di successo e un ritorno alla vita attiva. Esegui quotidianamente l'intera gamma di esercizi, poiché dipende direttamente dallo stato dei muscoli e dalla qualità del funzionamento.
  2. quotidiano eseguire l'intera gamma di esercizi fisiciPerché lo stato dei muscoli e la qualità del funzionamento dell'articolazione artificiale dipendono direttamente da questo.
  3. Evita l'impatto negativo sulle componenti articolari durante lo sport, il lavoro, la partecipazione ad attività ricreative.
  4. Monitorare la salute cardiovascolare, respiratorio e polmone, non prendere freddo. Dopo tutto, per le cellule e i tessuti è importante una buona scorta di ossigeno e sostanze nutritive. Allena i polmoni con esercizi speciali per evitare lo sviluppo di polmonite.
  5. Mantieni il dolore sotto controllo. Prendi degli antidolorifici. Se il dolore non diminuisce, vai dal medico.
  6. Durante il periodo postoperatorio, i tessuti molli si gonfieranno leggermente all'inizio. Effettua il raffreddamento comprimee quando si è addormentato, posizionare un cuscino sotto il piede in modo che sia in una posizione sollevata.
  7. Ricordalo il riposo è una parte importante del trattamento e recupero.

Preparazione preoperatoria per la riabilitazione

La riabilitazione dopo l'intervento chirurgico non va sempre bene. La chirurgia ha i suoi rischi di complicazioni a cui le persone anziane sono più suscettibili di avere problemi di salute concomitanti. Il paziente informa il paziente nella fase di preparazione prima della procedura chirurgica e prende misure per prevenirne lo sviluppo.

Esercizi su sospensioni sono un livello separato e ampio di recupero postoperatorio.

Anche nella fase preoperatoria, iniziano a interessare le aree problematiche dei muscoli, che, a causa di una malattia complessa, presentano ipotonia e bassi valori di apporto di sangue. Perché lo fanno così presto? Immagina quali difficoltà saranno accompagnate dalla riabilitazione dopo l'intervento al ginocchio, quando i muscoli delle gambe già indeboliti diventano ancora più deboli. Il rischio di sviluppare contratture, atrofia, trombosi venosa e tromboembolia aumenterà in modo significativo.

L'endoprotesi è controllata da strutture muscolo-legamentose e, fino a quando non ritornano alla normalità, non ottengono elasticità ed elasticità sufficienti, l'impianto non funziona in modo completo.

È consigliabile iniziare a sviluppare i muscoli anche prima dell'artroplastica dell'articolazione del ginocchio, la riabilitazione dopo l'operazione sarà molto più facile e veloce. Inoltre, il primo periodo sarà molto più facile da percepire e trasferire se al paziente è stata insegnata in precedenza la tecnica del camminare con le stampelle, gli esercizi di base della fase iniziale e gli esercizi di respirazione, le abilità dell'attività quotidiana.

Se sai che avrai un'operazione, inizia subito a fare ginnastica.

Il recupero attivo dopo l'artroplastica del ginocchio sarà facilitato da esercizi che vengono eseguiti prima dell'operazione, per aumentare il tono muscolare, esercizi per migliorare la condizione fisica generale. È necessario utilizzare questo tipo di allenamento fisico, che non sovraccarichi l'osso interessato e l'organo cartilagineo, e allo stesso tempo addestra tutti i gruppi muscolari responsabili del suo lavoro. I seguenti tipi di allenamento corrispondono a questi requisiti:

  • nuoto libero in piscina
  • Nordic walking nordico
  • lezioni sulla cyclette,
  • esercizi per il coordinamento e l'equilibrio dei movimenti,
  • camminare nell'acqua e fortificare la ginnastica acquatica.

Tutte le classi di cui sopra rimarranno rilevanti dopo l'installazione di una controparte artificiale. Ma sarà possibile tornare a loro nei remoti periodi di riabilitazione: dovrebbero trascorrere 1,5-3 mesi, forse un periodo più lungo.

Le stampelle possono essere completamente messe da parte circa 8 settimane dopo l'intervento.

Per usare con fiducia ulteriori mezzi di supporto durante lo spostamento (camminatori e stampelle), hai bisogno di mani forti. Piuttosto, muscoli forti, situati sul dorso delle mani, che viene chiamato tricipite. Rafforzare il tricipite aiuta una semplice carica:

  • sedersi su una sedia con braccioli laterali,
  • posiziona le braccia (i gomiti piegati) sui braccioli,
  • appoggiandosi sui palmi e tendendo gli arti superiori, si alzi, sollevando il bacino dalla superficie del sedile,
  • tornare alla posizione originale
  • ripetere 8-10 volte.

Pianificare le prime 2-3 settimane dopo l'intervento

Trascorsa la giornata più emozionante, hai sostituito il giunto con un impianto meccanico. Ora la valutazione finale del trattamento completato dipende dalla tua responsabilità e quanto bene ti atterrai alla carta di riabilitazione. Pertanto, sintonizzati per lavorare sodo per diversi mesi e, nonostante tutti gli ostacoli e non mollare.

I primi giorni delle sue gambe sono strettamente bendati per prevenire le tromboflebiti.

Programma generale per il primo periodo

Il paziente trascorre diverse ore nel reparto di terapia intensiva prima di uscire dall'anestesia, quindi viene trasferito all'ospedale. Immediatamente dopo l'ammissione all'unità di degenza, inizia l'implementazione di un regime di terapia preventiva sviluppato da specialisti. La riabilitazione iniziale comporta l'attivazione precoce del paziente in una modalità motorio risparmiatore. Negli scopi profilattici contro le complicanze postoperatorie e per accelerare i processi rigenerativi sarà assegnato:

  • ginnastica respiratoria diaframmatica e toracica,
  • gambe operatrici elevate
  • posizionamento tra gli arti del rullo in modo che non si verifichi il reinserimento involontario con una gamba sana,
  • fisioterapia (UHF, magnetoterapia, elettroforesi) ed esercizi per stimolare la circolazione linfatica e sanguigna, per iniziare i meccanismi di guarigione, per rimuovere l'edema e i fenomeni dolorosi,
  • classi e procedure per migliorare lo stato funzionale del gruppo muscolare della gamba operata e dei muscoli tonico (antigravitazionali) del corpo,
  • somministrazione e somministrazione di antibiotici, preparati dallo spettro degli anticoagulanti, antinfiammatori e antidolorifici, complessi vitaminico-minerali,
  • trattamento antisettico, medicazione, drenaggio della ferita,
  • applicare borse fredde con ghiaccio sulla zona del ginocchio per ridurre il dolore e ridurre il gonfiore.

È molto buono quando l'intero processo di guarigione è controllato dallo specialista che ha eseguito l'operazione.

Quando è permesso camminare e sedersi? Di solito dopo 24-48 ore, a volte il giorno 3, a seconda dello stato di salute. Camminare viene mostrato con le stampelle a gomito o gli escursionisti. Completamente contare e portare il peso sulla gamba mentre sotto il divieto, si può solo leggermente toccarlo sul pavimento. La percentuale ammissibile di aumento di peso sul lato operato dopo una settimana è del 10-15% del carico fisiologicamente possibile, dopo 3 settimane - 50%.

I primi passi, i tentativi di prendere una posizione seduta sono controllati dall'istruttore. Il movimento e la seduta sono strettamente limitati dai minuti nella fase iniziale di recupero, il tempo limite viene aumentato gradualmente. Entro la fine di 2-3 settimane puoi già camminare per 25-30 minuti tre volte al giorno e sederti, senza cambiare la posizione del corpo, per non più di 20 minuti.

Esercizio terapeutico del primo periodo

Quali esercizi dopo l'artroplastica del ginocchio sono mostrati per eseguire in questo periodo di tempo.

L'artromot viene utilizzato dal primo giorno dopo l'intervento chirurgico, il suo compito è nello sviluppo passivo dell'articolazione del ginocchio.

Mentre ti riprendi, gli esercizi saranno più diversificati e più intensi, e dopo 6 settimane sarai in grado di allenarti su una cyclette, andare in piscina, ecc.

  1. La riabilitazione iniziale inizia con il ceppo del muscolo quadricipite della coscia con attivazione simultanea dell'arto. Per fare ciò, devi sforzare il segmento corrispondente, sollevare la gamba in una posizione uniforme a circa 30 cm dalla superficie su cui stai mentendo. Non è necessario abbassare immediatamente l'arto, tenerlo al livello raggiunto per 5-8 secondi, riportarlo con cautela nella sua posizione originale. Prendi un intervallo di riposo di due minuti tra le ripetizioni. Il numero di ripetizioni - circa 10 volte.

    L'esercizio è rivolto alla parte anteriore della coscia. Al punto finale, puoi correggere la posizione per un paio di secondi.

    Esegui con molta attenzione, senza disagio.

    Questo esercizio può essere eseguito senza restrizioni sul numero di ripetizioni.

    Il piede del piede dovrebbe essere diretto rigorosamente verso l'alto.

    Inizia con una piccola ampiezza e aumentalo gradualmente.

    Le mani dovrebbero essere lungo il corpo.

    Ma il 5 ° giorno cominciano a padroneggiare a camminare nelle barre irregolari, lungo un addestratore di gradini, un tapis roulant in sospensione. Dall'ospedale viene dimesso dopo 14 giorni, se il paziente si sente. In alcuni casi, potrebbe rilasciare casa dopo 3 settimane. I punti vengono rimossi dopo 10-14 giorni.

    Caratteristiche della fase avanzata (dopo 3 settimane)

    Gli esercizi elencati dopo l'artroplastica dell'articolazione del ginocchio a casa continuano ad essere eseguiti utilizzando la stessa procedura descritta nei paragrafi precedenti. Ma non possono essere limitati quando è trascorso così tanto tempo dal giorno della procedura. La terapia sportiva dopo 3 settimane diventa più complicata e in espansione, dal momento che è impossibile sviluppare l'articolazione del ginocchio dopo l'intervento in pieno solo praticando una natura passiva-attiva.

    Con il giusto approccio, il dolore e il disagio cessano di preoccuparsi dopo un mese e mezzo dall'artroplastica. Pertanto, è ora sensato aggiungere al complesso di esercizi dopo l'endoprotesi dell'articolazione del ginocchio un numero di compiti più complessi che non danneggiano la struttura artificiale, ma gli indicatori dinamici statici saranno fruttuosi giorno dopo giorno.

    Inoltre, hai già bisogno di fare passeggiate più spesso e più a lungo, in media 40-60 minuti. 4 volte al giorno. Passo sulla gamba, se la riabilitazione dell'articolazione del ginocchio dopo l'operazione di sostituzione è eccellente, con il 50% di carico, e solo dopo 8 settimane con un supporto al 100%. Verso la metà del programma di recupero, viene inviato un rinvio per il massaggio manuale delle estremità e alcune sezioni della colonna vertebrale, le classi sono prescritte su una cyclette stazionaria di natura moderatamente gentile.

    E ora soffermiamoci sulla cosa più importante: come è lo sviluppo del ginocchio dopo l'endoprotesi alle date remote, e quale serie di esercizi per esercitare la terapia porterà il massimo beneficio.

    LFK da 3 a 13 settimane

    1. Distesi sull'addome, piegare il ginocchio con il tallone che stringe il gluteo. Un'altra tecnica è basata su un principio simile, ma viene eseguita in piedi: è necessario afferrare i corrimani, o in alternativa, appoggiare le mani sul piano del tavolo o prendere lo schienale della sedia per la schiena e, in piedi su un ramo sano, fare la stessa cosa.

    Cerca di ottenere il tallone dei glutei. Questo è improbabile, ma l'obiettivo dovrebbe essere questo.

    L'imitazione di camminare sul gradino dovrebbe essere eseguita alternativamente con due gambe.

    Tendine di Achille elastico.

    Quando si lavora su un equilibrio, tutte le piccole fibre muscolari sono incluse nel movimento.

    Quando ti accovacci reggi il supporto.

    Allo stesso modo, avere un punto d'appoggio per le mani.

    Puoi esibirti sia seduto che sdraiato sulla schiena o sullo stomaco.

    Acquagym, balneoterapia e fangoterapia

    Il paziente nelle fasi intermedie e finali della riabilitazione dopo l'intervento chirurgico al ginocchio viene selezionato uno speciale complesso di chinesiterapia nell'ambiente acquatico, che ha un incredibile effetto benefico sulla correzione del sistema muscolo-scheletrico. Inoltre, l'idrocinesi aiuta:

    • miglioramento dinamico dei legamenti e delle funzioni contrattili di tutti i principali muscoli coinvolti nella biomeccanica del dipartimento pertinente,
    • regolazione del flusso sanguigno, processi metabolici, nutrizione dei tessuti attorno alla protesi, grazie al quale si ottiene la sua forte e affidabile fissazione con l'osso, corretta meccanica,
    • regolazione sicura e produttiva del raggio di movimento, senza appesantire la gamba e proteggerla dal sovraccarico.

    Le procedure idriche apportano un contributo incommensurabile all'armonizzazione dell'attività del sistema nervoso centrale, producono un eccellente effetto psicoterapeutico, carica di ottimismo e fiducia nel pieno recupero.

    Quando la cucitura è completamente guarita, gli esercizi in piscina sono un ottimo modo per recuperare.

    Dopo 2-3 mesi dal giorno in cui è stata eseguita la protesi articolare del ginocchio, si raccomanda di sottoporsi a un ciclo di balneoterapia e / o fangoterapia. La balneoterapia e la fangoterapia sono l'uso di radon caldi e bagni idrosolforici, fanghi terapeutici. Queste tattiche di fisioterapia sono ampiamente praticate nelle strutture sanitarie resort-sanitarie situate in aree ricche di risorse naturali rare che hanno una gamma irrealistica di opportunità terapeutiche. Le località ceche sono particolarmente apprezzate in tutto il mondo.

    Repubblica Ceca - il leader nel campo dell'ortopedia!

    Nella Repubblica Ceca, la riabilitazione in un sanatorio dopo l'artroplastica del ginocchio è una misura terapeutica e preventiva di prim'ordine per i disturbi ortopedici, compresa una varietà di terapie per il trattamento di fonti naturali naturali con composizioni complesse. E, naturalmente, in questi ospedali, oltre all'eccezionale sessione di fisiatria unica nel suo genere, fu organizzato un sistema di educazione fisica riparatrice.

    L'immersione nella guarigione delle sorgenti minerali e l'applicazione di fanghi hanno un potente effetto analgesico, influenzano positivamente la circolazione sanguigna nelle strutture degli organi di movimento, migliorano il metabolismo e il trofismo dei tessuti muscoloscheletrici, aumentano la trasmissione neuromuscolare, leniscono e tonificano il sistema nervoso, aumentano l'immunità. Pertanto, vi è un notevole progresso positivo nel lavoro dell'apparato di supporto locomotore.

    Vita dopo il recupero

    Riabilitazione completa dopo l'artroplastica del ginocchio - terapia fisica, sviluppo dell'articolazione in acqua, allenamento su simulatori, massaggi, varie procedure di fisioterapia - la chiave del vostro successo nel recupero. Sai già che l'allenamento sportivo regolare dovrebbe diventare parte integrante del tuo stile di vita, perché sono responsabili della prestazione armoniosa, lunga e ininterrotta del nuovo giunto. Di solito, con un'attività fisica propriamente pianificata, l'endoprotesi del ginocchio dura in media 20-25 anni.

    Raggi X dopo l'intervento chirurgico. La protesi è corretta.

    Ma devi anche capire che un dispositivo che sostituisce un organo naturale è una struttura cinematica in metallo o ceramica con inserti polimerici. Come ogni meccanismo, tale dispositivo protesico richiede un uso corretto in modo che i suoi materiali non si usurino prematuramente, e le parti mobili non falliscano a causa di carichi irrazionali. Pertanto, il paziente deve prendersi cura di ciò che l'endoprotesi servirà correttamente il più a lungo possibile. Per fare ciò, devi seguire rigorosamente le seguenti raccomandazioni:

    • non sollevare pesi superiori a 15 kgsoprattutto non portare oggetti pesanti e non accovacciarsi con loro,
    • non accovacciarsi e inginocchiarsi, eliminare l'attraversamento delle gambe, seguire la postura, muoversi lentamente, senza intoppi, in modo uniforme,
    • in tutti i modi evitare situazioni di infortunio - cadute, colpi, distorsioni, lividi e così via (possono provocare uno spostamento e una violazione dell'integrità di parti dell'analogo congiunto),
    • durante qualsiasi malattia vai dal dottore giusto subito, perché, per esempio, la patogenesi infettiva, anche la cavità orale colpita, può essere trasferita ai tessuti periarticolari e causare gravi infezioni paraprotesiche,
    • camminare con scarpe comode, che ha una suola bassa con buone proprietà ammortizzanti,
    • l'attività fisica deve essere ragionevole e senza fanatismo, è importante osservare la moderazione e non fare nulla con la forza, riposare quando ci sentiamo stanchi,
    • tieni traccia del tuo peso corporeo, il sovrappeso riduce la vita dell'impianto,
    • non puoi fare movimenti bruschi e con forza d'urto - sussulta, vola, salta, colpisce la palla, rotazioni intense al ginocchio, ecc.,
    • È vietato giocare a calcio, pallavolo, hockey, basket e in tutti i tipi di giochi di squadra, tra cui corsa veloce vietata, salto, sci, pattinaggio a rotelle, pattinaggio,
    • Sport come tennis, golf, canottaggio, ciclismo, nuoto, nordic walking, escursionismo.

    Per evitare tali conseguenze, il carico deve essere aumentato molto agevolmente, di mese in mese.

    E, infine, agire con prudenza: informare immediatamente il medico se si riscontrano edemi locali, ematomi, dolori, hanno notato una diminuzione della capacità di supporto, la comparsa di rigidità.

    Restrizioni: cosa non fare durante la riabilitazione?

    I processi di flessione ed estensione della gamba con il giunto operato devono essere eseguiti con molta attenzione. Lo stesso vale per i movimenti di rotazione e le gambe incrociate. Questa restrizione è particolarmente importante nei primi mesi postoperatori.

    Un allenamento di alta qualità aiuterà a recuperare in un paio di mesi, ma in genere ci vogliono almeno sei mesi o un anno per tornare alla vita normale, durante la quale il processo di attività fisica si riprenderà completamente. Quando ciò accade, quasi tutte le restrizioni sullo stile di vita scompaiono. Molti pazienti ritornano agli sport attivi, ma gli sport pesanti e traumatici (corsa, pattinaggio artistico, tennis, pallacanestro, ecc.) Sono ora banditi per sempre. La formazione dovrebbe svolgersi a un ritmo facile o tranquillo.

    Esercizi dopo la sostituzione del ginocchio

    I metodi più comuni di riabilitazione:

      farmaci. Questo non è solo un gruppo di farmaci per ridurre il rischio di complicanze, ma anche medicinali speciali per rafforzare il sistema immunitario, una rapida riparazione dei tessuti,

    Formazione a casa. Esercizi di Bubnovsky

    Dopo la dimissione dal centro di riabilitazione, non dobbiamo dimenticare la necessità di continuare la formazione. Dare loro circa 20-30 minuti più volte al giorno o con la frequenza raccomandata dal medico.

    Le passeggiate giornaliere, le lezioni sulla cyclette mostrano risultati molto buoni. Inizia con cinque minuti di aria fresca, portali gradualmente a 20-30 minuti più volte al giorno. Per facilitare il compito, aumentare la sicurezza della camminata, utilizzare una canna.

    Tra le molte tecniche che aiutano a recuperare dopo l'endoprotesi, il programma del dottore russo Sergey Bubnovsky mostra buoni risultati. Nei primi giorni postoperatori, il medico consiglia di impegnarsi in esercizi terapeutici, aggiungendo gradualmente i movimenti per la caviglia ad esso. I carichi sono minimi, ma regolari: eviteranno trombosi, gonfiore, ristagno di sangue.

    Video di ginnastica dal Dr. Bubnovsky:

    Per il massimo beneficio degli esercizi e per garantire la correttezza delle loro prestazioni, le prime sedute si svolgono preferibilmente in un centro specializzato o in una sala di terapia sotto la supervisione di uno specialista.

    Possibili complicazioni

    Il corpo umano è un meccanismo unico, per ognuno di noi ha le sue caratteristiche distintive. Dopo la procedura, le complicanze dell'endoprotesi sono possibili. In alcuni casi, potrebbe anche richiedere un ulteriore intervento chirurgico. Ad esempio, questo accade in caso di infezione.

    I primi 1,5 mesi dopo l'operazione possono causare gonfiore, coaguli di sangue, arrossamento intorno alla cucitura. La fisioterapia e la fisioterapia contribuiranno a ridurre il rischio.

    Il dolore dopo la sostituzione viene rimosso con l'aiuto di impacchi freddi, allenamento psicologico, uso limitato di antidolorifici.

    30-40 minuti prima dell'allenamento, è consentito prendere un leggero antidolorifico - Aspirina o Ibuprofene.

    Torna alla solita vita

    Già dopo 8 settimane, sarà possibile ottenere il permesso dal medico curante per utilizzare il veicolo. Un prerequisito è il libero movimento delle gambe: ecco perché le tue attività quotidiane sono così importanti.

    Il prossimo passo è tornare al lavoro e al lavoro. La velocità del suo verificarsi dipende dalla diligenza, dalla natura e dalle esigenze del lavoro. È vero, coloro le cui attività sono associate a un intenso lavoro fisico, il sollevamento pesi, molto probabilmente, dovranno riqualificare e scoprire nuovi orizzonti.

    Recensioni dei pazienti dopo la sostituzione del ginocchio

    Le persone che hanno subito l'artroplastica, parlano di eliminare il dolore dopo l'intervento chirurgico, ma non tutti possono ripristinare l'attività motoria al livello accessibile a loro nella loro giovinezza. Anche se ci vuole solo un po 'per farlo - smetti di provare dispiacere per te stesso, non lasciare l'allenamento per un giorno.

    Sulla rete è possibile trovare molte recensioni video da pazienti per i quali questo compito è diventato abbastanza fattibile. Suggeriamo di prendere nota della loro esperienza, non arrendersi e andare sul sentiero del sogno di un nuovo comune.

    Indipendentemente dal fatto che tu stia facendo la riabilitazione o sotto la supervisione di un riabilitatore esperto, rimani attivo tutti i giorni, il più possibile per la tua salute. Non dimenticare quali test sono già stati fatti, prenditi cura della tua nuova articolazione, mantieniti in forma!

    Cosa determina il successo della riabilitazione

    La metà del successo dipende dall'abilità e dall'abilità del chirurgo e dalla seconda metà solo dal paziente:

    • Riuscirà a completare l'intero programma di riabilitazione?
    • Non rilassarti dopo alcune settimane e persino anni
    • Farà come dovrebbe, non solo in un centro di riabilitazione, ma anche a casa

    Quando si esegue il programma di riabilitazione, il paziente non è solo:

    • Il paziente non dovrebbe indovinare:
      • non saranno esercizi pericolosi o indesiderabili che lo feriscono
      • Ci saranno effetti collaterali?
    • Non ha bisogno di fare la propria scelta di esercizi.
    • Non è necessario acquistare simulatori meccanici (devono trovarsi in un centro di riabilitazione)

    Tutti questi problemi sono decisi dal medico curante e dal riabilitatore.

    I chirurghi sono consapevoli dei principali pericoli del primo periodo postoperatorio:

    Rischio di coaguli di sangue:

    È possibile sospettare segni di trombosi da dolore, gonfiore e arrossamento sotto o sopra il ginocchio

    Il rischio di sviluppare un'infiammazione infettiva:

    Elevata temperatura, i livelli di globuli rossi che salgono nel sangue possono essere sintomi allarmanti.

    Per prevenire complicanze postoperatorie sono prescritti coagulanti (fluidificanti del sangue) e antibiotici.

    Un riabilitatore visita il paziente entro poche ore dopo l'operazione e mostra i primi esercizi necessari che dovrà eseguire.

    Dopo la dimissione, viene solitamente sollevata la questione di un centro di riabilitazione, ma le lezioni non sono economiche, e quindi molti pazienti decidono di fare da soli il restauro.

    Ma se una persona non intende affatto sottoporsi a riabilitazione (da nessuna parte - né al centro né a casa), allora è meglio rifiutare del tutto l'operazione stessa.

    L'auto-riabilitazione è possibile a casa?

    Probabilmente sì, perché l'impossibile è davvero nulla.

    Ma in pratica, è difficile ripristinare l'articolazione in modo indipendente e per lungo tempo dopo le protesi.:

    • C'è una mancanza di conoscenza puramente specifica posseduta da traumatologi ortopedici.
    • A causa della paura del dolore, c'è una barriera che riduce il volume e l'ampiezza dei movimenti.
    • L'autocommiserazione, la disorganizzazione degli orari delle lezioni, ecc. Interferiscono.

    La meccanoterapia è praticata in ortopedia - un metodo di riabilitazione passiva, quando i movimenti di un arto paziente vengono eseguiti da simulatori meccanici, che sono sempre disponibili in un centro di riabilitazione.

    I primi due giorni dopo l'intervento

    Esercizi a mano

    • Stringere e aprire i pugni
    • Piegati e infila le braccia sui gomiti
    • Pugni di rotazione in entrambe le direzioni
    • Rotazione del gomito simile
    • "Boxing" con la separazione delle lame dal letto
    • "Forbici" diritte e incrociate
    • Tirare su

    Esercizi per una gamba sana

    • Moto circolare alla caviglia
    • Spremitura e chiusura
    • Curvatura al ginocchio
    • Gamba dritta sollevata
    • Appoggiandosi sul tallone e sui gomiti, solleva i glutei
    • Iniziamo a sederci con l'aiuto di un corrimano, prima senza abbassare le gambe sul pavimento, e il secondo giorno li abbassiamo

    Esercizi per una gamba dolorante

    • Stringere e aprire le dita
    • Noi mettiamo piede su noi stessi e da noi stessi
    • In alternativa, piegare e distendere le gambe mentre si è sdraiati e seduti
    • In posizione seduta, mettiamo i piedi sulla panca, li solleviamo e li abbassiamo senza sollevare i talloni

    La ginnastica dei primi due giorni viene eseguita a un ritmo lento.:

    • Tra i vari esercizi si prendono pause da tre a cinque minuti.
    • Alcuni esercizi si combinano con un ritmo respiratorio.

    Dopo che si è scoperto per sedersi sul letto con le gambe abbassate, è necessario imparare a stare in piedi con le stampelle o gli escursionisti

    Camminando su camminatori o stampelle

    Camminare con l'aiuto è fatto il secondo giorno.. Camminare con le stampelle è un po 'più difficile, poiché è richiesta più forza fisica. Per le persone anziane, camminare sui camminatori è preferibile non con le stampelle.

    È più facile, naturalmente, vedere o sperimentare con le stampelle prima dell'operazione, ma la tecnica generale è semplice:

    È necessario alzarsi, tenendo il corrimano con una mano, l'altro con la maniglia di una stampella o di un deambulatore, supportato da una gamba sana

    Camminare con le stampelle e sui camminatori è costruito sullo stesso principio:

    • Servono come supporto aggiuntivo per il corpo:
      Facciamo affidamento sulle stampelle sotto le ascelle e sui camminatori con le nostre mani
    • Inizialmente, stiamo andando avanti, in un piccolo passo, sia con le stampelle che con i deambulatori
    • Con un piede sano, facciamo un passo e stringiamo la gamba operata con un movimento scorrevole sul pavimento.
    • Il piede dolorante dovrebbe prima toccare il pavimento con il tallone, e quindi è possibile abbassare l'intero piede.

    La prima passeggiata con supporto aggiuntivo dovrebbe essere breve e da eseguire con l'aiuto di un istruttore

    Da due a sette giorni dopo l'intervento

    Il paziente a questo punto si siede in modo indipendente in un letto, avendo le gambe abbassate su un pavimento e si continua con le stampelle.

    Ripetiamo tutti gli esercizi precedenti in posizione prona e seduti, ma più attivamente e in ampie ampiezze.

    Il numero di ripetizioni aumenta

    • mantenendo il piede esteso
    • mantenendo la gamba dritta sollevata a 20-30
    • estensione dell'arto con un rullo sotto il tallone
    • esercizi isometrici con tensione dei glutei e quadricipiti
    • curve e curve del tronco con la mano tesa
    • imitazione di camminare
    • esercizi in posizione supina (su una gamba sana) con un rullo tra le gambe
  1. A partire dal secondo giorno inizia lo sviluppo dell'articolazione del ginocchio con l'ausilio della meccanoterapia - estensione passiva della flessione dell'articolazione del ginocchio su un simulatore meccanico con un aumento graduale di velocità, angolo e durata
  2. Il giorno nove dopo l'intervento

    La dinamica dell'esercizio per la gamba operata aumenta:

    • Disteso sulla curva laterale e distendere la gamba nella caviglia
    • Tirare il calzino verso l'alto e sollevare la gamba di 10 cm (l'aiuto dello specialista è permesso)
    • Facciamo piccole mosse con un piede dolorante.
    • Aggiunti esercizi con particolare attenzione al corrimano:
      Oscillare in avanti e sollevare i piedi con una piccola angolazione

    Periodo di recupero tardivo

    Inizia 1,5 mesi dopo l'intervento.

    Gli obiettivi del periodo di recupero tardivo - il ripristino delle funzioni dell'arto malato

    Gli esercizi vengono aggiunti con supporto e carico sulla gamba dolorante.:

    • Mahi in piedi su una gamba dolorante
    • Camminando su gambe piegate aggrappandosi ai corrimani
    • Esercizi "forbici" e "bici", ecc.

    Periodo di riabilitazione tardiva

    Questo periodo di solito è considerato un periodo di più di due mesi dopo l'intervento chirurgico. Tuttavia, per tutto il loro tempo.

    I compiti di questo periodo sono principalmente adattivi:

    • Malato impara a camminare con un bastone
    • Esegue esercizi con ponderazione
    • Inizia su una cyclette

    Nella foto sotto - esercizi con articolazione del ginocchio per sviluppare:

    Quanto tempo devo recuperare

    In effetti, la preoccupazione per il giunto durerà una vita. È impossibile alla fine della riabilitazione dimenticare immediatamente la protesi.

    • Sei mesi dopo l'operazione, è necessario eseguire un esame di controllo del ginocchio presso il chirurgo.
    • Quindi visita il dottore ogni anno.
    • Per diversi anni, devi fare esercizi terapeutici attivi ogni giorno.
    • Quindi puoi semplicemente eseguire la ginnastica quotidiana, mantenendo il tuo peso normale.
    • 10 anni dopo l'operazione, è necessario condurre un esame particolarmente approfondito, poiché la risorsa protesica potrebbe finire.

    Video: riabilitazione dopo artroplastica del ginocchio

    Nella zona delle ginocchia di una persona hanno carichi pesanti. Questo sito è spesso un luogo traumatizzato. Pertanto, insorgono malattie che possono essere curate solo con l'intervento chirurgico. Se sono stati provati altri metodi di trattamento in caso di una patologia dell'articolazione del ginocchio, che non ha portato guarigione e miglioramento della condizione, allora l'articolazione viene sostituita con una artificiale.

    Dopo la difficile operazione, viene prestata particolare attenzione al periodo di recupero. Parliamo di come dovrebbe essere effettuato il periodo di riabilitazione dopo l'intervento di sostituzione dell'endoprotesi dell'articolazione del ginocchio, cosa dovrebbe essere fatto per tornare alla vita normale.

    Indicazioni per la chirurgia

    L'impianto della protesi nella zona del ginocchio comporta la sostituzione delle ossa articolari con quelle artificiali. L'operazione è completata - il dolore dovrebbe andare via, la mobilità dell'arto dovrebbe riprendersi.

    L'operazione è consigliata nei seguenti casi:

    • artrosi con deformazione ossea,
    • osteoartrite,
    • la presenza di tumori,
    • lesioni frequenti
    • cambiamenti distrofici nel tessuto articolare.

    Ci sono anche controindicazioni all'intervento chirurgico. Questa è un'infiammazione infettiva del sito operato, malattie cardiache, danni ai vasi articolari. È impossibile fare l'operazione a pazienti che non sono in grado di muoversi e quelli che non hanno un'area del midollo osseo del femore.

    Prima di utilizzare le procedure, è necessario un sondaggio. Dovrebbero essere esclusi tutti i processi infiammatori e le malattie croniche.

    Durante l'operazione, è possibile utilizzare due tipi di anestesia: generale o spinale. Il tempo di intervento approssimativo è compreso tra un'ora e mezza e due ore. Poi arriva il momento cruciale - il periodo operativo dopo la sostituzione dell'endoprotesi dell'articolazione del ginocchio, che dovrebbe essere preso molto sul serio.

    Prima dell'inizio dell'intervento, molti pazienti sono interessati al tempo trascorso in ospedale dopo la sostituzione del ginocchio, per quanto possa durare il periodo massimo. Puoi contare per tre mesi, poi se la commissione medica decide se prolungare o meno il congedo per malattia. La decisione dipende dallo stato di salute del paziente e dalla rapidità con cui il restauro dell'area operata passa.

    Caratteristiche delle fasi di recupero

    La riabilitazione dopo l'artroplastica del ginocchio avviene dalle prime ore della fine dell'operazione. Installare il drenaggio attraverso il quale viene pompato il sangue. Sebbene l'arto sia già mobile, non puoi alzarti dal letto. Se ti senti bene, ti è permesso di alzarti con le stampelle, ma per un breve periodo. Puoi sederti, appendere gli arti dal letto.

    A seconda dello stato di salute del paziente, nei primi giorni di riabilitazione dopo protesi dell'articolazione del ginocchio, vengono prescritti antidolorifici e sonniferi. Non temere se l'edema compare nell'area operata o la temperatura aumenta - si tratta di normali conseguenze postoperatorie.

    Per ciascun paziente viene redatto un programma separato, finalizzato al recupero dall'artroplastica dell'articolazione del ginocchio. Forti carichi sono proibiti, ma l'attività fisica praticabile ne trarrà vantaggio.

    È importante capire che nei primi giorni dopo l'artroplastica e la riabilitazione del ginocchio si avranno sensazioni dolorose quando si cammina. Per fare questo, ci sono diverse tecniche di restauro, che saranno discusse più avanti.

    Tecniche di recupero

    Dopo l'artroplastica totale del ginocchio (l'operazione richiede un po 'di più), è possibile alzarsi con l'aiuto degli aiuti solo dopo tre giorni. Diverse tecniche sono utilizzate per la completa riabilitazione:

    1. esercizi terapeutici dopo la sostituzione dell'articolazione del ginocchio, finalizzata al ripristino del tessuto muscolare (alzare e abbassare le gambe, tenere in posizione tesa),
    2. raddrizzare il ginocchio
    3. sdraiato sul letto piegare l'arto (è possibile con supporto),
    4. il drenaggio linfatico è utilizzato per il deflusso di liquido generato durante il periodo di riabilitazione,
    5. trattamento a freddo
    6. a piedi, tra cui salire e scendere le scale.

    La riabilitazione comprende la terapia fisica dopo l'artroplastica del ginocchio. Gli esercizi ginnici aiutano a liberarsi dal dolore, rafforzano i muscoli degli arti. Quando studi gli esercizi sotto la guida di uno specialista, puoi farli a casa da soli.

    Qualsiasi movimento dovrebbe essere eseguito in modo uniforme con un aumento graduale del carico. Se durante l'esecuzione di esercizi terapeutici si alza la temperatura o si manifesta una scarica dall'area operata, è necessario rivolgersi immediatamente a un medico.

    Allenamento sportivo e benessere

    • Avrai bisogno di arrivare all'operazione nel miglior modo possibile. Per fare questo, un medico che conosce tutte le caratteristiche del tuo stato di salute dovrà fare un piano di allenamento. Avrai bisogno di fare esercizi speciali per rafforzare i muscoli di tutto il corpo. Questo ti aiuterà a preparare il corpo per l'uso con camminatori e stampelle postoperatori. Oltre agli esercizi del complesso di fitness, nuoto, ginnastica in acqua, esercizi su una cyclette, il Nordic Nordic Walking è adatto a te. È importante prendere questi allenamenti con serietà, perché il loro risultato dipende da quanto velocemente si può riabilitare dopo l'intervento.
    • Chiedi agli amici o affitta le stampelle per cercare di padroneggiare questo elemento ausiliario della riabilitazione postoperatoria. Stranamente, imparare a usare le stampelle è meglio sulle gambe sane.
    • Dovrai prestare attenzione al tuo peso. Se è eccessivo, cerca di perdere peso, perché la pressione sull'articolazione protesica dipende dal peso corporeo.
    • Prima dell'intervento, sarebbe bene rinunciare a cattive abitudini: l'alcol dovrebbe essere eliminato e il fumo ridotto al minimo (e idealmente smettere). Ciò consentirà di evitare problemi postoperatori con i polmoni, aumentare la resistenza del corpo a nuovi carichi, accelerare il processo di guarigione.

    Preparazione di un ambiente postoperatorio confortevole

    • Per qualche tempo dopo l'artroplastica del ginocchio, dovrai muoverti con le stampelle. Per renderlo più conveniente per te a casa tua, dovresti riorganizzare tutti gli elementi di uso regolare in modo che siano al livello delle mani.
    • Se c'è una scala nella tua casa privata, fai attenzione a minimizzare la necessità di usarla regolarmente. Per fare questo, trasferisci tutte le cose che ti servono al primo piano.
    • Preparare una sedia affidabile per il periodo postoperatorio. Deve essere abbastanza alto in modo che quando ti siedi le gambe possano stare dritte. Vale anche la pena prendersi cura dei buoni braccioli, su cui puoi contare quando sollevi.
    • Equipaggia il tuo bagno con corrimano e un sedile in modo da poter fare la doccia nel modo più sicuro possibile.

    Il programma generale di ginnastica postoperatoria terapeutica

    La riabilitazione nel primo periodo dopo la sostituzione endoprotesica del ginocchio include esercizi regolari.Innanzitutto, vengono eseguiti con l'aiuto e sotto la supervisione di medici, dopo un po 'sarai in grado di fare da soli questi esercizi. Di solito, la ricarica complessa viene eseguita tre volte al giorno.

    • Allenamento alla caviglia. Questo è uno dei primi esercizi che saranno disponibili dopo l'intervento chirurgico. Mentre sei sdraiato, tira il calzino verso di te senza piegare le gambe, e poi lontano da te, come se cercassi di stare in punta di piedi. Prendere 10-15 approcci, ripetere ogni due o tre ore.
    • Tensione muscolare statica A causa del fatto che prima dell'operazione hai fatto esercizi terapeutici, i tuoi muscoli hanno raggiunto un tono. E ora devi ricordarglielo. Trascorri un "roll call" dei muscoli del sistema muscolo-scheletrico: sdraiati sul letto, sforzati alternativamente i glutei, i muscoli anteriori e posteriori della coscia. Questa tensione controllata e il rilassamento dei muscoli aumentano la circolazione del sangue e portano gli arti inferiori al tono necessario.
    • Oscillazioni laterali del piede. Immagina di stare in piedi su un pavimento piatto all'attenzione frontale. Il tuo compito: prendi la gamba operata di lato e ritorna alla posizione di partenza. Nonostante la rivolta della fantasia, non puoi sopportare per ora, il poeta sta facendo l'esercizio sdraiato. Non dimenticare di tirare il calzino su te stesso mentre le gambe si stanno allontanando e riposare tra le serie.
    • Alza le gambe sdraiati. Sdraiati sulla schiena, affaticare i muscoli della coscia anteriori, tirare il calzino verso di sé e sollevare la gamba operata da qualche parte di 20-30 cm. Tenerla in questa posizione per un massimo di 10 secondi, il più a lungo possibile senza dolore. Appoggia lentamente il piede sul divano, riposa per un paio di minuti e ripeti l'esercizio. È necessario fare circa una dozzina di approcci con pause per il riposo e il rilassamento muscolare.
    • Alza le gambe stando seduti. Quando il dottore ti permette di sederti, lo stesso esercizio del precedente può essere eseguito sulla sedia. Per fare ciò, devi raddrizzare la gamba il più possibile, provare a sollevarla leggermente sopra il pavimento e tenerla in questa posizione per 5-10 secondi.
    • Piegando le gambe stese. Sdraiati comodamente e lentamente inizia a tirare verso di te l'arto operato senza sollevare i talloni dal divano. Raggiungere la curva della gamba ad angolo retto, allo stesso modo, lentamente, riportarla al suo posto.
    • Piegando le gambe stando seduti. Sedetevi sul bordo del letto, mettendo una gamba sana sotto il tallone dell'operato, provate a piegare la gamba il più possibile. Tienila in quella posizione per alcuni secondi. Quindi riportare la gamba nella sua posizione originale.
    • Per evitare le piaghe da decubito, tu sarà necessario fare elevazioni pelviche dalla posizione pronagambe piegate alle ginocchia Non dimenticare che non è ancora possibile caricare l'arto operato, quindi appoggiarsi su una gamba e spalle sane. Puoi anche provare a piegare e alzare la schiena, aggiungendo una testa come punto di appoggio.
    • Allena le tue mani: la loro resistenza sarà utile quando si cammina con le stampelle. Per fare ciò, si consiglia di allargare le braccia lateralmente, tenendo l'espansore del nastro o l'imbracatura elastica.

    Nelle prime due o tre settimane dopo l'endoprotesi, la parte principale degli esercizi di fisioterapia è volta a ripristinare l'attività motoria degli arti inferiori. È anche importante durante questo periodo portare il tono e tutti gli altri muscoli del corpo, per aumentare la resistenza ai carichi.

    Oltre alla terapia fisica, è possibile mostrare attività come la ginnastica in acqua nella piscina, camminare su un trainer a gradini, un massaggio subacqueo a secco. Il primo addestramento che svolgerete sotto la supervisione dei medicie in 2-3 settimane, quando sei dimesso dall'ospedale, puoi continuare a farlo a casa, da solo. A questo punto, il dolore passa di solito, quindi le lezioni non dovrebbero darti fastidio.

    Formazione per la riabilitazione domiciliare

    Quando 15-20 giorni dopo l'intervento chirurgico siete finalmente a casa, non affrettatevi a rilassarvi. Al contrario: nuovi esercizi dovranno essere aggiunti agli esercizi controllati in ospedale. I compiti a casa sono una fase di riabilitazione molto importante. Quanto dura il recupero dopo l'intervento? Tutti individualmente, ma in media - circa sei mesi, ma in realtà - per tutta la vita. Perché la presenza di una protesi nell'articolazione del ginocchio, in un modo o nell'altro, cambierà tutta la tua solita esistenza.

    A seconda della tua salute e delle condizioni generali, puoi usare le stampelle, i camminatori speciali o un bastone. Un ulteriore supporto non ti farà male, purché tu possa contare sulla gamba operata con solo il 50% di carico. Il carico completo sulla gamba è possibile solo con il permesso del medico due mesi dopo l'endoprotesi.

    Dovresti anche continuare le lezioni in piscina: acquagym e nuoto aiutano a mantenere il tuo corpo in buona forma. Dopo otto settimane dal momento dell'operazione, di solito sono consentiti sport come ping-pong, golf, tiro e sci lento.

    In poche parole, la tua vita nel periodo postoperatorio dovrebbe essere moderatamente attiva: i carichi eccessivi sono controindicati come il riposo completo. Prova a trovare una via di mezzo e goditi la nuova situazione di vita.

    Ginnastica terapeutica nei primi quattro mesi

    Agli esercizi da te condotti in ospedale, devi aggiungerne di nuovi, aumentando gradualmente il carico sull'articolazione del ginocchio:

    • Piega gamba. Appoggia il tappetino, stenditi sullo stomaco e cerca di piegare il ginocchio il più possibile, per raggiungere il quinto punto con il tallone. Probabilmente, dopo l'operazione non ci riuscirai, ma in questo caso il processo è importante, non il risultato. Un esercizio simile può essere fatto da una posizione eretta, appoggiandosi su una gamba e corrimano sani (o su una superficie orizzontale stabile, come un tavolo).
    • Camminiamo sui gradini. Trova i passaggi con la ringhiera, perché hai bisogno di ulteriore supporto. In piedi su una gamba sana in fondo alle scale, porta l'arto operato un gradino più in alto. Puoi anche allenarti e scendere dalle scale e dai gradini laterali.
    • Da un piede all'altro. Per utilizzare tutti i piccoli muscoli del sistema muscolo-scheletrico, è molto utile eseguire un esercizio con il trasferimento di peso da un arto all'altro. Per fare questo, è meglio trovare un supporto per il quale manterrai e mettere i piedi di tutto il piede sul pavimento. In primo luogo, appoggiarsi su una gamba sana e poi lentamente iniziare a trasferire il peso da esso all'arto protesico e viceversa.
    • Becco del tallone. Un esercizio simile all'esercizio precedente può essere eseguito non solo con un'ampiezza laterale, ma anche con il trasferimento di peso dalla punta al tallone e dal tallone alla punta. Tenere i corrimani - una gamba protesica non può essere obbediente per la prima volta, e la caduta è piena di danni all'impianto.
    • Sposta il muro. Immagina di essere un atlante con una forza incredibile e vuoi spingere oltre i confini della tua casa. Stare di fronte al muro a distanza di un braccio, premerli contro la superficie. Piegare leggermente una gamba sana al ginocchio e una gamba protesica, per quanto possibile, rimettila indietro. Entrambi gli arti dovrebbero toccare il pavimento con tutto il piede. Ora fai uno sforzo nelle mani, come se cercassi di muovere il muro, senti la tensione dei muscoli nella gamba operata. Se la prima volta di fare il lavoro di Atlanta è fallito, non ti preoccupare: hai una dozzina di approcci in anticipo.
    • Mezzi squat. Questo esercizio è anche meglio da eseguire in supporto. Metti le gambe alla larghezza delle spalle, fermati su entrambi i piedi, raddrizza la schiena. Fai uno squat poco profondo (fino a 45 gradi) e torna alla posizione iniziale. Fai attenzione a non esagerare: se ti siedi troppo in basso, può portare a una dislocazione dell'articolazione del ginocchio, quindi qui lo zelo eccessivo è inaccettabile.
    • Lavora con l'Expander. Un espansore viene spesso utilizzato per sviluppare i muscoli sottostanti del sistema muscolo-scheletrico.Un'estremità è attaccata alla caviglia, l'altra a un supporto statico (sedia o piede sano), quindi vengono eseguiti esercizi per flettere e allungare le gambe. A causa della resistenza dell'espansore, viene creato un carico aggiuntivo sui muscoli della gamba protesica e quelli che non erano precedentemente coinvolti iniziano a lavorare. Grazie a tale allenamento, presto la gamba protesica sarà in grado di muoversi con la stessa dolcezza di una sana.

    Come avviene la riabilitazione dopo l'operazione, quanto velocemente possono essere ripristinate le funzioni motorie del corpo, dipende in gran parte dal paziente. Se le tue lezioni sono regolari e di alta qualità, indubbiamente, un buon risultato non richiederà molto tempo. Per eseguire correttamente la ginnastica complessa, puoi guardare gli esercizi nel video sul nostro sito web. Fateli insieme all'istruttore e muovete i primi passi sulla gamba rinnovata!

    Assistenti di riabilitazione naturale

    Per il rapido ripristino del sistema muscolo-scheletrico dopo l'impianto dell'impianto nella rotula, ai pazienti vengono spesso prescritte varie procedure fisiche. Cosa può aiutare nello sviluppo di un'articolazione del ginocchio?

    • Il primo è fango curativo. La terapia di fango come metodo per far fronte a molti disturbi, specialmente con problemi alle articolazioni, è nota da molto tempo. In condizioni moderne è spesso usato negli ospedali e nei sanatori per la riabilitazione postoperatoria dei pazienti. Le proprietà benefiche del fango terapeutico sono molto ampie: ha un'azione anti-infiammatoria e anti-batterica, migliora il tono muscolare generale e l'immunità. Contribuisce anche all'accelerazione dei processi metabolici nel corpo, che è molto importante nel periodo postoperatorio. Il trattamento di fango può essere effettuato sia nell'ospedale della tua città, sia negli ospedali in Russia (ad esempio a Pyatigorsk, nella regione di Volgograd sul Lago Elton, in Crimea, ecc.) E all'estero. Tutto dipende dalle tue capacità finanziarie. Se non sono grandi, allora puoi organizzare il trattamento a casa acquistando dello sporco in farmacia.
    • In secondo luogo, contribuiscono perfettamente alla riabilitazione dopo l'artroplastica del ginocchio. acqua minerale. Il trattamento con bagni di acqua minerale (balneoterapia) è anche un metodo noto da lungo tempo per ripristinare e rafforzare il corpo. Tali procedure d'acqua con un liquido proveniente da fonti minerali naturali hanno un effetto positivo sul rafforzamento dei tessuti ossei e cartilaginei, dell'apparato respiratorio e della salute generale. Migliorano il flusso sanguigno e danno energia ai pazienti stanchi. A proposito, è utile in acqua minerale non solo per fare il bagno, ma anche per berlo per purificare il corpo e saturare le cellule con l'ossigeno.
    • In terzo luogo, una parte importante della riabilitazione è akvagimnastika. Ha un effetto benefico sullo sviluppo del sistema respiratorio, che è molto importante dopo l'intervento chirurgico. Inoltre, facendo esercizi in acqua accelera la circolazione del sangue e migliora il tono dei vasi sanguigni. È utile per tutto il corpo e, in particolare, per il sistema cardiovascolare. Il principale vantaggio di questo tipo di fisioterapia dopo l'artroplastica del ginocchio è che il carico dell'impianto è ridotto in acqua. In questo modo, sarai in grado di sviluppare la gamba protesica nel modo più sicuro ed efficiente possibile, senza temere di farti del male con il tuo stesso peso.

    Guarda il video: Riabilitazione Protesi di ginocchio. Settimana 1 e 2 (Dicembre 2019).

    Loading...