Repertorio medico

Risonanza magnetica della colonna vertebrale

Imaging a risonanza magnetica della colonna vertebrale - il tipo più informativo, accurato e affidabile di esame della colonna vertebrale e dei tessuti adiacenti, incluso il midollo spinale. Poiché questo metodo diagnostico non richiede un intervento strumentale, non ci sono tipi di radiazioni, ad eccezione del campo magnetico, è considerato uno dei più efficaci, promettenti e sicuri.

Avendo ottenuto una serie di sezioni utilizzando gli studi di risonanza magnetica, il medico valuta l'immagine delle sezioni spinali in 3 proiezioni reciprocamente perpendicolari. Con la risonanza magnetica (MRI) della colonna vertebrale, vengono visualizzati corpi vertebrali, dischi intervertebrali, articolazioni, midollo spinale e radici nervose che lasciano il canale spinale.

La risonanza magnetica (RM) è ampiamente utilizzata nella pratica neurologica, oncologica e neurochirurgica per diagnosticare varie malattie, per chiarire lo stadio e la gravità del processo patologico, per selezionare il trattamento per una diagnosi stabilita, per decidere sul trattamento chirurgico, per monitorarne l'efficacia o per rilevare complicazioni, e per la prevenzione e la diagnosi precoce di cambiamenti nel corpo (tumori, processi degenerativi, ecc.).

Risonanza magnetica della colonna vertebrale (cervicale, toracica, lombo-sacrale)

Indicazioni per l'esame spinale (risonanza magnetica cerebrale, risonanza magnetica del torace, risonanza magnetica della colonna lombosacrale):

  • lesioni spinali
  • la presenza di dolore nella spina dorsale di diversa origine (ernia dei dischi intervertebrali e loro protrusione, tumori, metastasi alla colonna vertebrale), metastasi alla colonna vertebrale danno spesso tumori di altri organi - per esempio, la prostata negli uomini, le ghiandole mammarie nelle donne, e così via,
  • lesioni degenerative-distrofiche dei corpi vertebrali e dei dischi intervertebrali - la malattia più comune della colonna vertebrale,
  • malattie infiammatorie (spondilite anchilosante, spondilite, ecc.),
  • processi distruttivi (necrotici) (osteomielite, spondilite tubercolare e altri),
  • anomalie vascolari (malformazioni) e disturbi circolatori nel midollo spinale,
  • malattie demielinizzanti (sclerosi multipla, sindrome di Guillain-Bare e altre mielopatie),
  • malformazioni della colonna vertebrale,
  • pianificare la chirurgia spinale e monitorarne l'efficacia.

Risonanza magnetica del midollo spinale

Indicazioni per MRI del midollo spinale:

  • sospetto di danno focale, tumori del midollo spinale o delle sue membrane,
  • valutazione degli spazi del liquido cerebrospinale del midollo spinale (spazi riempiti con liquido cerebrospinale), rilevamento di siringomielia (formazione di cisti nel midollo spinale),
  • valutazione dei risultati degli interventi chirurgici sul midollo spinale,
  • sospetto di patologia del midollo spinale di origine vertebrale, cioè causato da traumi, lesioni neoplastiche della colonna vertebrale, ernie di dischi intervertebrali.

A seconda della diagnosi prevista, al paziente può essere assegnata sia la risonanza magnetica dell'intera colonna vertebrale che i suoi reparti:

  • Risonanza magnetica del rachide cervicale (risonanza magnetica del collo),
  • Risonanza magnetica della colonna vertebrale toracica,
  • Risonanza magnetica del rachide lombosacrale (risonanza magnetica della parte bassa della schiena),
  • Risonanza magnetica della zona coccigea della colonna vertebrale (coccige RM).

Considerare ogni vista separatamente.

Risonanza magnetica del rachide cervicale

Va notato che le malattie del rachide cervicale e della colonna vertebrale lombosacrale sono notate dagli esperti come le più comuni.

Indicazioni per una risonanza magnetica del rachide cervicale:

  • spondilosi deformante, osteocondrosi del rachide cervicale,
  • protrusione ed ernia dei dischi intervertebrali del rachide cervicale,
  • metastasi di vari tumori nella colonna cervicale,
  • stenosi del canale spinale,
  • lesioni del rachide cervicale (frattura, lussazione, spostamento dei corpi vertebrali),
  • sindrome del collo corto (sindrome di Klippel-File),
  • la presenza di vari cambiamenti patologici nel midollo spinale cervicale.

Risonanza magnetica della colonna vertebrale toracica


La risonanza magnetica della colonna vertebrale toracica è prescritta a pazienti con:

  • lesioni e fratture della colonna vertebrale, anche in assenza di cambiamenti sulla radiografia,
  • osteocondrosi,
  • sospetti di ernia e protrusione del disco intervertebrale,
  • difetti congeniti e acquisiti dello sviluppo o della struttura della colonna vertebrale,
  • tumori della colonna vertebrale toracica, incluso il carattere secondario (metastatico),
  • processi demielinizzanti (sclerosi multipla, encefalomielite acuta disseminata). La risonanza magnetica è l'unico metodo di diagnostica strumentale e di imaging delle malattie demielinizzanti,
  • disturbi acuti della circolazione del sangue spinale, così come malformazioni vascolari nel midollo spinale.

Risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale

La RM della spina lombosacrale è il metodo diagnostico più popolare nella pratica neurologica e neurochirurgica. Questo tipo di esame è prescritto per varie condizioni dolorose (cambiamenti) nella colonna vertebrale, nel midollo spinale, ecc.

La risonanza magnetica della spina dorsale lombosacrale consente di scattare fotografie (o come vengono chiamate sezioni) dei corpi vertebrali, dei dischi intervertebrali, del cono del midollo spinale e degli elementi di equiseto, ecc.

La risonanza magnetica lombosacrale può essere prescritta per te se hai le seguenti malattie e cambiamenti patologici:

  • osteocondrosi, deformazione della spondilosi del rachide lombosacrale,
  • sporgenze ed ernie dei dischi intervertebrali della colonna lombare,
  • metastasi della colonna lombare,
  • stenosi del canale spinale,
  • lesioni della colonna vertebrale lombare (fratture, lussazioni o instabilità spinale),
  • malformazioni della colonna lombare,
  • la presenza di vertebre transizionali (sacralizzazione, lumbarizzazione dei corpi vertebrali).

Nella maggior parte dei casi, la risonanza magnetica della colonna lombosacrale evita vari metodi di ricerca invasivi e non invasivi, come la puntura lombare, la mielografia e l'angiografia.

Risonanza magnetica delle articolazioni sacro-iliache e della zona coccigea della colonna vertebrale (MRT del coccige)

Oggi, la RM delle articolazioni sacro-iliache e del coccige è l'unico metodo di ricerca che consente di diagnosticare malattie specifiche di queste parti della colonna vertebrale con un alto livello di accuratezza. La popolarità di questo studio è basata sulla sicurezza e sulla non invasività.

Indicazioni per l'uso del coccige RM:

  • sindrome del dolore - eziologia poco chiara,
  • lesioni traumatiche di strutture ossee.

Indicazioni per lo studio delle articolazioni sacro-iliache:

  • cambiamenti traumatici
  • cambiamenti infiammatori in quest'area (caratteristica della spondilite anchilosante, ecc.),
  • tumore.

Se la risonanza magnetica della colonna vertebrale (o di qualsiasi altro organo) è stata eseguita in precedenza, i medici consigliano di portare questi risultati con voi. Quindi gli esperti saranno in grado di garantire un risultato più affidabile, oltre a seguire le dinamiche del processo (malattia).

La risonanza magnetica della colonna vertebrale non richiede una speciale preparazione preliminare.

Per quanto riguarda la presenza di controindicazioni, e sono quasi la stessa per tutti i tipi di studi di risonanza magnetica, assicurati di consultare uno specialista!

Tra le principali controindicazioni:

  • la presenza di un pacemaker, vari corpi metallici estranei, impianti, perni metallici, placche e disegni per l'osteosintesi,
  • claustrofobia, comportamento mentale inadeguato,
  • gravi malattie di natura cronica nella fase di grave scompenso.

Attualmente, la risonanza magnetica (MRI) è emersa nella diagnosi della maggior parte delle malattie del midollo spinale e della colonna vertebrale, spingendo in sottofondo metodi come la mielografia e la tomografia computerizzata (CT) della colonna vertebrale.

È possibile condurre uno studio di risonanza magnetica senza prescrizione medica, se è necessaria una risonanza magnetica se si ha mal di testa e altre domande da pazienti con commenti dalla risonanza magnetica del medico.

Imaging a risonanza magnetica

Questo metodo si basa sull'uso di un potente campo magnetico con un impulso ad alta frequenza radio. È interessante notare che questa procedura non richiede alcuna preparazione speciale da parte del paziente, è solo necessario rimuovere tutto ciò che attrae i magneti, può essere bigiotteria, orologi, braccialetti, arti artificiali, ecc. Il paziente si sdraia su un tavolo speciale, la testa, le mani e il torace sono fissi su di lui, quindi il tavolo viene inserito in uno speciale apparecchio. L'intera procedura dura da mezz'ora a due ore, a seconda del caso clinico del paziente.

Quando si utilizza una risonanza magnetica del rachide cervicale, è possibile identificare un ampio spettro della malattia in un paziente. L'ultima tecnologia consente di effettuare una diagnosi accurata in malattie come l'ernia, l'osteocondrosi, vari tumori, anomalie della struttura delle vertebre, lesioni e stenosi spinale. Se si sospettano ematomi nella sezione cervicale, il medico può prescrivere una risonanza magnetica dei vasi cervicali al paziente, questa procedura consente anche di vedere le condizioni dei tessuti molli del collo. Tutto ciò contribuisce a una diagnosi più accurata della malattia.

Centro medico SAM

L'essenza della risonanza magnetica della colonna vertebrale toracica è la stessa della tomografia cervicale, spesso viene prescritta per rilevare malattie simili. Un paziente che deve sottoporsi a questa diagnosi non deve avere paura, poiché la procedura è assolutamente indolore e innocua. L'unico disagio può essere un forte ronzio, che rende il dispositivo, ma, di regola, le cuffie sono offerte al paziente. All'interno del dispositivo è presente un interfono speciale, se necessario, il paziente può contattare l'infermiera.

Per diagnosticare le patologie dei processi degenerativo-distrofici, il neurologo prescrive una risonanza magnetica della colonna vertebrale sacrale. Questa analisi consente anche di esplorare lo stato del midollo spinale e dei dischi intervertebrali. La risonanza magnetica viene eseguita su due proiezioni: trasversali e sagittali.

Ci sono controindicazioni Consultare uno specialista.

I seguenti tipi di diagnostica della malattia sono eseguiti nella sala RM:

  • del cervello,
  • ghiandola pituitaria,
  • angiografia cerebrale,
  • colonna vertebrale cervicale
  • colonna vertebrale toracica
  • colonna vertebrale lombosacrale,
  • piccolo bacino
  • articolazioni grandi

Angiografia a risonanza magnetica (MRA) - un metodo per ottenere immagini di vasi usando una termocamera a risonanza magnetica. Il metodo consente di valutare sia le caratteristiche anatomiche che funzionali del flusso sanguigno. L'ARR si basa sulla differenza tra il segnale del tessuto mobile (sangue) e dei tessuti immobili circostanti, che consente di ottenere immagini di vasi senza l'uso di alcun mezzo di contrasto a raggi X.

Indicazioni per risonanza magnetica della regione cervico-toracica

  1. Osteocondrosi cervico-toracica, protrusione ed ernia intervertebrale della regione cervico-toracica
  2. Possibile restringimento (stenosi) canale spinale)
  3. Processi sistemici autoimmuni della regione cervico-toracica: spondilite, spondilite anchilosante (spondilite anchilosante)
  4. Lesioni distruttive delle malattie necrotiche e infettive cervico-toraciche: osteomielite, processo tubercolare nelle vertebre
  5. Tumori di corpi vertebrali e midollo spinale della regione cervico-toracica
  6. Metastasi nelle vertebre o nel midollo spinale da tumori distanti
  7. Dolori e sensazioni incomprensibili a lungo termine: mal di testa, in combinazione con vertigini, rigidità del collo, dolore alle mani, sotto la scapola, al petto (specialmente quando si prova a inalare), sensazione di ferite alle radici, intorpidimento alla nuca, spalla e spalla, polpastrelli, sensazione strisciare pelle d'oca nel collo e nella regione toracica
  8. Anomalie nello sviluppo della regione cervico-toracica: sindrome di Klippel-File (collo corto), presenza di costole cervicali, biforcazione dei processi vertebrali, ecc.
  9. Malattie di natura autoimmune e infiammatoria che colpiscono il midollo spinale: sclerosi multipla, mielite, aracnoidite, ecc.
  10. Malattie neurovascolari e anomalie
  11. Danni meccanici alle vertebre (fratture, fratture delle vertebre), dischi vertebrali a seguito di lesioni della regione cervico-toracica
  12. Lesioni complicate da lesioni del midollo spinale
  13. Preparazione per la chirurgia e l'osservazione durante il periodo di recupero

Una gamma così ampia di indicazioni è spiegata dal fatto che per la risonanza magnetica qualsiasi tessuto e organo è soggetto ad esame.

L'ernia sceglie raramente la regione cervicale come oggetto, ma la sua ristrettezza e l'enorme responsabilità nel rifornimento di sangue al cervello traduce immediatamente anche una piccolissima sporgenza di 2-3 mm in un oggetto pericoloso che richiede un controllo vigile. Anche pericoloso e spondilosi cervicaleportando alla crescita ai bordi delle vertebre osteofiti (Spikes).

La risonanza magnetica del rachide cervicale può rilevare la patologia nella fase iniziale della loro formazione e stabilirne il controllo

In questa foto: la risonanza magnetica del rachide cervicale ha rivelato la stenosi spinale, la cui causa è l'ernia dorsale delle vertebre cervicali C5 - C6

Informazioni per gli allarmisti: il principio della risonanza magnetica

Quando leggi i forum, involontariamente presti attenzione alle rivelazioni di persone che affermano di avere paura di sottoporsi alla risonanza magnetica della colonna vertebrale. Dicono che questa procedura è lunga, pericolosa e molto rumorosa. Per qualche ragione, c'è un pregiudizio che la radiazione radioattiva è presente durante la risonanza magnetica: apparentemente ciò è dovuto al nome originale di risonanza magnetica nucleare (RMN).

Nome NMR (risonanza magnetica nucleare) riflette la natura fisica del fenomeno: la capacità di tutti i nuclei di idrogeno contenuti in tutti i tessuti dove c'è acqua (e ce l'abbiamo ovunque, ma in quantità diverse) per rispondere a un campo magnetico di una determinata potenza e impulsi di frequenza.

Il tempo di rilassamento (calmamento dei protoni disturbati dei nuclei di idrogeno) T1 e T2 differisce per i diversi tessuti, per gli organi malati e quelli sani e dipende da quali atomi e molecole sono adiacenti ai protoni dell'idrogeno:

  • T1 - tempo di tornare per bilanciare parte dei protoni
  • T2 è il tempo di sfasamento (sfasamento) di un'altra parte di protoni di idrogeno, che sono influenzati dai protoni vicini

Tutti i segnali di risposta dai protoni dei nuclei di idrogeno vengono trasformati in un'immagine utilizzando un trasduttore di Fourier.

A seconda della frequenza degli impulsi e del tempo di risposta dell'eco, ci sono due tipi di immagini:

  • Calibrato T1 - è formato ad una frequenza di impulsi elevata e ad un rapido arrivo del segnale di risposta
  • Calibrato T2 - con una bassa frequenza di impulsi magnetici e una risposta dell'eco più lunga

La qualità dell'immagine dipende dal tempo di rilassamento T1 e T2 dei nuclei protonici nell'organo in studio e dalla scelta del tipo di immagine. Ad esempio:

  • I lipidi, i tumori, i vecchi ematomi, a causa della piccola quantità di acqua in essi contenuta, hanno un piccolo T1 e nell'immagine allineata con T1 sembrano contrasto
  • Formazioni edematose, liquido cerebrospinale, cisti contengono molta acqua, e quindi il ritorno dei protoni dei nuclei di idrogeno nella loro posizione originale richiede più tempo (T1 e T2 sono grandi). Nell'immagine allineata a T1, sono scarsamente visibili, la qualità dell'immagine di questi oggetti in formato T2 è molto più alta
  • Un contenuto più elevato di lipidi e meno acqua nella sostanza bianca del midollo spinale, rispetto al grigio, dà un'immagine T2 di qualità di contrasto. Su T1, il liquido cerebrospinale (CSF) è scarsamente visibile.

La risonanza magnetica del rachide cervicale viene eseguita in un'immagine T2 allineata in due o tre proiezioni, in ognuna delle quali, utilizzando bobine di frequenza del gradiente, vengono eseguiti tagli (una serie di immagini sullo stesso piano), a breve distanza (3-4 mm)

L'accuratezza della risonanza magnetica può essere migliorata con l'introduzione di un mezzo di contrasto con un pesante contenuto di metallo paramagnetico. gadolinio: riduce il tempo di rilassamento dei protoni T1 e T2.

I vantaggi del metodo MRI rispetto ad altri

  1. Questa è la ricerca medica ad alta tecnologia più accurata.
  2. L'esposizione magnetica è molto più sicura della radiazione radioattiva o ionica, quindi è possibile eseguire una risonanza magnetica senza mantenere gli intervalli di tempo necessari tra gli esami.
  3. Il tempo di passaggio di una risonanza magnetica della colonna cervicale è, in media, 20 minuti e può essere aumentato fino a un'ora con uno studio più dettagliato, quando viene iniettato il contrasto endovenoso
  4. Solo la sezione investigata è esposta ad influenza magnetica, ma non all'intera colonna vertebrale.

MRI cervicale: medicina high-tech

Essendo, infatti, in una comprensione semplificata, un enorme magnete, la risonanza magnetica può portare a seri problemi se gli inserti descritti sopra sono presenti nel corpo del paziente.

Una spiacevole sensazione di dolore sordo e dolente alla schiena.• presenza nel corpo del paziente di corpi estranei dal metallo (vari impianti, dentiere e perni, placche per osteosintesi, clip su vasi cerebrali, ecc.), • presenza di dispositivi elettronici impiantati (pacemaker, pacemaker), • grave anemia quando si esegue la risonanza magnetica con contrasto.Tali malattie del midollo spinale come mielite, aracnoidite, sclerosi multipla,

E se il prezzo di Mosca è interessato alla risonanza magnetica del rachide cervicale, allora nella capitale si possono trovare centri di MRI più economici, come, in linea di principio, i più costosi. E nella tua città di risonanza magnetica cervicale, il costo può essere più alto che in una grande città, e questo è dovuto alla richiesta della procedura.

Prezzi di risonanza magnetica cervicale

  • L'elenco delle controindicazioni per questo studio include una reazione allergica agli agenti di contrasto.
  • Registrazione su MRI e CT a San Pietroburgo:
  • Per la presenza di processi e formazioni infiammatorie nella vertebra cervicale e persino nelle metastasi.
  • Nelle malattie demielinizzanti del sistema nervoso,

Se ci sono vari impianti, protesi, pacemaker, ecc. Impiantati nel tuo corpo, una scansione MRI del rachide cervicale viene sostituita da un altro metodo di esame.

T2 è il tempo di sfasamento (sfasamento) di un'altra parte di protoni di idrogeno, che sono influenzati dai protoni vicini

Anomalie nello sviluppo della regione cervico-toracica:

MRI - come funziona?

Ad esempio, il paziente lamenta dolore al collo, l'inizio di intorpidimento alle mani, calo della pressione sanguigna, tinnito, frequenti capogiri, c'è anche problemi di udito e di vista. Tutti questi sintomi sono malattie abbastanza comuni e, senza uno studio accurato, il medico non può compilare un quadro completo di ciò che sta accadendo, perché l'elenco delle malattie e dei problemi che un paziente può incontrare è molto esteso.

Una procedura di risonanza magnetica del rachide cervicale dura da 15 a 30 minuti.

Non è necessaria alcuna preparazione speciale per questo studio. Al paziente non sarà richiesto di modificare il normale programma di vita, l'aderenza a una dieta specifica o di cancellare o prescrivere alcuni preparati farmaceutici.

Tomografia del collo - quando la ricerca non può essere fatta senza

Puoi anche risparmiare in modo significativo iscrivendoti di notte o nei fine settimana.

Inoltre, ora l'immagine fornita dall'MRI facilita notevolmente la chirurgia spinale, riducendo così tutti i possibili rischi al minimo.

  • Tra i lettori del nostro sito, il "Centro diagnostico europeo" si è raccomandato bene, dove è possibile sottoporsi a una risonanza magnetica della regione cervicale e ottenere il risultato il più presto possibile. Qui, viene utilizzata un'attrezzatura di livello esperto: un tomografo a 1,5 Tesla, che consente di ottenere le immagini più di alta qualità, mentre il tempo di ricerca è minimo a causa dell'aumentata velocità di scansione.
  • Fratture, spostamento del disco intervertebrale,
  • Disponibilità di benefici
  • Calibrato T2 - con una bassa frequenza di impulsi magnetici e una risposta dell'eco più lunga
  • Malattie della natura autoimmune e infiammatoria che interessano il midollo spinale:
  • Identifica le anomalie delle vertebre cervicali
  • E qui, la risonanza magnetica di questa colonna vertebrale è una soluzione ideale che non solo consente di individuare con precisione il problema e fare una diagnosi accurata, ma anche di determinare il grado di cambiamento che ha iniziato a influenzare gli elementi strutturali delle vertebre, e questi sono dischi intervertebrali e vertebre, muscoli, legamenti , vasi sanguigni, nervi.
  • ​ ​
  • Per sottoporsi alla procedura, è necessario prendere le indicazioni del medico, per prendere i documenti relativi alla malattia, i risultati degli studi precedenti.
  • La RM della colonna cervicale (imaging a risonanza magnetica) è un esame diagnostico, con il cui aiuto è possibile identificare processi patologici e danni nelle vertebre, nei tessuti molli e nel midollo spinale del dipartimento.

Guarda il video: RISONANZA MAGNETICA (Dicembre 2019).

Loading...